PeaceLink Abruzzo

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • Conto Corrente Bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Jalal Talabani, un peshmerga, un leader, un uomo di pace
    Jalal Talabani non è stato soltanto, fino al 2014, il Presidente della Repubblica dell’Iraq. E’ stato il garante istituzionale di un Paese nato esattamente un secolo fa.

    Jalal Talabani, un peshmerga, un leader, un uomo di pace

    E’ trascorsa una settimana dal Referendum - così a lungo atteso - per l’indipendenza del Kurdistan Iracheno. Oggi la notizia della morte di Jalal Talabani. I due eventi, casualmente così ravvicinati, sembrano concatenarsi in una sequenza simbolica di passaggio di testimone.
    4 ottobre 2017 - Andrea Misuri
  • Il filo rosso dei deboli e degli indifesi di Dino

    Il filo rosso dei deboli e degli indifesi di Dino

    Ma si riuscirà mai, per dirla con don Lorenzo Milani, a far strada agli impoveriti senza farsi strada? Portare al centro della politica gli ultimi, gli emarginati, gli impoveriti, i lavoratori, chi lotta contro le ingiustizie, le mafie, la disumanità e la barbarie delle guerre, facendo quanti più passi indietro perché siano loro a farne almeno una volta, almeno uno, avanti? Ma non sarebbe quasi ora di domandarsi, anche se non so quanti hanno fratelli che sono figli unici, se siamo ancora convinti che esistono gli sfruttati, i malpagati, i frustati, i calpestati e gli odiati e la vicinanza/distanza da loro?
    2 giugno 2017 - Alessio Di Florio
  • Una Perugia-Assisi straordinaria per fermare i Signori della guerra. Appello di Padre Zanotelli
    Il missionario richiama i pacifisti all'unità e all'azione

    Una Perugia-Assisi straordinaria per fermare i Signori della guerra. Appello di Padre Zanotelli

    L'Italia ripudia la guerra (art. 11 Cost.), non può puntare sulle armi come pilastro del Sistema paese e armare paesi in guerra o che violano i diritti umani
    16 aprile 2017 - Alex Zanotelli
  • Che cosa era la guerra?
    A ogni incontro, Gulala riporta una frase esplicativa nella sua semplicità, della poetessa americana Eve Merriam: “Io sogno di dare alla luce un bambino che chieda: Mamma, che cosa era la guerra?”

    Che cosa era la guerra?

    Brevi note dopo la cena-incontro solidale che da Campi Bisenzio ha dato voce a chi dall'Italia lavora per Kurdistan Save the Children. Un progetto che prosegue, un ponte reciproco con la regione tormentata del Nord Iraq.
    6 marzo 2017 - Andrea Misuri
Petizione al Sindaco D'Alfonso di Tusio De Iuliis

Lettera aperta contro la proposta del Comune di Pescara di realizzare un monumento alla pace dall'intestazione un po' confusa .....

L'amministrazione pescarese ha deciso di dedicare un monumento ai "martiri di Nassiriya". Tusio De Iuliis dell'Associazione Aiutiamoli a Vivere, impegnata da anni in progetti di solidarietà in Iraq esprime il proprio dissenso.
4 agosto 2005 - Tusio De Iuliis (Associazione Aiutiamoli a Vivere - Passage to the south)

LETTERA APERTA

Ø Al Signor Sindaco del Comune di Pescara

Ø Al Signor Presidente del Consiglio Comunale

Ø Al Signor Vice Sindaco

Ø Ai Signori della Giunta

Ø Ai Signori rappresentanti in Consiglio Comunale

Ø Ai Capi gruppo in Consiglio Comunale

Ø Agli Illustri Rappresentanti

il Comitato tecnico organizzativo

Ø Alla Rete Non Violenta Abruzzo

Ø Al Social Forum Abruzzo

Ø Ai Signori rappresentanti dell’informazione

Signor Sindaco, Signor Presidente del Consiglio, Illustrissimi Signori in indirizzo,

i tempi che la nostra società sta attraversando sono molti difficili e per alcuni versi colmi di orrori e nefandezze da renderne quasi impossibile un riscontro con la memoria storica delle barbarie della nostra umanità.

Solo molto casualmente, ho letto, dell’intenzione dell’amministrazione comunale della città di Pescara di erigere un monumento alla pace, senza però poter fare a meno di riflettere con grande preoccupazione alle dichiarazioni espresse sulle motivazioni e sulla intitolazione.

