convegno

Palestina: affermare i diritti, sostenere la resistenza.

22 gennaio 2005
ore 09:13

LA CONVIVENZA E’ POSSIBILE
LA CONVIVENZA E’ NECESSARIA

La crisi attuale che attanaglia israeliani e palestinesi impone di sviluppare una dinamica di riflessione comune su ciò che significa il vivere insieme, la coesistenza tra uomini e donne appartenenti a delle realtà culturali, etniche e a comunità differenti, sulla cittadinanza e l’uguaglianza vissuta e pensata nel rispetto delle specificità di ciascuno. Una riflessione comune sul conflitto e il tentativo del suo superamento, a partire da esperienze diverse come quelle di palestinesi ed israeliani da un lato ed italiani dall’altro. Per riuscire a coniugare al meglio la solidarietà diretta (dalle campagne contro il Muro alle raccolte di fondi) con la conoscenza diretta tra protagonisti, noi e loro, di un percorso di lotta che vogliamo comune, abbiamo organizzato un nuovo tour di Michel Warschawski (18-21 Gennaio 2005) e un convegno nazionale di due giorni a Roma (22-23 Gennaio 2005).

CONVEGNO NAZIONALE
PALESTINA: AFFERMARE I DIRITTI, SOSTENERE LA RESISTENZA

Roma. Palazzo Valentini, Sala delle Bandiere
22 e 23 Gennaio 2005

Sabato 22 gennaio

Prima sessione (ore 9.00-13.00)
Conflitto ed esclusione: le violazioni dei diritti umani in Palestina
Intervento di Rosy Rinaldi (Vicepresidente Giunta Provinciale di Roma)
Relatori: Iyyad Sarraij (Centro di salute mentale-Gaza), Lea Tsemel (Comitato israeliano contro la tortura- SOS razzismo internazionale), Majed Nassar (Aic), Jamal Zaqut (giornalista palestinese), Bilha Golan (Physicians for Human Rights), Luisa Morgantini (Parlamentare Europea)
Coordina Piero Maestri (Campagna di sostegno all’Aic)

Seconda sessione (ore 15.00-20.00)
Le resistenze possibili in Palestina
Relatori: Michel Warschawski (Aic), Wasim Dahmash (Progetto Gazzella), Iyyad Sarraij (Centro di salute mentale-Gaza), Bilha Golan (Physicians for Human Rights), Alessandra Mecozzi (Fiom), interverrà l’associazione Zeit u za’atar
Coordina Raniero La Valle

Domenica 23 gennaio

Sessione unica (ore 9.30-16.00)

Seminario sul tema Resistere significa creare rivolto ad attiviste/i impegnate nella solidarietà politica per affermare i diritti dei palestinesi
Relazione introduttiva di Michel Warschawski (Aic)
Coordina Gordon Poole (Guerre & Pace)

Interventi di: Roberto Giudici (Action for Peace)
Sami Hallac del Coordinamento di solidarietà con il popolo palestinese di Torino

Campagna di sostegno all’Alternative Information Center.

Per maggiori informazioni:
Cinzia Nachira
3283333625
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Taranto Sociale
    Lettera al Ministro della Transizione Ecologica Roberto Cingolani

    Richiesta di fermo batteria 12 cokeria ILVA per mancata messa a norma

    E' stato autorizzato uno scenario emissivo (6 milioni di tonnellate annue di acciaio) a cui corrisponde un rischio cancerogeno inaccettabile. Tutto ciò è acclarato dalla nuova VDS (Valutazione Danno Sanitario) sarà segnalato alla Procura della Repubblica
    15 giugno 2021 - Comitato Cittadino per la Salute e l'Ambiente a Taranto
  • Laboratorio di scrittura
    Occorre appoggiare questa inchiesta e farne una bandiera di onestà e di trasparenza

    Dai veleni dell'Ilva al puzzo dell'inchiesta di Potenza

    Che l'Ilva inquinasse lo si sapeva. Ma qui si arriva a un livello di manipolazione delle istituzioni inusitato. Un sistema di potere occulto - con manovre bipartisan - ha tentato di fermare a Taranto l'intransigenza della magistratura prima dall'esterno e poi dall'interno.
    15 giugno 2021 - Alessandro Marescotti
  • Ecologia
    Produzione ILVA a Taranto

    Anche 6 milioni di tonnellate di acciaio sono troppe

    E adesso come faranno ad autorizzare 8 milioni di tonnellate/anno se già 6 mettono a rischio la salute della popolazione? Arpa Puglia, Aress e Asl fanno i calcoli ed emerge ciò che era ovvio. La VIIAS del 2019 aveva dato rischio sanitario inaccettabile a 4,7 milioni di tonnellate/anno di acciaio.
    20 maggio 2021 - Redazione PeaceLink
  • Ecologia
    Ilva, a Taranto pure lo Stato si è liquefatto

    Ma i soldi del recovery Plan non potrebbero risarcire Taranto dandole un futuro pulito?

    Dopo la sentenza di primo grado che ha condannato i Riva per disastro ambientale e disposto la confisca degli impianti, ed ecco emergere un’impressionante continuità di pratiche illegali finalizzate ad ammorbidire l’azione della magistratura.
    11 giugno 2021 - Gad Lerner
  • Ecologia
    Il fervido cattolicesimo dei Riva

    Inquinavano e credevano in Dio

    E' crollato definitivamente il sistema di potere che veniva benedetto e celebrato a Pasqua e Natale in fabbrica, con generose donazioni dai Riva all'ex arcivescovo di Taranto monsignor Benigno Papa.
    11 giugno 2021 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)