Sociale

RSS logo

Mailing-list Volontariato

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

Lista Volontariato

...

    Una casa, ma anche solo un caffè, per giornalisti di buona volontà. Nel 2012: 88 giornalisti uccisi/ 879 tra arrestati o fermati / 1993 aggrediti o minacciati/38 rapiti/73 costretti ad abbandonare il loro Paese/ 6 collaboratori dei media uccisi

    L'esilio forzato di troppi giornalisti

    La Maison des journalistes, contro la sofferenza e l'ingiustizia, dunque il bisogno di solidarietà in nome di valore comune, a prescindere dalle diversità della lingua e da convinzioni politiche e/o religiose: la libertà d'informazione è l'ossigeno per anime e menti...
    15 aprile 2013 - Nadia Redoglia

    Affettuoso abbraccio a voi colleghi italiani, bentornati dal “fermo siriano”! A voi che stavate là per documentare tra filmati, interviste, appunti realizzati spesso in affannosa corsa da adrenalina a mille, pronti a rifugiarvi al coperto per non essere ammazzati, incarcerati, rapiti, vessati psicologicamente, al solo fine di trasmettere all’occidentale Italia cos’altro accade oltre i suoi confini: un tutto assorbito sulla vostra pelle, mica su giubbotti antiproiettile molto trend per indigeni colleghi che, previo trucco&parrucco, sono usi a uscire da hotel semilusso messi loro a disposizione da testate vip che sbancano share con quella diretta lì… La casa, ma anche solo un caffè

     

    Mi piace pensare alla vostra liberazione proprio nel giorno in cui Torino, la mia città, ospitava nella sede del suo Ordine dei Giornalisti (sempre disponibile e attento, ma in modo particolare per tutto ciò che riguarda il sociale degli ultimi) la “Maison des Journalistes”, organizzazione parigina presieduta da Darline Cothière, che dal 2002 s’è prefissa lo scopo, raggiungendolo,  di fornire rifugio, ma soprattutto restituire “l’onor del mondo” a centinaia di giornalisti costretti a fuggire dal loro Paese per causa di quel mestiere. Grazie alla sensibilità della collega Rosita Ferrato che ha trovato il modo per sintonizzarsi con l’organizzazione parigina fondando il “Caffè dei Giornalisti”, una “maison” a suo dire per ora piccina rispetto a quella parigina, ma grandissima quanto ad appassionato obiettivo: portare oltre il confine francese, da sempre apripista nel focalizzare carenze negli umani diritti, durissima realtà di tutti quelli che in quanto giornalisti, ma non solo, lottano contro un sistema che come principale scopo ha l’imprigionare, in più forme, la libertà di stampa, di pensiero e di parola. I tre testimoni presenti a Torino (Jean Claude Mbede, giornalista del Camerun, Nart Abdulkareem giornalista siriano, Karim Rahamani giornalista iraniano) riusciti a scappare dalle loro Terre, tra mille pericoli e milioni d’incognite, ci hanno raccontato storie raccapriccianti (omicidi, reclusioni, torture, vessazioni psicologiche) per quanto concerne “la press” non al soldo del regime di Stato.

    Trattasi del ben noto “male non fare, paura non avere” che da noi è, non solo per quanto a libertà di stampa, già ampiamente (ri)conosciuto per consolidato monito mafioso. Per tutto il resto del pianeta, mafioso e no, s’ha da intendere in un solo modo: tutto ciò che è inviso al potere (o regime) di governo è da considerarsi male senza se e senza ma.

     

    Il nostro europeo Paese, quanto a statistica mondiale per la libertà di stampa, si piazza al 57° (ignobile numero se rapportato ai primi tre posti dell’europee Finlandia, Olanda e Norvegia) posto, dopo Botswana e Niger.

    A voi, gente di buona volontà, trarre spunti di riflessione…

    Note:

    P.za Carlo Alberto - Torino mostra ( 12 aprile/ 5 maggio) Exile- Giornalismo esiliato

    PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy