assemblea

Scuola Educazione alla Pace: Laboratorio Intercultura

19 marzo 2005
ore 15:00 (Durata: 4 ore)

Scuola Educazione alla Pace: perché non sia un utopia.
Guardarsi attorno per conoscere meglio il mondo in cui viviamo e le sue dinamiche, fare scelte di giustizia, educare e partecipare: sono questi gli atteggiamenti con cui oggi possiamo cominciare a costruire la Pace partendo da noi.
Dobbiamo farlo senza ingenuità, consapevoli che tocca a noi e che ogni minuto perso è un minuto sottratto a qualcuno.

Per quanto sopra esposto riteniamo sia importante realizzare un percorso di confronto e formazione che

contribuisca a far acquisire una conoscenza critica delle dinamiche socio – economiche, politiche ed ambientali presenti nel mondo e delle loro conseguenze sia nel macro che nel micro livello;
aiuti a far prendere coscienza dell’incidenza delle scelte ( o delle non – scelte) di ciascuno;
favorisca la conoscenza di stili di vita ed atteggiamenti improntati alla nonviolenza;
permetta di venire a contatto con esperienze concrete.
La Scuola pertanto è aperta a quanti: educatori, insegnanti, studenti, genitori, operatori sociali, giovani, giovani in servizio civile, politici, semplici cittadini, desiderino farsi “operatori di pace”. Siamo convinti, infatti, che la pace possa diventare l’obiettivo per una progettualità sociale, politica, culturale, educativa, ecclesiale solo se ci sono persone che, oltre che auspicarla, si attivano per realizzarla. Il nostro impegno è costruire e proporre esperienze che aiutino altri a maturare questa consapevolezza.

Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Ricorrenze del giorno

  • Anno 1973: Firma della cessazione della guerra tra Stati Uniti e Vietnam del Nord.
  • Anno 1973: Il segretario americano alla difesa annuncia a Washington l'abolizione del servizio di leva obbligatorio.
  • Anno 0: Giornata di commemorazione della <b> Shoah</b> e di tutte le persecuzioni. Per non dimenticare

Dal sito

  • Cultura
    Giorno della Memoria

    Fare poesia dopo Auschwitz

    Primo Levi disse: “Io credo che si possa fare poesia dopo Auschwitz, ma non si possa fare poesia dimenticando Auschwitz. Una poesia oggi di tipo decadente, di tipo intimistico, di tipo sentimentale, non è che sia proibita, però suona stonata".
    27 gennaio 2022 - Franca Sartoni
  • Latina
    Honduras

    Bertha Zúniga “Le trasformazioni devono venire dai popoli”

    Copinh chiede al nuovo governo di creare le basi per il cambiamento
    e si manterrà vigile
    27 gennaio 2022 - Giorgio Trucchi
  • Cultura
    Da "L’anima e la notte, della poesia ed altri versi"

    Canzone per un bambino zingaro

    Dale Zaccaria continua la sua ricerca letteraria con la poesia e la prosa, scrivendo racconti e fiabe, in sinergia con altri artisti e generi come la pittura, la danza, la musica, il teatro e il video.
    25 gennaio 2022 - Redazione PeaceLink
  • Cultura
    Recensione

    Il miracolo della corda

    Una storia che non si può narrare tanto facilmente. Ma Monica, la figlia di Elvio Alessandri, riesce nel suo intento fino ad arrivare a scrivere un libello narrativo e riflessivo sulla Resistenza partigiana dei suoi cari.
    21 gennaio 2022 - Laura Tussi
  • Latina
    Honduras

    “Nessuno che abbia provato il dolore del popolo può unirsi a dei dittatori”

    Xiomara Castro invoca la difesa del risultato espresso dai cittadini nelle urne
    25 gennaio 2022 - Giorgio Trucchi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)