manifestazione

No alla guerra

20 marzo 2004

Il Comitato per l'organizzazione del 20 marzo, aderendo all’appello del social forum di Bombay, lavora per l'organizzazione di una manifestazione regionale da tenersi ad Oristano.

Abbiamo letto la proposta dalla "United for Peace and Justice", una coalizione di 600 comunità, chiese, gruppi, associazioni statunitensi, che ha scelto la data del 20 marzo, anniversario dell'inizio della guerra in Iraq, per ripetere una giornata mondiale di mobilitazione per la pace, e dopo un'analisi dei documenti di Bombay, abbiamo pensato di organizzare anche in Sardegna un evento che vedrà impegnati in contemporanea in centinaia paesi e città del mondo.

Alla manifestazione-corteo e all'organizzazione sono invitati tutti i partiti politici del centro-sinistra, della sinistra, le associazioni e i sindacati, il movimento, gli studenti ed i lavoratori, ogni cittadino che crede che la democrazia non si costruisca con l’utilizzo delle forze armate ma con il dialogo e la non violenza.

Riteniamo sia fondamentale che anche la Sardegna e tutti i suoi abitanti facciano sentire la loro forza e il loro ideale pacifista anche perché la nostra Isola, posta al centro del Mediterraneo, non può essere nota al mondo esclusivamente come terra di basi militari e come terra di soldati che perdono la vita in quei luoghi dove l’immenso dolore della guerra crea morti su tutti i fronti.

La nostra terra è sempre stata terra di pace e di accoglienza ed ancora di più oggi in questo scenario mondiale di estrema crudeltà deve rimanere.

In questo ultimo anno molti sono stati i persorsi dei diversi soggetti del movimento che han fatto si anche in Sardegna di creare un grande percorso collettivo sulla pace ed è per questo che per tutti coloro ch eil 20 di marzo non possono andare a manifestare a Roma organizziamo in sardegna, ad Oristano, una grande e partecipata manifestazione contro la guerra per rilanciare la generale volontà di pace per il ritiro delle truppe dall'Iraq e la fine dell'occupazione, ma non solo, vorremmo che attraverso anche questa nuova manifestazione il movimento contro la guerra si radichi e si espanda anche in Sardegna il coinvolgimento della pluralità dei soggetti sociali e attraverso un impegno diffuso e ampio per la pace, il disarmo, la smilitarizzazione, per i diritti e la giustizia sociale.

Il 20 di marzo far diventare anche la Sardegna uno di quei luoghi del mondo dove si manifesta contro la guerra è secondo noi fondamentale.
Per far si che la nostra iniziativa abbia una più ampia risonanza e se concordi con noi e con le nostre idee ti chiediamo di inviarci l'adesione della tua organizzazione.
Ad oggi hanno aderito già parecchie sigle locali tra cui l'ARCI SARDEGNA, Giovani Comunisti e Sinistra Giovanile di Oristano
Per la giornata del 20 marzo stiamo organizzando anche un dibattito ed un concerto in piazza, per questo ti chiediamo idee e collaborazione per costruire questo evento regionale di notevole importanza...

Raccogli il nostro invito, aderisci e magari difondi pure....Non dimenticare poi di ricolorare la tua città, il tuo paese, la tua casa, il tuo posto di lavoro con la BANDIERA ARCOBALENO, e se non sai più dove trovarla chiedi pure a noi...
Per INFO sulla MANIFESTAZIONE, SUL DIBATTITO E SUL CONCERTO contattati via email o al cellulare

Eleonora Dino Luca
gcoristano@yahoo.it sgor@sitoverde.com su_tiau@hotmail.com

3397916117 3405888231 3495811750

fax 078370160 fax 0783310026

Per maggiori informazioni:
ele
3397916117
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Cultura
    A Roma a San Lorenzo il Primo Festival del Libro per la Pace e la Nonviolenza

    Festival del Libro per la Pace e la Nonviolenza

    Quattro giorni di presentazioni di libri, incontri, film, workshops, stands a cura di numerose realtà italiane e non solo per aprire dialoghi e confronti su diritti, Mediterraneo e migranti, Obiezione di Coscienza, disarmo nucleare, educazione alla nonviolenza, cultura di pace
    17 gennaio 2022 - Laura Tussi
  • Cultura
    Nessun potere è stato in grado di mettere a tacere la sua disperata vitalità

    A cento anni dalla nascita di Pier Paolo Pasolini

    Scrive Enzo Golino: “Sul vuoto che Pasolini ha lasciato permane la difficoltà di cancellarne l’ombra, e più si tenta di cancellarla e più si proietta nella realtà che stiamo vivendo”. Rimane più che mai attuale la sia critica del potere e dell'omologazione della nuova società neocapitalistica.
    14 gennaio 2022 - Dale Zaccaria
  • Pace
    La prima cosa da chiedere è di non vendere armi all'Ucraina e di non farla entrare nella Nato

    Crisi Ucraina: il ruolo proattivo dei pacifisti

    I pacifisti dovrebbero dire no a un coinvolgimento militare della Nato. La crisi in Ucraina oggi è molto simile alla crisi di Cuba del 1962. Se ne può uscire con un atto di fiducia reciproca, smantellando le armi nucleari Usa in Europa in cambio di un impegno a garantire la sicurezza dell'Ucraina.
    11 gennaio 2022 - Alessandro Marescotti
  • Conflitti

    Scongiurare il conflitto in Ucraina

    Dal Comitato Esecutivo di IPPNW un documento che invita alla moderazione e al dialogo, nello sforzo di scongiurare il grave pericolo di una guerra che potrebbe facilmente degenerare in un conflitto nucleare.
    13 gennaio 2022 - Roberto Del Bianco
  • Latina
    Due anni fa i lavoratori avevano dato vita ad una cooperativa

    Argentina: a rischio sgombero la fabbrica recuperata de La Nirva

    Sono complici il giudice che ha notificato lo sgombero e l’ex padrone che adesso vuole riprendersi edifici e macchinari
    12 gennaio 2022 - David Lifodi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)