manifestazione

LIBERTA' PER FLAVIO LIBERTA' PER L'ANTIFASCISMO

16 luglio 2005
ore 17:30 (Durata: 5 ore)

APPELLO:

A Taranto come in tutta Italia le organizzazioni e partiti fascisti prendono piede e si sviluppano andando avanti con provocazioni e aggressioni nei confronti dei compagni e di tutti coloro che credono nei valori dell’antifascismo. L’abbiamo visto a Milano con l’uccisione di Dax, compagno antifascista con una coltellata alla gola, a Torino contro lo squat il “Barocchio”, dove sono arrivati in quattro macchine e con i coltelli per uccidere, a Roma al Forte prenestino, dove durante un iniziativa, 12 fascisti con spranghe e coltelli hanno ferito un compagno alla gola.
A Taranto la storia si ripete, dai tempi di Cito (ex Sindaco di Taranto inquisito per mafia ora in semilibertà) che con i suoi scagnozzi aspettava i compagni sotto casa per minacciarli. Ora ritornano aprendo le sedi di Alternativa Sociale e Forza Nuova creando un clima di intolleranza e odio razziale, con sventolio di bandiere e slogan inneggianti al fascismo ed al razzismo, lanci di pietre verso gli immigrati, diffusione dell’omofobia, intimidazioni e scritte sotto le case di antifascisti, minacce di morte al consigliere comunale di Rifondazione Comunista e nella sede dei Comunisti Italiani.
L’ultima aggressione da parte dei fascisti, armati di coltelli e bottiglie, è avvenuta contro alcuni ragazzi che da tempo hanno una sala prove nelle vicinanze di una sede di Alternativa Sociale aperta da pochi mesi. Questi ragazzi hanno sempre avuto un ottimo rapporto con il quartiere è hanno sempre cercato di sviluppare percorsi alternativi, rispetto ai soliti canoni, nella città di Taranto.
Dopo poche ore dall’aggressione la Digos ha effettuato una perquisizione (uno dei militanti di destra sembrerebbe sia rimasto ferito durante la colluttazione da un arma da taglio),
presso l’abitazione di un nostro compagno, Flavio, alla ricerca di un coltello e di una maglietta mai trovati Il nostro compagno è stato condotto in caserma e poi in carcere con l’assurda accusa di aggressione e tentato omicidio.
Sappiamo benissimo che Flavio è innocente.
Per questo motivo indiciamo una manifestazione a Taranto, per l’immediata liberazione di Flavio e la chiusura di tutte le sedi fasciste nella nostra città e ovunque.
Il concentramento sarà Sabato 16 Luglio alle ore 17.30 in Piazza Ebalia.
Rivolgiamo l’appello a tutte la realtà e individualità antifasciste e antirazziste, ai partiti, alle associazioni, ai centri sociali, alle case occupate, ai sindacati e ai singoli cittadini a partecipare al corteo.

FLAVIO LIBERO SUBITO
CHIUDIAMO LE SEDI FASCISTE
LA SOLIDARIETA’ E’ UN ARMA
USIAMOLA!!

ANTIFASCISTE E ANTIFASCISTI DI TARANTO

Per maggiori informazioni:
ANTIFASCISTE/I DI TARANTO
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Mappa

Eventi dei prossimi giorni

Ricerca eventi

Ricorrenze del giorno

  • Anno 1956: Danilo Dolci con decine di disoccupati fa uno "sciopero alla rovescia", ricostruendo una strada abbandonata a Trappeto, in Sicilia. Finisce in carcere.
  • Anno 1932: Si apre a Ginevra la prima convenzione per il disarmo mondiale.

Dal sito

  • Latina
    Honduras

    Bajo Aguán, una tragedia infinita

    Nuova ondata di attacchi e di omicidi contro contadini e difensori dell'ambiente
    26 gennaio 2023 - Giorgio Trucchi
  • Disarmo
    Armi atomiche, un momento di pericolo senza precedenti

    A soli 90 secondi dall’ora fatale

    E' stato presentato l’aggiornamento annuale del doomsdyclock del Comitato per la Scienza e la Sicurezza del Bulletin of the Atomic Scientists. Il peggioramento della situazione mondiale a seguito soprattutto della guerra in Ucraina ha portato l’orologio a soli 90 secondi dall’ora fatale.
    25 gennaio 2023 - Alessandro Pascolini (Università di Padova)
  • PeaceLink
    Intervista ad Alessandro Marescotti

    «Nel 1980 avevo capito che l’informatica avrebbe cambiato completamente la società»

    Gli anni dell’università, poi la laurea in filosofia, la prima calcolatrice programmabile Texas TI58. Poi l'esperienza da programmatore, prima di diventare insegnante di Lettere. Un racconto che arriva infine alla nascita di PeaceLink, la telematica per la pace
    24 gennaio 2023 - Italia che cambia
  • Ecologia
    Video con l'intervento di Alessandro Marescotti, presidente di PeaceLink

    Audizione di PeaceLink sul decreto che istituisce lo scudo penale per l'ILVA

    "Il decreto non è emendabile e se viene convertito in legge equivale a riportare in Italia la pena di morte, per di più verso persone innocenti di cui non conosciamo nome, sesso, età e volto".
    24 gennaio 2023 - Redazione PeaceLink
  • Latina
    Dina Boluarte continua ad utilizzare la mano dura

    Perù: prosegue il conflitto sociale

    Gran parte delle morti dei manifestanti sono state provocate da proiettili sparati da armi da fuoco in dotazione alla polizia e all’esercito
    23 gennaio 2023 - David Lifodi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)