corso

LA SALVEZZA, GRANDE DOMANDA MUTA ? " ... preme lo spirito che è dentro di me" (Gb. 32,19)

21 agosto 2005

63° CORSO INTERNAZIONALE DI STUDI CRISTIANI

In un tempo nel quale ciascuno di noi sembra essere colpito dal demone dell’infelicità e dall’inquietudine nel percepire il male che irrompe nel mondo (guerre, ingiustizie, oppressione, violenza, terrorismo…) proporre un tema come quello della salvezza potrebbe significare dare sponda a problematiche tappabuchi di tipo consolatorio e buonista… Eppure, uno sguardo più attento alla sensibilità emergente dai dibattiti culturali, etici, politici e religiosi del momento (procreazione assistita, eutanasia, qualità della vita,…) sembra portarci a riconsiderare la salvezza come “la grande domanda muta”, quasi un’ancora sommersa nelle molte derive che ci minacciano. Altrimenti quale senso hanno le folle che vediamo accorrere per ascoltare filosofi, scienziati, poeti, psicologi, sociologi, testimoni religiosi? Ci chiediamo: si sta forse invocando con nuovi nomi la salvezza? E le religioni, di fronte al mistero della vita e della morte, non corrono il rischio di apparire come l’ultima spiaggia in cui rifugiarsi?

PROGRAMMA DI MASSIMA

* domenica 21 agosto
ore 21,15: relazione introduttiva: la salvezza, grande domanda muta?

* lunedì 22 agosto
ore 9,00: dolore dell’anima e ricerca di felicità
ore 16,30:la relazione, esperienza di salvezza?

* martedì 23 agosto
ore 9,00: scienza, tecnica, medicina: vie laiche di salvezza?: ore 16,30 male del mondo e peccato dell’uomo:

* mercoledì 24 agosto
ore 9,00 nel mosaico della salvezza… (religioni a confronto)
ore 16,30 anche la terra invoca salvezza: ecologia, rifiuti, ogm,…: FONT>>

* giovedì 25 agosto
ore 9,00: legalità, democrazia, solidarietà: salvarsi insieme” ore 17,00: “ecco, sto alla porta e busso…” relazione finale ” ore 21,15: “se la salvezza abbraccia l’universo” liturgia interreligiosa conclusiva ”

_____

hanno già assicurato la partecipazione:
Enzo BIANCHI, priore della comunità monastica di Bose; Mariano BORGOGNONI, scrittore, Assisi; Khalid CHAOUKI, direttore della rivista ‘Musulmani d’Italia.com’, Napoli; Tonio DELL’OLIO, coordinatore nazionale di Pax Christi; Rosino GIBELLINI, teologo, direttore culturale Queriniana, Brescia; Lidia MAGGI, pastora della Chiesa Battista, Lodi; Carlo MOLARI, teologo, Roma; Giannino PIANA, docente di etica cristiana all’università di Urbino; Dipak Raj PANT, docente di antropologia applicata all’università Cattaneo (LIUC), Castellanza; Lilia SEBASTIANI, teologa morale, Terni; Giovanni TOGNONI,

Per maggiori informazioni:
Cittadella Ospitalità - c.p. 94 – 06081 Assisi (Pg)
075 813231
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Disarmo
    Il trattato TPAN ha raggiunto la sua attuazione

    Nucleare civile e militare: una bomba!

    Il trattato ONU TPAN per la proibizione delle armi nucleari il 22 gennaio 2021 entra in vigore, anche se ha dei limiti perché non è stato ancora né firmato, né ratificato da nessuno dei paesi che detengono l’arma nucleare
    17 gennaio 2021 - Laura Tussi
  • Latina

    Honduras, l'esodo della disperazione

    Anno nuovo, nuove carovane migranti, vecchi mali
    19 gennaio 2021 - Giorgio Trucchi
  • Editoriale
    Webinar di PeaceLink sul Trattato per la Proibizione delle Armi Nucleari (TPAN)

    Formare i docenti per educare al disarmo nucleare nelle scuole italiane

    Fra due giorni entra in vigore il TPAN. Sarà necessario un lavoro di ampia sensibilizzazione dell'opinione pubblica perché anche l'Italia aderisca. L'Educazione civica può diventare un'ora settimanale di formazione alla cittadinanza globale sulle tematiche dell'ambiente, della pace e del disarmo.
    20 gennaio 2021 - Alessandro Marescotti
  • Ecologia
    A pochi giorni dall'uccisione di Agitu emerge un'altra storia di una donna dedita alla pastorizia

    Una donna controcorrente, la Pastora di Altamura

    Una storia che fa il paio con quella di Agitu e anche in Puglia si tratta di una donna. La mia generazione è cresciuta convinta che la terra non fosse un lavoro adatto alle donne anche se già allora c'erano delle eccezioni ed ora le ragazze del ventunesimo secolo sono in prima linea.
    19 gennaio 2021 - Fulvia Gravame
  • Storia della Pace
    Installati nel 1960, furono smantellati dopo la Crisi di Cuba

    Le basi dei missili nucleari Jupiter in Puglia e Basilicata

    Le basi erano 10, di forma triangolare, con tre missili ognuna. Nell'ottobre del 1961 furono colpite quattro testate nucleari da fulmini, e in due casi venne attivato il processo fisico-chimico preliminare all'esplosione (che non avvenne). Un museo della pace e della memoria è oggi possibile
    Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.38 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)