corso

LA SALVEZZA, GRANDE DOMANDA MUTA ? " ... preme lo spirito che è dentro di me" (Gb. 32,19)

21 agosto 2005

63° CORSO INTERNAZIONALE DI STUDI CRISTIANI

In un tempo nel quale ciascuno di noi sembra essere colpito dal demone dell’infelicità e dall’inquietudine nel percepire il male che irrompe nel mondo (guerre, ingiustizie, oppressione, violenza, terrorismo…) proporre un tema come quello della salvezza potrebbe significare dare sponda a problematiche tappabuchi di tipo consolatorio e buonista… Eppure, uno sguardo più attento alla sensibilità emergente dai dibattiti culturali, etici, politici e religiosi del momento (procreazione assistita, eutanasia, qualità della vita,…) sembra portarci a riconsiderare la salvezza come “la grande domanda muta”, quasi un’ancora sommersa nelle molte derive che ci minacciano. Altrimenti quale senso hanno le folle che vediamo accorrere per ascoltare filosofi, scienziati, poeti, psicologi, sociologi, testimoni religiosi? Ci chiediamo: si sta forse invocando con nuovi nomi la salvezza? E le religioni, di fronte al mistero della vita e della morte, non corrono il rischio di apparire come l’ultima spiaggia in cui rifugiarsi?

PROGRAMMA DI MASSIMA

* domenica 21 agosto
ore 21,15: relazione introduttiva: la salvezza, grande domanda muta?

* lunedì 22 agosto
ore 9,00: dolore dell’anima e ricerca di felicità
ore 16,30:la relazione, esperienza di salvezza?

* martedì 23 agosto
ore 9,00: scienza, tecnica, medicina: vie laiche di salvezza?: ore 16,30 male del mondo e peccato dell’uomo:

* mercoledì 24 agosto
ore 9,00 nel mosaico della salvezza… (religioni a confronto)
ore 16,30 anche la terra invoca salvezza: ecologia, rifiuti, ogm,…: FONT>>

* giovedì 25 agosto
ore 9,00: legalità, democrazia, solidarietà: salvarsi insieme” ore 17,00: “ecco, sto alla porta e busso…” relazione finale ” ore 21,15: “se la salvezza abbraccia l’universo” liturgia interreligiosa conclusiva ”

_____

hanno già assicurato la partecipazione:
Enzo BIANCHI, priore della comunità monastica di Bose; Mariano BORGOGNONI, scrittore, Assisi; Khalid CHAOUKI, direttore della rivista ‘Musulmani d’Italia.com’, Napoli; Tonio DELL’OLIO, coordinatore nazionale di Pax Christi; Rosino GIBELLINI, teologo, direttore culturale Queriniana, Brescia; Lidia MAGGI, pastora della Chiesa Battista, Lodi; Carlo MOLARI, teologo, Roma; Giannino PIANA, docente di etica cristiana all’università di Urbino; Dipak Raj PANT, docente di antropologia applicata all’università Cattaneo (LIUC), Castellanza; Lilia SEBASTIANI, teologa morale, Terni; Giovanni TOGNONI,

Per maggiori informazioni:
Cittadella Ospitalità - c.p. 94 – 06081 Assisi (Pg)
075 813231
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Ecologia
    E' in Germania, ha 220 mila abitanti e ha creato 13 mila posti di lavoro nella green economy

    Friburgo, i sette impatti della Green City

    Non e' una citta' ma una esperienza di anticipazione del futuro; nel tempo indicativo esiste il 'futuro anteriore' e Friburgo e' qualcosa che viene prima del futuro. Questi sono i primi sette impatti che Friburgo ha avuto su di me
    20 luglio 2012 - Alessandro Marescotti
  • Citizen science
    Open Data Sicilia 2021

    Monitoraggio dalla qualità dell'aria in provincia di Siracusa

    PeaceLink presenta una semplice ma importante iniziativa per liberare i dati del monitoraggio ambientale e renderli così fruibili a tutti
    16 aprile 2021 - Francesco Iannuzzelli
  • Latina
    Nelle presidenziali dell’11 aprile il maestro rurale Pedro Castillo al ballottaggio

    Perù: al 1° turno spunta un marxista conservatore

    Se la vedrà con la destrissima Keiko Fujimori. Castillo ha ottenuto voti soprattutto nel Perù profondo, dagli indigeni e dai cosiddetti ninguneados, ma le sue posizioni in tema di diritti civili sono profondamente conservatrici
    16 aprile 2021 - David Lifodi
  • Latina
    Costa Rica

    Apicoltori esigono proibizione del Fipronil

    Muoiono 250.000 api al giorno per intossicazione da pesticidi
    14 aprile 2021 - Giorgio Trucchi
  • Editoriale
    L'accordo fra Invitalia e ArcelorMittal tutela quest'ultima rispetto alle perdite economiche

    Le sette criticità di Acciaierie d'Italia

    La cosa più grottesca è che il peggioramento del cronoprogramma del piano ambientale venga presentato come "green" solo perché verranno fatti alcuni cenni all'idrogeno e a "emissioni zero" nel 2050, ossia quando tantissimi tarantini saranno già morti.
    16 aprile 2021 - Alessandro Marescotti (Presidente di PeaceLink)
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)