Chi vuole costruire i Termovalorizzatori in Basilicata?

Con 593.000 abitanti la Basilicata può tanquillamente confondersi tra i quartieri partenopei, come il Vomero ad esempio. Stranamente, però, anche la Basilicata sta precipitando nell'emergenza rifiuti. Chi è interessato a fare business e speculare sulle emergenze dei rifiuti e sui termovalorizzatori?
23 aprile 2008
Felice Santarcangelo

- Con 593.000 abitanti la Basilicata può tanquillamente confondersi tra i quartieri partenopei, come il Vomero ad esempio. Stranamente, però, come Napoli e la Campania, anche la Basilicata sta precipitando nell'emergenza rifiuti, scoprendo tutto in un colpo, di non sapere dove smaltire i suoi 420 chilogammi di rifiuti pro-capite prodotti all'anno, nonostante questa quantità sia tra le più basse in Italia. Assistiamo alla frenetica attività degli Assessorati all'ambiente che, dopo l'apertura e l'ampliamento delle discariche di rifiuti tossici e nocivi a Paterno e Corleto Perticara, spingono verso la necessità di creare termovalorizzatori per smaltire i rifiuti prodotti dai comuni, perchè le discariche sarebbero quasi sature.

Termovalorizzare è il nuovo "verbo" coniato mediaticamente per far passare un nuovo concetto di incenerimento dei rifiuti producendo energia, anziché diossina (secondo gli stessi assessorati). Il conferimento in discarica costa, attualmente, ai Comuni circa 100-150 euro a tonnellata. Con l'incenerimento i costi aumentano: ai costi di incenerimento (mediamente sui 150-200 euro a tonnellata) vanno aggiunti i costi di smaltimento dei 300 Kg di ceneri a tonnellata che si producono con l'incenerimento, che diventano rifiuti tossici, per il cui smaltimento ci vogliono altri 60 euro/tonn. Facendo un pò di conti in tasca ai nostri amministratori, al costo dello smaltimento in valore assoluto pari a 100-150 euro/tonnellata vanno aggiunti i 60 euro del costo dello smaltimento in discarica delle ceneri prodotte da smaltire in discarica del tipo 2B. Per cui, sempre in valore assoluto, passiamo da 100-150 Euro a quota 200-250 euro/tonnellata.

Poi ci sarebbe da computare la "famosa" energia prodotta dai termovalorizzatori (ovviamente, tutta da dimostrare). Ma se nel bilancio energetico dell'impianto, il termovalorizzatore consuma lo stesso valore per produrla, dove sarebbe la convenienza di costruirli e metterli in esercizio? Forse nei contributi che noi paghiamo e che finiscono nelle tasche di progettisti e produttori di questa tecnologia? Resta, infine, l'inquinamento, ossia la diossina prodotta. Lungi dal pensare che tutto l'inquinamento prodotto sia sotto controllo, come dicono gli stessi amministratori e fautori dell'incenerimento dei rifiuti, sono proprio i controlli che non rappresentano la soluzione al problema della termovalorizzazione. Meglio evitare di produrre diossina per buona pace degli abitanti della Basilicata e della Val Basento che di veleni ne hanno già per le future generazioni!

E la raccolta differnziata che fine ha fatto? Ed i soldi investiti in questi anni in materia di rifiuti? I soldi spesi per le frenetiche attività in tema di tutela ambientale di Regione, Provincie, Comuni, AATO, Consorzi e chiunque ha usufruito di soldi pubblici per il bene comune, dove sono finiti? La differenziata già viene ben studiata dai ragazzi delle elementari, che hanno ben capito che differenziando i rifiuti porta a porta, riciclando e riutilizzando riusciamo a ridurre notevolmente le quantità, recuperando materiali utili fino al 75%.

