happening

ANTIPROIBIZIONISTI IN PIAZZA

30 gennaio 2004
ore 11:30 (Durata: 9 ore)

Nell’annunciare il raggiungimento di 10000 firme in calce alla petizione antiproibizionista bolognese, i promotori annunciano le coordinate dell’iniziativa locale, cui daranno un contributo anche Freak Antoni degli Skiantos e Franco Berardi Bifo:
ConFini Zero: Bologna come Amsterdam

Una raccolta di firme per migliorare la qualità della vita, per ridurre degrado e microcriminalità, per l’apertura sperimentale di coffee shop, per depenalizzare il consumo, per l’autoproduzione. Ancora strombazzamenti, musica e due banchetti per la legalizzazione di hashish e marijuana con una raccolta firme già arrivata a quota 10.000 per l'apertura dei coffee shop sul modello olandese a Bologna, possibile fin da ora con un provvedimento di necessità ed urgenza del Sindaco.
Il movimento antiproibizionista cittadino propone due appuntamenti: venerdi 30 gennaio (dalle h. 11.00 alle 20.00) in Piazza Ravegnana in faccia alla Libreria Feltrinelli e sabato 31 gennaio (dalle h. 11.00 alle 20.00) in Via Indipendenza sotto la Statua di Garibaldi all'Arena del Sole per raccogliere le firme per la depenalizzazione della canapa e le adesioni alla manifestazione nazionale convocata a Roma per Sabato 21 febbraio contro la proposta di legge Fini-Mantovano .
UN'ORDINANZA PER UN COFFEE SHOP
In tempi di crisi e recessione, il nostro movimento intende aprire dei punti di vendita con licenza comunale di prodotti della canapa sottoposti a controllo igienico sanitario e a tassazione per il benessere di tutta la collettività a discapito di un mercato attualmente indiscriminato aperto 24 ore su 24 con grande profitto di mafie, terroristi, servizi segreti e dell'industria della insicurezza pubblica su cui spesso si basa il duetto elettorale permanente che vige in Italia.
Il pensiero va alla cittadinanza costretta a convivere con il governo mafioso del territorio e ai milioni di vittime dirette ed indiretta della guerra alla droga tra cui Serena Grandi, Enzo Tortora , Laura Antonelli, Gianfranco Micciché, Rob Rebagliati, Emilio Colombo, Papa Ricky e tanti altri.
Venerdì 31 gennaio alle 17 con Freak Antoni e Franco Berardi Bifo percorreremo la Galleria dei Drogati Illustri presenti nella libreria Feltrinelli, molto probabilmente il 70% dei titoli.
Buon viaggio a tutti !
Livello 57/Teatro Polivalente Occupato/ Link /Radio K Centrale/ Federazione Verdi/ Sottotetto.

Per maggiori informazioni:
Livello 57
051/19931003
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Ricorrenze del giorno

  • Anno 1925: Accordo internazionale per mettere al bando i gas velenosi

Dal sito

  • Taranto Sociale
    Lettera al Ministro della Transizione Ecologica Roberto Cingolani

    Richiesta di fermo batteria 12 cokeria ILVA per mancata messa a norma

    E' stato autorizzato uno scenario emissivo (6 milioni di tonnellate annue di acciaio) a cui corrisponde un rischio cancerogeno inaccettabile. Tutto ciò è acclarato dalla nuova VDS (Valutazione Danno Sanitario) sarà segnalato alla Procura della Repubblica
    15 giugno 2021 - Comitato Cittadino per la Salute e l'Ambiente a Taranto
  • Laboratorio di scrittura
    Occorre appoggiare questa inchiesta e farne una bandiera di onestà e di trasparenza

    Dai veleni dell'Ilva al puzzo dell'inchiesta di Potenza

    Che l'Ilva inquinasse lo si sapeva. Ma qui si arriva a un livello di manipolazione delle istituzioni inusitato. Un sistema di potere occulto - con manovre bipartisan - ha tentato di fermare a Taranto l'intransigenza della magistratura prima dall'esterno e poi dall'interno.
    15 giugno 2021 - Alessandro Marescotti
  • Ecologia
    Produzione ILVA a Taranto

    Anche 6 milioni di tonnellate di acciaio sono troppe

    E adesso come faranno ad autorizzare 8 milioni di tonnellate/anno se già 6 mettono a rischio la salute della popolazione? Arpa Puglia, Aress e Asl fanno i calcoli ed emerge ciò che era ovvio. La VIIAS del 2019 aveva dato rischio sanitario inaccettabile a 4,7 milioni di tonnellate/anno di acciaio.
    20 maggio 2021 - Redazione PeaceLink
  • Ecologia
    Ilva, a Taranto pure lo Stato si è liquefatto

    Ma i soldi del recovery Plan non potrebbero risarcire Taranto dandole un futuro pulito?

    Dopo la sentenza di primo grado che ha condannato i Riva per disastro ambientale e disposto la confisca degli impianti, ed ecco emergere un’impressionante continuità di pratiche illegali finalizzate ad ammorbidire l’azione della magistratura.
    11 giugno 2021 - Gad Lerner
  • Ecologia
    Il fervido cattolicesimo dei Riva

    Inquinavano e credevano in Dio

    E' crollato definitivamente il sistema di potere che veniva benedetto e celebrato a Pasqua e Natale in fabbrica, con generose donazioni dai Riva all'ex arcivescovo di Taranto monsignor Benigno Papa.
    11 giugno 2021 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)