Leggo testualmente sul documento ufficiale dell’ufficio di presidenza:

“… presentazione del Monumento per gli Operatori di Pace nel Mondo ed a ricordo della Vittime di Nassiriya e contro ogni forma di terrorismo”.

Ed ancora oltre: “…Dopo la tragedia di Nassiriya, il Consiglio Comunale ha approvato alla unanimità un ordine del giorno affinché, oltre ad intitolare un’importante arteria cittadina, a ricordo di questo doloroso avvenimento, venisse realizzato anche un monumento che potesse meglio rappresentare la partecipazione ed il dolore di tutta la cittadinanza pescarese nei confronti dei familiari delle vittime (militari e civili), ma anche delle Istituzioni che i nostri sfortunati italiani rappresentavano in Iraq.

Il Monumento è anche dedicato a tutti gli Operatori di Pace nel Mondo per testimoniare…”

Una confusione evidente, incongruenze pesanti come macigni, sospettosi compromessi inapplicabili, volontà che voglio credere oneste ma che nella realtà confondono ancora di più una opinione pubblica “bombardata” da una disinformazione scientificamente calcolata e tragicamente falsa.

La “Pace” non è un oggetto plasmabile, è un bene prezioso tanto e come l’acqua, pulita e trasparente; è una parola chiara scritta nei testi fondanti delle Nazioni Unite (o di quel che ne rimane).

Senza dubbio i “ragazzi” di Nassiriya meritano un monumento.

Le vittime di quel tragico gesto terroristico meritano un ricordo per molti motivi:

1) Sono vittime perché inviati in Iraq a seguito ed a sostegno di quelle forze che militarmente hanno occupato quel Paese calpestando ogni diritto internazione ed ogni carta costituente i diritti dei popoli e i diritti umani.

2) Sono vittime perché inviati in Iraq da una maggioranza del nostro Parlamento, dal Governo e dal Presidente del Consiglio del nostro Paese sulla base di una spaventosa e cinica menzogna e per cercare armi di distruzione di massa (che tutti sapevamo non esserci fin dal 1998).

3) Sono vittime dell’inefficienza e della leggerezza di coloro i quali avevano il compito della sicurezza del Comando di Nassiriya.

Mentre da molto tempo prima, a Baghdad come a Bassora o come in altri luoghi sensibili dell’Iraq e perfino intorno ad alcuni alberghi erano stati costruiti frettolosamente paratie e difese di cemento armato, bitte di varie tonnellate di peso, recinti di filo spinato e tutto quanto potesse essere comunque necessario a ridurre o eliminare ogni tentativo di attacco dall’esterno, il Comando di Nassiriya rimaneva inspiegabilmente senza nessuna difesa adeguata.

4) Sono vittime perché inviati in Iraq a sostenere i responsabili dei peggiori crimini contro l’umanità.

5) Sono vittime perché inviati in Iraq a supportare i torturatori di un popolo indifeso.

6) Sono vittime perché inviati in Iraq per difendere gli accordi stipulati tra il nostro Governo, l’ENI ed il Governo del dittatore Saddam per lo sfruttamento dei pozzi di petrolio di Nassiriya

7) Sono vittime perché mandati in Iraq a guardare il genocidio di un popolo e l’assassinio a freddo di decine e decine di miglia di donne e bambini.

Elenco Comitato tecnico, organizzativo, cerimoniale per la realizzazione del monumento alla Pace:

Ricci prof. Ermanno quale rappresentante del Sindaco

Capitano di vascello Carlo Paternuosto Com.te dir. Marittima di Pescara

Ten. Col. Antonio Carideo – Com.te prov. Arma dei carabinieri

Dott. Alfredo D’Agostino – Vice questore aggiunto

Capitano Filippo Patri – Com.te Comp. Guardia di Finanza

Colonnello Fausto Frittoli – Ispettore reg. Abruzzo Ass. Naz. Carabinieri

Clementi prof. Alberto – Preside facoltà di architettura Univ. G. d’Annunzio

Signor Sindaco, signor Presidente, signori in indirizzo, questi ragazzi meritano un monumento perché vittime di un deliberato inganno senza precedenti.

Signori, se volete innalzare un monumento, che sia semplicemente un monumento alla Pace.

