concerto

Steve Kuhn Trio a Parma per Ritmika

9 novembre 2004
ore 21:30

Con Steve Kuhn Trio si apre la stagione concertistica promossa dall’Associazione Musicale Ritmika. Oltre ad essere impegnata sul fronte della didattica, sono aperte le iscrizioni ai corsi di strumento per l’anno scolastico 2004/2005, Ritmika propone una serie di concerti “internazionali” con artisti provenienti da tutto il mondo (Kevin Hays Trio, Locke-Kikoski Quartet, Michael Brecker tanto per citarne alcuni), compensando così il carattere esclusivamente italiano della rassegna “…jazz” organizzata presso il Tribeca Club di via Mazzini.
L’appuntamento è fissato per martedì 9 novembre a Parma presso il Circolo di Lettura, il quale si ringrazia per la preziosa collaborazione, di via Melloni 4/a alle ore 21.30, con accesso gratuito.
Steve Kuhn è uno dei grandi maestri del piano jazz tuttora in attività; newyorkese di nascita, ha intrapreso giovanissimo gli studi pianistici sotto la guida di Marguerite Chaloff, celebre insegnante di scuola russa. Tra il 1959 e il 1963 suona con Kenny Dorham, Stan Getz e John Coltrane di cui è stato il primo pianista del leggendario quartetto insieme a Steve Davis e Pete La Roca. In seguito ha formato propri trii insieme a musicisti del calibro di Steve Swallow, Chuck Israels, Jack DeJohnette e Al Foster, affiancando alla carriera concertistica un intensa attività in studio di registrazione, incidendo numerosi dischi per la ECM e per le etichette Venus e Reservoir.
Al suo fianco George Mraz, un vero e proprio talento del contrabbasso jazz, a giudicare dalle importanti collaborazioni in curriculum: Dizzy Gillespie, Oscar Peterson, Bill Evans, Tommy Flanagan tanto per citarne alcuni. E’ attivo anche come leader di un proprio quartetto che vede la partecipazione di Renee Rosnes, Billy Hart e Rich Perry, con cui ha realizzato diversi album. Mraz, oltre ad essere dotato di un’infallibile senso dell’armonia, possiede una straordinaria tecnica strumentale che gli consente di costruire dei soli straordinariamente melodici e dotati di un’insolita fluidità espressiva.
Chiude la formazione il batterista Joey Baron, musicista ferratissimo e dotato di uno swing irresistibile e ricco di nuances, nonché uno dei jazzisti più eclettici e creativi sul suo strumento, aperto alle influenze musicali più diverse. Formatosi prevalentemente da autodidatta, attraverso l’osservazione degli altri musicisti e l’ascolto di dischi, radio e televisione, ha fatto parte per dieci anni della band di Bill Frisell, collaborando poi con Dizzy Gillespie, Chat Baker, Laurie Anderson, David Bowie, Philip Glass, Al Jarreau, Randy Brecker e tanti altri. Dopo tante collaborazioni anche un brano da solista: “Alfie” pubblicato nel CD “Great Jewish Music: Burt Bacharach”.
Per informazioni: Circolo di Lettura, via Melloni 4/a, 43100 Parma Tel. 0521-384338, 0521-287101
Ass.ne Musicale Ritmika, via P.Groppi 32 a/b, 43100 Parma – Tel. 0521-200131 – info@ritmika.itwww.ritmika.it.

Per maggiori informazioni:
Ass.ne Musicale Ritmika
0521-200131
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Storia della Pace
    Installati nel 1960, furono smantellati dopo la Crisi di Cuba

    Le basi dei missili nucleari Jupiter in Puglia e Basilicata

    Le basi erano 10, di forma triangolare, con tre missili ognuna. Nell'ottobre del 1961 furono colpite quattro testate nucleari da fulmini, e in due casi venne attivato il processo fisico-chimico preliminare all'esplosione (che non avvenne). Un museo della pace e della memoria è oggi possibile
    Alessandro Marescotti
  • Disarmo
    Dal territorio del nostro Paese siano eliminate tutte le armi nucleari

    L’Italia ratifichi il Trattato sulla Proibizione delle Armi Nucleari

    La presenza di tali ordigni sul territorio italiano è in contrasto anche con il Trattato di non proliferazione delle armi nucleari, al quale l’Italia ha aderito nel 1975 impegnandosi a «non ricevere da chicchessia armi nucleari né il controllo su taliarmi, direttamente o indirettamente».
    16 gennaio 2021
  • Storia della Pace
    La storia della pace, dalla secolare opposizione alla guerra al recente pacifismo

    Che cosa è la Peace History

    Per Peace History si intende lo studio delle cause più profonde della guerra nonché dei mezzi per contrastarla e per gestire risoluzioni non violente dei conflitti. In questa pagina web vi sono alcuni riferimenti per la Peace History e link utili per tracciare una storia della pace
    16 gennaio 2021 - Alessandro Marescotti
  • Pace
    Entrambe includono tematiche comuni nella propria area di competenza e hanno punto di contatto

    Educazione civica ed educazione alla pace: un confronto

    L'evoluzione dell’educazione civica ha portato a un sempre maggiore avvicinamento della stessa all’educazione alla pace, fino ad una sovrapposizione di competenze, che oggi può in certi contesti rendere difficile distinguere le due discipline.
    10 gennaio 2021 - Manuela Fabbro
  • Storia della Pace
    L'opposizione alla guerra è nata con la guerra stessa

    Le radici storiche del pacifismo

    Il movimento pacifista può diventare un soggetto storico consapevole dei propri compiti solo se ha la consapevolezza della sua storia. La storia della pace studia l'impegno positivo di chi si è opposto alla guerra. Ma è anche analisi strutturale delle cause dei conflitti armati.
    15 gennaio 2021 - Alessandro Marescotti, Daniele Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.38 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)