happening

ANTIPROIBIZIONISTI IN PIAZZA

30 gennaio 2004
ore 11:30 (Durata: 9 ore)

Nell’annunciare il raggiungimento di 10000 firme in calce alla petizione antiproibizionista bolognese, i promotori annunciano le coordinate dell’iniziativa locale, cui daranno un contributo anche Freak Antoni degli Skiantos e Franco Berardi Bifo:
ConFini Zero: Bologna come Amsterdam

Una raccolta di firme per migliorare la qualità della vita, per ridurre degrado e microcriminalità, per l’apertura sperimentale di coffee shop, per depenalizzare il consumo, per l’autoproduzione. Ancora strombazzamenti, musica e due banchetti per la legalizzazione di hashish e marijuana con una raccolta firme già arrivata a quota 10.000 per l'apertura dei coffee shop sul modello olandese a Bologna, possibile fin da ora con un provvedimento di necessità ed urgenza del Sindaco.
Il movimento antiproibizionista cittadino propone due appuntamenti: venerdi 30 gennaio (dalle h. 11.00 alle 20.00) in Piazza Ravegnana in faccia alla Libreria Feltrinelli e sabato 31 gennaio (dalle h. 11.00 alle 20.00) in Via Indipendenza sotto la Statua di Garibaldi all'Arena del Sole per raccogliere le firme per la depenalizzazione della canapa e le adesioni alla manifestazione nazionale convocata a Roma per Sabato 21 febbraio contro la proposta di legge Fini-Mantovano .
UN'ORDINANZA PER UN COFFEE SHOP
In tempi di crisi e recessione, il nostro movimento intende aprire dei punti di vendita con licenza comunale di prodotti della canapa sottoposti a controllo igienico sanitario e a tassazione per il benessere di tutta la collettività a discapito di un mercato attualmente indiscriminato aperto 24 ore su 24 con grande profitto di mafie, terroristi, servizi segreti e dell'industria della insicurezza pubblica su cui spesso si basa il duetto elettorale permanente che vige in Italia.
Il pensiero va alla cittadinanza costretta a convivere con il governo mafioso del territorio e ai milioni di vittime dirette ed indiretta della guerra alla droga tra cui Serena Grandi, Enzo Tortora , Laura Antonelli, Gianfranco Micciché, Rob Rebagliati, Emilio Colombo, Papa Ricky e tanti altri.
Venerdì 31 gennaio alle 17 con Freak Antoni e Franco Berardi Bifo percorreremo la Galleria dei Drogati Illustri presenti nella libreria Feltrinelli, molto probabilmente il 70% dei titoli.
Buon viaggio a tutti !
Livello 57/Teatro Polivalente Occupato/ Link /Radio K Centrale/ Federazione Verdi/ Sottotetto.

Per maggiori informazioni:
Livello 57
051/19931003
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Disarmo
    Il Pentagono finalmente ammette l’«orribile errore»

    Il drone americano a Kabul ha fatto una strage di civili

    Un missile americano il 29 agosto ha ucciso 10 persone innocenti. Zamarai Ahmadi, obiettivo del drone, lavorava per una organizzazione umanitaria Usa. Non trasportava esplosivo, ma «taniche d’acqua per la sua famiglia». Il generale Mark Milley aveva inizialmente definito l’attacco «giusto».
    19 settembre 2021 - Marina Catucci
  • PeaceLink
    L’obiezione di coscienza di Daniel Hale

    Italiani per Hale

    L’ex analista dell'intelligence Usa è in carcere perché ha svelato i danni collaterali dei droni. Ha detto: "Abbiamo ucciso persone che non c’entravano nulla con l’11 settembre". Alex Zanotelli aderisce a questa campagna e dice: “Daniel Hale è un eroe del nostro tempo, è un dovere sostenerlo".
    18 settembre 2021 - Redazione PeaceLink
  • Sociale
    Sul programma televisivo Forum

    Basta! Anche io ora dico la mia

    Violenze maschili contro le donne, patriarcato, femminicidi anche in vita: la testimonianza di Ilaria Di Roberto – scrittrice, artista, attivista femminista radicale, vittima di violenza e cyber bullismo – dopo le parole di Barbara Palombelli.
    19 settembre 2021 - Alessio Di Florio
  • Editoriale
    Questo video mostra l’uccisione spietata di un civile disarmato afghano

    Perché la maggioranza degli afghani ha preferito i Talebani agli occidentali?

    Il noto programma TV australiano “Four Corners”, simile a “Report” e “Presa Diretta” in Italia, ha ritrasmesso il video di un soldato australiano mentre uccide un civile afghano a sangue freddo. Si riaccende la polemica intorno alle “forze speciali” e a come vengono addestrate.
    13 settembre 2021 - Patrick Boylan
  • Disarmo
    Comunicato stampa di Stop RWM e Madri contro la repressione

    "Non vogliamo la fabbrica di bombe"

    Il 23 settembre ci sarà la prima udienza in Consiglio di Stato contro la fabbrica di bombe RWM (Domusnovas, Sardegna) per il ricorso sporto da Italia Nostra, USB, CSS-Assotziu Consumadoris.
    17 settembre 2021 - Redazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)