Prima di ogni soldato, prima di tutti, ci sono le vittime innocenti delle guerre e di tutti i terrorismi; le vittime della fame, delle malattie e del terrore che le donne e i bambini dell’Africa, del Sud-Est asiatico, del Sud America, del Sud del Mondo soffrono, pur sorridendo, giocando e piangendo allo stesso modo come le donne e i bambini d’occidente; le madri vestite di lutto, senza differenza di razza, religione o stato, con o senza burka; i popoli dimenticati; i soldati italiani in Kossovo, ingannati anche loro e lasciati morire (senza monumenti) nella solitudine più totale degli effetti devastanti dell’uranio impoverito; le vittime dei signori della guerra; le vittime innominabili come le donne, i bambini e gli uomini di Falluja massacrati a migliaia fin dentro le moschee, con armi sterminio

I ragazzi di Nassiriya meritano tutto il rispetto e più rispetto ancora, proprio per questo non potete nascondere la verità per la seconda volta.

Molti di loro li ho conosciuti personalmente sotto la tenda dell’ospedale della CRI a Baghdad, dove mi recavo a portare ai bambini lì ricoverati i miei peluche, dove spesso durante il frugale pranzo abbiamo scambiato opinioni e idee, e l’abbiamo fatto in piena onestà e chiarezza e alla fine ci siamo rispettati sempre.

Ho chiesto a loro di portarmi i libri raccolti in Italia per la Biblioteca della Facoltà di lingue (sezione di Italiano) dell’Università di Baghdad, lo hanno fatto senza nessun commento.

Signor Sindaco, signor Presidente del Consiglio, illustrissimi Signori in indirizzo, credo che anche voi, siete in qualche modo vittime di chi millantando la pace, in realtà vuole innalzare un obelisco alla guerra, all’odio, alla scontro religioso e culturale, ad un nazionalismo sciocco, fuori dal tempo, dalla ragione e dalla storia.

Ci sono valori come gli ideali sani, le utopie, i sogni di uomini straordinari e puliti, il lavoro di veri operatori di pace che non possono essere confusi o mediati dalla solita politica.

Sta a voi, alla vostra capacità di chiarezza, alla vostra onestà intellettuale e politica prendere le decisioni opportune per non diventare complici di un’altra menzogna ed uccidere per la seconda volta i ragazzi di Nassiriya.

Fra qualche giorno, mi pare il 6 di agosto, ci sarà l’anniversario della prima esplosione atomica su Hiroshima, un monito ed un orrore che non dovremmo mai dimenticare.

C’è una scuola, proprio nella nostra città, il Liceo Artistico “G. Mistioni” che da cinque anni lavora, studia, incontra personalità diverse della cultura, per arrivare alla progettazione di un monumento alla Pace; gli studenti, i professori gli artisti stanno lavorando per questo, loro…non posseggono computer che forniscono monumenti a comando, hanno però dalla loro parte l’umiltà e la passione, l’onestà dell’arte e della giovinezza.

Un monumento alla Pace non è solo una pietra scolpita o un disegno; non è un monolite senza anima; non è il prodotto richiesto anche se ad un buon professionista; è qualcosa di più; nasce lentamente, giorno per giorno, dallo studio e dall’esempio quotidiano; spesso nasce da idee a parole volutamente tenute isolate come fossero lebbra; nasce dalla sofferenza e dalla visione raccapricciante degli orrori di questa civiltà senza civiltà; nasce quasi sempre dalla solitudine in cui vengono rinchiuse le persone scomode; nasce dall’entusiasmo e dall’ottimismo; nasce dalla capacità di sognare e di tradurre i sogni in realtà senza essere sognatori; nasce dalla consapevolezza del valore della vita e del dolore della morte; nasce dalle speranze di milioni di uomini e donne, di ragazze e ragazzi, la maggioranza del nostro pianeta che si batte per un mondo migliore; non nasce dalla mente dei furbi ma dal cuore e dall’intelligenza delle persone oneste.

Mi spiace tantissimo che proprio voi proponenti un monumento alla “Pace”, il 21 di luglio 2005, alla serata di una musica non casuale come il Jazz, di solidarietà con le vittime di ogni guerra e di tutti i terrorismi, eravate spaventosamente tutti assenti.

“Beato il Paese che non ha bisogno di eroi” (Bertolt Brecht)

spero e confido nell’azione della società civile pescarese e abruzzese

spero e confido nell’azione delle persone intellettualmente oneste

spero e confido nell’azione dei movimenti e dei partiti democratici

spero e confido in un vostro ripensamento

Pescara 31 luglio 2005

In fede

Tusio De Iuliis

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.6 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Posta elettronica certificata (PEC)