concerto

Steve Kuhn Trio a Parma per Ritmika

9 novembre 2004
ore 21:30

Con Steve Kuhn Trio si apre la stagione concertistica promossa dall’Associazione Musicale Ritmika. Oltre ad essere impegnata sul fronte della didattica, sono aperte le iscrizioni ai corsi di strumento per l’anno scolastico 2004/2005, Ritmika propone una serie di concerti “internazionali” con artisti provenienti da tutto il mondo (Kevin Hays Trio, Locke-Kikoski Quartet, Michael Brecker tanto per citarne alcuni), compensando così il carattere esclusivamente italiano della rassegna “…jazz” organizzata presso il Tribeca Club di via Mazzini.
L’appuntamento è fissato per martedì 9 novembre a Parma presso il Circolo di Lettura, il quale si ringrazia per la preziosa collaborazione, di via Melloni 4/a alle ore 21.30, con accesso gratuito.
Steve Kuhn è uno dei grandi maestri del piano jazz tuttora in attività; newyorkese di nascita, ha intrapreso giovanissimo gli studi pianistici sotto la guida di Marguerite Chaloff, celebre insegnante di scuola russa. Tra il 1959 e il 1963 suona con Kenny Dorham, Stan Getz e John Coltrane di cui è stato il primo pianista del leggendario quartetto insieme a Steve Davis e Pete La Roca. In seguito ha formato propri trii insieme a musicisti del calibro di Steve Swallow, Chuck Israels, Jack DeJohnette e Al Foster, affiancando alla carriera concertistica un intensa attività in studio di registrazione, incidendo numerosi dischi per la ECM e per le etichette Venus e Reservoir.
Al suo fianco George Mraz, un vero e proprio talento del contrabbasso jazz, a giudicare dalle importanti collaborazioni in curriculum: Dizzy Gillespie, Oscar Peterson, Bill Evans, Tommy Flanagan tanto per citarne alcuni. E’ attivo anche come leader di un proprio quartetto che vede la partecipazione di Renee Rosnes, Billy Hart e Rich Perry, con cui ha realizzato diversi album. Mraz, oltre ad essere dotato di un’infallibile senso dell’armonia, possiede una straordinaria tecnica strumentale che gli consente di costruire dei soli straordinariamente melodici e dotati di un’insolita fluidità espressiva.
Chiude la formazione il batterista Joey Baron, musicista ferratissimo e dotato di uno swing irresistibile e ricco di nuances, nonché uno dei jazzisti più eclettici e creativi sul suo strumento, aperto alle influenze musicali più diverse. Formatosi prevalentemente da autodidatta, attraverso l’osservazione degli altri musicisti e l’ascolto di dischi, radio e televisione, ha fatto parte per dieci anni della band di Bill Frisell, collaborando poi con Dizzy Gillespie, Chat Baker, Laurie Anderson, David Bowie, Philip Glass, Al Jarreau, Randy Brecker e tanti altri. Dopo tante collaborazioni anche un brano da solista: “Alfie” pubblicato nel CD “Great Jewish Music: Burt Bacharach”.
Per informazioni: Circolo di Lettura, via Melloni 4/a, 43100 Parma Tel. 0521-384338, 0521-287101
Ass.ne Musicale Ritmika, via P.Groppi 32 a/b, 43100 Parma – Tel. 0521-200131 – info@ritmika.itwww.ritmika.it.

Per maggiori informazioni:
Ass.ne Musicale Ritmika
0521-200131
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Ricorrenze del giorno

  • Anno 1998: A Viareggio muore don Beppe Socci, dopo aver speso una vita accanto agli ultimi e aver lottato, senza clamori, per una umanità semplice e nonviolenta

Dal sito

  • Cultura
    A Roma a San Lorenzo il Primo Festival del Libro per la Pace e la Nonviolenza

    Festival del Libro per la Pace e la Nonviolenza

    Quattro giorni di presentazioni di libri, incontri, film, workshops, stands a cura di numerose realtà italiane e non solo per aprire dialoghi e confronti su diritti, Mediterraneo e migranti, Obiezione di Coscienza, disarmo nucleare, educazione alla nonviolenza, cultura di pace
    17 gennaio 2022 - Laura Tussi
  • Cultura
    Nessun potere è stato in grado di mettere a tacere la sua disperata vitalità

    A cento anni dalla nascita di Pier Paolo Pasolini

    Scrive Enzo Golino: “Sul vuoto che Pasolini ha lasciato permane la difficoltà di cancellarne l’ombra, e più si tenta di cancellarla e più si proietta nella realtà che stiamo vivendo”. Rimane più che mai attuale la sia critica del potere e dell'omologazione della nuova società neocapitalistica.
    14 gennaio 2022 - Dale Zaccaria
  • Pace
    La prima cosa da chiedere è di non vendere armi all'Ucraina e di non farla entrare nella Nato

    Crisi Ucraina: il ruolo proattivo dei pacifisti

    I pacifisti dovrebbero dire no a un coinvolgimento militare della Nato. La crisi in Ucraina oggi è molto simile alla crisi di Cuba del 1962. Se ne può uscire con un atto di fiducia reciproca, smantellando le armi nucleari Usa in Europa in cambio di un impegno a garantire la sicurezza dell'Ucraina.
    11 gennaio 2022 - Alessandro Marescotti
  • Conflitti

    Scongiurare il conflitto in Ucraina

    Dal Comitato Esecutivo di IPPNW un documento che invita alla moderazione e al dialogo, nello sforzo di scongiurare il grave pericolo di una guerra che potrebbe facilmente degenerare in un conflitto nucleare.
    13 gennaio 2022 - Roberto Del Bianco
  • Latina
    Due anni fa i lavoratori avevano dato vita ad una cooperativa

    Argentina: a rischio sgombero la fabbrica recuperata de La Nirva

    Sono complici il giudice che ha notificato lo sgombero e l’ex padrone che adesso vuole riprendersi edifici e macchinari
    12 gennaio 2022 - David Lifodi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)