esposizione

Il movimento pacifista dal Vietnam ad oggi: un coro di voci contro la guerra Incontro con Michael Uhl

29 aprile 2006
ore 18:00 (Durata: 3 ore)

Associazione Culturale Linux Club Italia e
U.S. Citizens for Peace & Justice, Rome
presentano:

Il movimento pacifista dal Vietnam ad oggi:
un coro di voci contro la guerra

Sabato, 29 aprile, ore 18
Linux Club - via G. Libetta, 15c
Un incontro con:
Michael Uhl - veterano del Vietnam e attivista contro la guerra da 35 anni.

Intervengono:
Gianluca Peciola, Assessore Municipio Roma XI
Francesco Tupone, Associazione Linux Club Italia
Stephanie Westbrook, U.S. Citizens for Peace & Justice, Rome
Nella Ginatempo, Bastaguerra
Micaela Serino, Donne in nero Roma
Phil Rushton, autore del libro "Riportiamoli a casa: Il dissenso militare nelle forze armate statunitensi"
Mehmet Yuksel, rappresentante UIKI – ONLUS, Ufficio d'Informazione del Kurdistan in Italia

In concomità con la grande manifestazione nazionale per la pace che si tiene a New York, un incontro con Michael Uhl, Ph.D., veterano del Vietnam e da 35 anni esponente di livello nazionale USA del movimento dei militari contro la guerra. Parlerà del dissenso militare, del movimento contro la guerra durante il Vietnam e delle analogie e delle differenze con il movimento pacifista statunitense di oggi.

Durante l'iniziativa si terranno dei collegamenti con gli Stati Uniti e con la Manifestazione Pacifista "End the war in Iraq -- Bring all our troops home now!", la grande manifestazione nazionale contro la guerra di New York.

Michael Uhl
Michael Uhl è entrato nell'esercito statunitense come tenente nel Counter Intelligence Corps, il servizio di controspionaggio militare americano. Nel 1968, è stato inviato nel Vietnam, dove era responsabile di una squadra di intelligence da combattimento con la 11a Brigata. È stato testimone delle torture e delle atrocità subite dal popolo Vietnamita e allora ha capito la vera natura della guerra.

Al suo rientro negli Stati Uniti si è impegnato subito nel movimento contro la guerra diventando il coordinatore nazionale della "Commissione cittadina di inchiesta sui crimini di guerra" in Vietnam, il precursore del famoso Winter Soldier Investigation.

È cofondatore di Citizen Soldier, un'organizzazione di sostegno per i veterani e i militari, la quale è ancora attiva dopo 35 anni e coautore del libro "Cavie militari: Come il Pentagono ha esposto i nostri soldati ai pericoli più gravi della guerra". Negli anni ottanta, è stato socio fondatore della organizzazione Veterani per la pace, per la quale è tutt'oggi attivo ed è editore della loro newsletter nazionale.

Per maggiori informazioni:
U.S. Citizens for Peace & Justice
333 11 03 510
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Taranto Sociale
    Nuovo studio italiano pubblicato sullo Scientific Report di Nature

    Danni neurotossici causati da piombo e arsenico nei bambini di Taranto

    Disturbi da deficit di attenzione, autismo e iperattività, sarebbero riscontrati in numero maggiore, nei quartieri più vicini al siderurgico: Tamburi e Paolo VI. Siamo stanchi di prestare le nostre vite e quelle dei nostri figli, come se fossimo cavie da laboratorio.
    19 giugno 2021 - Giustizia per Taranto
  • Taranto Sociale
    I dati relativi alle polveri sottili (PM2,5 e PM10) e al biossido di azoto (NO2)

    Ex Ilva: Peacelink, rischio cancerogeno inaccettabile

    “L’aria di Taranto non rispetta i limiti dell'Organizzazione mondiale della sanità” dice Peacelink, per la quale “a fronte di una situazione sanitaria fortemente compromessa, la popolazione di Taranto dovrebbe godere di una protezione particolare".
    18 giugno 2021 - AGI (Agenzia Giornalistica Italia)
  • Disarmo
    Biden e Putin siglano un comunicato congiunto “on Strategic Stability”

    Good News? La speranza continua

    "Gli Stati Uniti e la Russia avvieranno insieme un dialogo bilaterale integrato di stabilità strategica nel prossimo futuro, che sarà deliberato e solido. Attraverso questo Dialogo, cerchiamo di gettare le basi per future misure di controllo degli armamenti e di riduzione dei rischi.”
    17 giugno 2021 - Roberto Del Bianco
  • Sociale
    Siamo nel 2021 e le donne, qui, in Italia, italiane e straniere, ancora non possono dire no!

    Saman

    Saman non è stata uccisa per ordine del Corano. Saman è stata uccisa dal sistema patriarcale. La sua uccisione è un femminicidio come qualsiasi femminicidio che succede quotidianamente in Italia e ovunque a conseguenza di una mentalità maschilista marcia ed arretrata
    17 giugno 2021 - Gulala Salih (Donna curda cittadina italiana. Attivista per la pace e i diritti delle donne e dei bambini)
  • Sociale
    Ilaria Di Roberto: «non siamo un sesso debole, siamo sopravvissute».

    «Quanto subisco rispecchia il concetto di femminicidio in vita»

    La denuncia pubblica di quanto subisce da anni e dell’ultima molestia subita l’11 giugno e un drammatico appello, «ho bisogno di essere creduta e di aiuto».
    17 giugno 2021 - Alessio Di Florio
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)