rappresentazione teatrale

Le donne di Pola

31 marzo 2007
ore 21:00 (Durata: 2 ore)

Al Teatro della Basilica di San Paolo fuori le mura, Sabato 31 Marzo 2007 alle ore 21, in occasione del suo terzo compleanno, per iniziare insieme un altro anno di lavoro in difesa dei diritti umani, il Gruppo 251 di Amnesty International vi invita allo spettacolo “Le donne di Pola”. In questo monologo, che ha già superato le 215 repliche in Italia, l’attore Marco Cortesi narra la vita e i racconti degli abitanti del campo profughi di Kamp Kamenjak, nella città istriana di Pola, durante il conflitto nella ex Iugoslavia dei primi anni 90. “Le donne di Pola” raccoglie le testimonianze delle vittime della guerra, le loro lacrime, i loro ricordi devastati da un conflitto assurdo e pieno di menzogne.
Il tema dello spettacolo si lega alla campagna “Mai più violenza sulle donne”, che Amnesty ha lanciato nel 2004 per denunciare le violenze che milioni di donne nel mondo sono costrette a subire: dalla violenza domestica ai delitti d’onore, dalla violenza nei conflitti armati, con lo stupro usato come arma di guerra, dalle mutilazioni genitali allo sfruttamento della prostituzione. In questi anni Amnesty ha chiesto ai leader, alle organizzazioni e ai privati di impegnarsi pubblicamente per rendere i diritti umani una realtà per tutte le donne. In alcuni paesi sta chiedendo l’abolizione di leggi che discriminano le donne, il altri chiede che vengano adottate leggi per proteggerle, criminalizzando lo stupro e le altre forme di violenza. Amnesty sta ascoltando la voce delle donne, lavora al loro fianco e le aiuta a organizzarsi.
Biglietto: intero 10 €, ridotto per studenti universitari (con tesserino o libretto) 8 €.
Dopo lo spettacolo verrà offerto un piccolo rinfresco.

Per maggiori informazioni:
Paola Crobu
340-6250523
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Dal sito

  • Disarmo
    Anche l'ILVA nelle valutazioni del Comitato parlamentare per la sicurezza della Repubblica (COPASIR)

    "Preoccupazione per la base NATO a Taranto"

    Sotto la lente del Dipartimento di Stato americano sono finiti gli investimenti di Pechino nei porti italiani. Monitorata Taranto, sede dello Standing NATO Maritime Group 2. Nessuna preoccupazione per ArcelorMittal: suo l'acciaio del quartier generale della NATO a Bruxelles.
    26 settembre 2020 - Redazione PeaceLink
  • Ecologia
    Lettera aperta

    I soldi della Regione Puglia all'ILVA? Uno sperpero di denaro pubblico

    La dichiarazione del Governatore Michele Emiliano - all'indomani della sua rielezione - di voler entrare a pieno titolo, come Regione Puglia, nella gestione dell’ILVA ha suscitato una forte reazione fra i cittadini e nel movimento ambientalista.
    25 settembre 2020 - Comitato Cittadino per la Salute e l'Ambiente a Taranto
  • Latina
    Honduras

    Miriam Miranda: “Affrontiamo persone potenti, ma non smetteremo mai di lottare”

    Due mesi dalla sparizione forzata di Snaider, Milton, Suami, Gerardo e Junior
    23 settembre 2020 - Giorgio Trucchi
  • Kimbau
    Intervista sulla solidarietà al tempo della pandemia

    Chiara Castellani: "Pensare al proprio prossimo"

    "O si entra in questa dimensione di voler pensare agli altri e ciascuno di noi entra in questa prospettiva anche di globalizzazione della solidarietà con gli altri, o non riusciremo a salvarci tutti assieme, in questo dovremmo imparare anche dall’Africa".
    22 settembre 2020 - Laura Tussi
  • Ecologia
    Era nato a Nova Milanese nel 1942

    E' morto Virginio Bettini

    Ha collaborato con Barry Commoner e con lui pubblicò a doppia firma "Ecologia e lotte sociali" nel 1976. Insieme andarono in Vietnam per denunciare i disastri causati dalla diossina lanciata dagli USA nella guerra chimica. E' stato europarlamentare verde.
    21 settembre 2020 - Laura Tussi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)