convegno

Palestina: affermare i diritti, sostenere la resistenza.

22 gennaio 2005
ore 09:13

LA CONVIVENZA E’ POSSIBILE
LA CONVIVENZA E’ NECESSARIA

La crisi attuale che attanaglia israeliani e palestinesi impone di sviluppare una dinamica di riflessione comune su ciò che significa il vivere insieme, la coesistenza tra uomini e donne appartenenti a delle realtà culturali, etniche e a comunità differenti, sulla cittadinanza e l’uguaglianza vissuta e pensata nel rispetto delle specificità di ciascuno. Una riflessione comune sul conflitto e il tentativo del suo superamento, a partire da esperienze diverse come quelle di palestinesi ed israeliani da un lato ed italiani dall’altro. Per riuscire a coniugare al meglio la solidarietà diretta (dalle campagne contro il Muro alle raccolte di fondi) con la conoscenza diretta tra protagonisti, noi e loro, di un percorso di lotta che vogliamo comune, abbiamo organizzato un nuovo tour di Michel Warschawski (18-21 Gennaio 2005) e un convegno nazionale di due giorni a Roma (22-23 Gennaio 2005).

CONVEGNO NAZIONALE
PALESTINA: AFFERMARE I DIRITTI, SOSTENERE LA RESISTENZA

Roma. Palazzo Valentini, Sala delle Bandiere
22 e 23 Gennaio 2005

Sabato 22 gennaio

Prima sessione (ore 9.00-13.00)
Conflitto ed esclusione: le violazioni dei diritti umani in Palestina
Intervento di Rosy Rinaldi (Vicepresidente Giunta Provinciale di Roma)
Relatori: Iyyad Sarraij (Centro di salute mentale-Gaza), Lea Tsemel (Comitato israeliano contro la tortura- SOS razzismo internazionale), Majed Nassar (Aic), Jamal Zaqut (giornalista palestinese), Bilha Golan (Physicians for Human Rights), Luisa Morgantini (Parlamentare Europea)
Coordina Piero Maestri (Campagna di sostegno all’Aic)

Seconda sessione (ore 15.00-20.00)
Le resistenze possibili in Palestina
Relatori: Michel Warschawski (Aic), Wasim Dahmash (Progetto Gazzella), Iyyad Sarraij (Centro di salute mentale-Gaza), Bilha Golan (Physicians for Human Rights), Alessandra Mecozzi (Fiom), interverrà l’associazione Zeit u za’atar
Coordina Raniero La Valle

Domenica 23 gennaio

Sessione unica (ore 9.30-16.00)

Seminario sul tema Resistere significa creare rivolto ad attiviste/i impegnate nella solidarietà politica per affermare i diritti dei palestinesi
Relazione introduttiva di Michel Warschawski (Aic)
Coordina Gordon Poole (Guerre & Pace)

Interventi di: Roberto Giudici (Action for Peace)
Sami Hallac del Coordinamento di solidarietà con il popolo palestinese di Torino

Campagna di sostegno all’Alternative Information Center.

Per maggiori informazioni:
Cinzia Nachira
3283333625
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Latina

    Crisi climatica e il rischio di difendere i beni comuni

    Rapporto di Global Witness evidenzia drammatico aumento degli attacchi mortali
    19 settembre 2021 - Giorgio Trucchi
  • Disarmo
    Il Pentagono finalmente ammette l’«orribile errore»

    Il drone americano a Kabul ha fatto una strage di civili

    Un missile americano il 29 agosto ha ucciso 10 persone innocenti. Zamarai Ahmadi, obiettivo del drone, lavorava per una organizzazione umanitaria Usa. Non trasportava esplosivo, ma «taniche d’acqua per la sua famiglia». Il generale Mark Milley aveva inizialmente definito l’attacco «giusto».
    19 settembre 2021 - Marina Catucci
  • PeaceLink
    L’obiezione di coscienza di Daniel Hale

    Italiani per Hale

    L’ex analista dell'intelligence Usa è in carcere perché ha svelato i danni collaterali dei droni. Ha detto: "Abbiamo ucciso persone che non c’entravano nulla con l’11 settembre". Alex Zanotelli aderisce a questa campagna e dice: “Daniel Hale è un eroe del nostro tempo, è un dovere sostenerlo".
    18 settembre 2021 - Redazione PeaceLink
  • Sociale
    Sul programma televisivo Forum

    Basta! Anche io ora dico la mia

    Violenze maschili contro le donne, patriarcato, femminicidi anche in vita: la testimonianza di Ilaria Di Roberto – scrittrice, artista, attivista femminista radicale, vittima di violenza e cyber bullismo – dopo le parole di Barbara Palombelli.
    19 settembre 2021 - Alessio Di Florio
  • Editoriale
    Questo video mostra l’uccisione spietata di un civile disarmato afghano

    Perché la maggioranza degli afghani ha preferito i Talebani agli occidentali?

    Il noto programma TV australiano “Four Corners”, simile a “Report” e “Presa Diretta” in Italia, ha ritrasmesso il video di un soldato australiano mentre uccide un civile afghano a sangue freddo. Si riaccende la polemica intorno alle “forze speciali” e a come vengono addestrate.
    13 settembre 2021 - Patrick Boylan
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)