In questo modo si potrebbe conferire in discarica solamente il 25% del volume dei rifiuti oggi prodotto. I 100-150 euro iniziali in valore assoluto del conferimento in discarica possono diventare 25-40 con buona pace dei contribuenti a cui gli Enti dovrebbero ridurre drasticamente non meno del 50% la bolletta pagata per lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani, finanziando così il lavoro di giovani nei comuni di residenza. Che i rifiuti siano un business lo sanno tutti. Anche se in Basilicata non ci sono infiltrazioni di tipo camorristico, le amministrazioni comunali cadono anche per colpa della gestione dei rifiuti solidi urbani: il caso del comune di Policoro è emblematico.

Incenerire o termovalorizzare significa, invece, produzione e utili nello smaltimento, tanto i rifiuti con le emergenze campane possono arrivare da tutte le parti d'Italia, proprio come già accade in Valbasento con i rifiuti tossici importati da tutta Italia. Se a Napoli si cerca di uscire dall'emergenza e non sprecare denaro dei contribuenti per evitare di ingrassare le imprese del settore, in Basilicata vogliamo invece arrivare alle emergenze per poi specularci sopra importando rifiuti, tanto pagano i cittadini?. Chi è interessato a fare business e speculare sulle emergenze dei rifiuti e sui termovalorizzatori?

Note: I video del convegno sul prossimo inceneritore di Matera subisce pesanti intimidazioni dal sindaco e dalla polizia per il solo motivo di riprendere l'evento e controbattere ad alcune falsità, ammesse poi da uno dei relatori

http://it.youtube.com/watch?v=LYKCOdU0A30

La replica in un pubblico comizio elettorale del sindaco di Matera
Emilio Nicola Buccico

http://it.youtube.com/watch?v=4rVn_a2C77M

Articoli correlati

  • PeaceLink Abruzzo

    A Maggio l'Arap chiese lo stop

    Appello delle associazioni: bloccate l’attuale procedimento, l’Ente ci comunica che in 3 mesi non ci sono state novità
    29 agosto 2018 - Arci Vasto, Cobas Chieti, Gruppo Fratino Vasto, Italia Nostra del Vastese, Stazione Ornitologica Abruzzese, Associazione Antimafie Rita Atria, PeaceLink Abruzzo
  • PeaceLink Abruzzo
    Verso l'importazione stabile dei rifiuti da fuori regione?

    Rifiuti in Abruzzo, privati subito all'attacco del nuovo Piano Regionale

    Proposta una nuova mega-discarica da ben 480.750 mc a Cupello non prevista dal Piano; le associazioni depositano durissime osservazioni alla V.I.A.
    29 agosto 2018 - PeaceLink Abruzzo, Associazione Antimafie Rita Atria, Stazione Ornitologica Abruzzese, Nuovo Senso Civico Onlus
  • Abruzzo, non è la 'ndrangheta che mancava, è la coscienza diffusa che manca
    Editoriale

    Abruzzo, non è la 'ndrangheta che mancava, è la coscienza diffusa che manca

    La recente scoperta di una vera e propria rete ‘ndranghetista, che ha cercato di dominare e opprimere la città di Francavilla e il circondario, è l’ultima (in ordine di tempo) dimostrazione che l’Abruzzo “isola felice” (come già scritto mesi fa) esiste solo nelle menti ipocrite di chi non vuol vedere, di chi vuol cullarsi in una pax borghese e disinteressata alle sorti comuni. La realtà dell’Abruzzo è questa da tantissimi anni.
    4 marzo 2017 - Alessio Di Florio
  • Abruzzo e mafie, quando si scuoteranno (e muoveranno) le coscienze?
    PeaceLink Abruzzo

    Abruzzo e mafie, quando si scuoteranno (e muoveranno) le coscienze?

    Le recenti parole di Claudio Fava, vicepresidente della Commissione parlamentare antimafia, sembrano calzare perfettamente anche alla nostra Regione: le mafie ci sono ma si preferisce troppo spesso non vedere, non cercare, girare la testa dall’altro. Per cullarsi nell’inganno dell’isola felice
    26 gennaio 2017 - Alessio Di Florio
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.10 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)