Latina

RSS logo

Mailing-list Latina

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • donazione ONLINE con carta di credito
  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

Lista Latina

...

Articoli correlati

  • Il presidente Santos intende privatizzare l'intero sistema educativo del paese

    Colombia: studenti in lotta sull'onda cilena

    Tutta la società civile appoggia la protesta studentesca
    19 novembre 2011 - David Lifodi
  • Francia :  "Un Crack nella Sanità ?"
    In occasione della Giornata Mondiale del Rifiuto della miseria, 17 ottobre, l’associazione “Médecins du Monde” pubblica un sondaggio sull’accesso alle cure sanitarie in Francia:

    Francia : "Un Crack nella Sanità ?"

    Un altro passo verso l’esclusione dei più deboli dal sistema sanitario pubblico. Alla crisi economica, che si traduce in una aumento della povertà, si aggiunge la posizione dello stato che si preoccupa più della sicurezza che del sociale.
    Redazione Le Figaro
  • Continua il dibattito in seguito alla repressione della polizia

    Tipnis boliviano: prosegue la marcia indigena

    Nominati i nuovi ministri agli Interni e alla Difesa
    4 ottobre 2011 - David Lifodi
  • Le Differenze di Genere nella Cultura Occidentale. Un confronto tra razzismo e patriarcalismo. Il conflitto sessuale non è a se stante, ma partecipa di una conflittualità che permea tutto il reale.

    "Prospettiva Persona" per la Pace

    La Rivista “Prospettiva Persona”, realizzata dal Centro di Ricerche Personaliste di Teramo, Trimestrale di cultura, etica e politica, edita da RUBBETTINO, è diretta da Attilio Danese e Giulia Paola di Nicola, in collaborazione con Giovanni Marcotullio.
    4 ottobre 2011 - Laura Tussi
L'esercito ha tentato di impedire con violenza l'arrivo dei movimenti indigeni a Ibaguè

Colombia: la marcia indigena prosegue nonostante le aggressioni governative

Il 21 Novembre è previsto l’arrivo a Bogotà
16 novembre 2008 - David Lifodi
Fonte: www.redcolombia.org - 18 novembre 2008

Prosegue la marcia dei movimenti indigeni e popolari colombiani verso Bogotà per rivendicare i diritti ancestrali sulle proprie terre e protestare contro le politiche repressive del governo Uribe, sempre più legato ai paramilitari. Sulla sua strada però, la Minga de Resistencia Social y Comunitaria, organizzata dal Cric (Consejo Regional Indígena del Cauca), ha trovato ancora una volta le provocazioni governative. Il 13 Novembre (34° giorno di marcia) i movimenti avevano in programma l'arrivo nella città di Ibagué, dove la situazione era già critica per l'attività eruttiva del vulcano Machín. Sfruttando questo fatto, il governo ha colto l'occasione per chiedere alla Minga di modificare il percorso della marcia con il pretesto che le autorità della città non sarebbero state in grado di ricevere l'arrivo della mobilitazione indigena. In realtà Ibagué rappresenta un luogo simbolo dello sfruttamento intensivo e indiscriminato del territorio, "la stessa eruzione del vulcano simboleggia la rivolta della Madre Terra", hanno spiegato gli indigeni in marcia, il cui obiettivo era visitare gli sfollati causati dall'eruzione del Machín. Già il giorno prima dell'arrivo a Ibagué il governo aveva fatto presagire quali sarebbero state le sue intenzioni, trattando i marciatori alla stregua di pericolosi terroristi e minacciandoli di interrompere la manifestazione con la forza tramite l'invio dei Carabineros e dei temibili Escuadrones Móviles Antidisturbios. Inoltre, precisano gli indigeni, "il governo ha preferito investire tutte le sue risorse nell'invio dell'esercito piuttosto che occuparsi della popolazione sfollata a causa dell'eruzione del vulcano Machín". A circa sei chilometri dal centro di Ibagué, le organizzazioni popolari sono state bloccate con violenza dall'esercito colombiano, che ha aggredito i partecipanti alla marcia violando i loro più elementari diritti: alcune persone sono state calpestate dalla Cavalleria dell'esercito, e durante l'attacco non sono state risparmiate donne e minori.
La protesta della Minga, iniziata lo scorso 14 Ottobre, intende arrivare ad ogni costo a Bogotà per protestare contro le fallimentari politiche di "sicurezza democratica" a cui crede fermamente Uribe, che lo scorso anno ha addirittura rifiutato di sottoscrivere la Dichiarazione Universale dei Popoli Indigeni presso le Nazioni Unite.
Purtroppo le provocazioni verso i movimenti indigeni sono ben lontane dall'essere terminate: lunedì 17 la marcia dovrebbe arrivare all'Universidad de Cundinamarca, sede di Fusagasugá, dove il rettore e il sindaco del municipio non sembrano assolutamente intenzionati a ricevere i circa dodicimila partecipanti. Stavolta la motivazione addotta come scusa riguarderebbe i problemi derivanti dall'impossibilità di accogliere ben dodicimila indigeni. "L'università è pubblica, non appartiene né al rettore né al sindaco", hanno scritto in una nota gli studenti, che già hanno organizzato seminari congiunti con i movimenti popolari su sicurezza alimentare e sanità.
Il prossimo 21 novembre la marcia raggiungerà Bogotà, dove si terrà un dibattito con il presidente Uribe, mentre il giorno successivo la Minga parteciperà, sempre nella capitale, al Foro de los Pueblos Indígenas.

Note:

Articolo realizzato da David Lifodi per www.peacelink.it
Il testo è liberamente utilizzabile a scopi non commerciali citando la fonte e l'autore.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy