corso

Marcondirondera 2007 - Re-esistenza contro Sopra-vivenza Corso residenziale per operatori di Pace

21 settembre 2007
ore 17:00

L'onda lunga di Genova, di Firenze e delle bandiere della pace si e' esaurita, infranta contro gli scogli dei "governi amici". Le manifestazioni contro i potentati economici del WTO, della Banca Mondiale e del FMI non hanno scalfito il loro potere.
Le storiche mobilitazioni contro la guerra all'Iraq non hanno impedito la guerra, e i tamburi nucleari rullano in direzione dell'Iran. Abbiamo dichiarato che il re e' nudo, ma il re se n'e' fregato. Mentre i cambiamenti climatici minacciano di sconvolgere il mondo, i governi ripetono alla nausea il mantra dello sviluppo, aggiungendogli al bisogno l'aggettivo "sostenibile". Il grande movimento della Sopra-vivenza, del vivere al di sopra delle proprie possibilita', al di sopra dei propri simili, al di sopra della Natura, continua la sua corsa verso la distruzione; il mondo e` sempre piu' insicuro, violento, impaurito, e gli spazi di azione per chi cerca di costruire "l'altro mondo possibile" sono sempre piu' stretti.
Contemporaneamente, al di fuori dei riflettori dei media, sempre piu' donne e uomini riconoscono la follia della Sopra-vivenza e del suo stile di vita. Il consumo critico prende piede e comincia a infastidire i mercati, il commercio equo e solidale cresce senza snaturarsi, e sempre piu' donne e uomini da tutte le periferie della terra si uniscono per opporsi allo scempio dello sviluppo. Dalla Val di Susa a Torviscosa, da Vicenza ad Aviano, esperienze di Resistenza portano a inventare nuove forme di lotta, dove la presa di coscienza contro lo Sviluppo Insostenibile si fonde con la ricerca liberatoria di nuovi stili di vita.
Una Re-esistenza nel segno della rinascita delle relazioni tra singoli e comunita', della diminuzione dei consumi e del migliore rapporto con la Natura.
In questo contesto in veloce e contraddittoria evoluzione proponiamo un nuovo momento di riflessione comune. Marcondirondera 2007 vuole essere un punto di riflessione ed elaborazione non focalizzato su un singolo tema ma ampio e libero, con lo scopo di decifrare insieme il mondo complesso in cui viviamo, in particolare la connessione tra la micro-violenza, che prolifera nel dissolvimento delle relazioni e nella moltiplicazione delle solitudini, e la macro-violenza di un sistema insostenibile. Rifletteremo insieme attorno al binomio della "Re-esistenza contro Sopra-vivenza", cercando di ideare strumenti che ci permettano di propagare la nostra presa di coscienza sul territorio, sia in termini di informazione diffusa che creando una rete capace di mobilitarsi facendo tesoro della consapevolezza del legame tra i piccoli conflitti locali e le grandi tensioni mondiali.

Programma

VENERDI' 21 SETTEMBRE
17:00 - 18:30 Accoglienza dei partecipanti
19:00 - 20:30 Cena
20:30 - 23:00 Introduzione a cura di Pierluigi Monaco (Tenda per la Pace e i Diritti - Monfalcone) Intervento di Davide Mattiello

SABATO 22 SETTEMBRE
8:00 - 9:00 Colazione
9:00 - 13:00 interventi di Achille Lodovisi e Raffaele Salinari
13:00 - 15:00 Pranzo
15:00 - 17:30 "Esperienze di RE-esistenTI"; coordina Andrea Bellavite
ass. L'Arca della Pace - Udine
ACMOS - Torino
Esposti Amianto - Monfalcone
Operai dell'INEOS - Monfalcone
Eco Art Center EIA - Bale (Croazia)
INCONTRI PUBBLICI
18:00 - 20:00 Presentazione del libro di Raffaele Salinari "Il Gioco del Mondo" presso la Sala Del Bianco, a Staranzano
20:00 - 23:00 Cena Giusta! con prodotti del commercio equo e solidale e di LiberaTerra

DOMENICA 23 SETTEMBRE
8:30 - 9:30 Colazione
9:30 - 13:00 "Tutto parte da noi..." esperienza di lavoro su se stessi e di gruppo guidati da Igor Drandic
13:00 - 14:30 Pranzo
14:30 - 16:00 Verifica e conclusioni, coordina Andrea Bellavite

ISCRIZIONI ENTRO IL 15 SETTEMBRE

Per maggiori informazioni:
Genni Fabrizio
349.7499526
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Ricorrenze del giorno

  • Anno 1984: A Torino muore Domenico Sereno Regis, presidente del MIR italiano e attivissimo militante nonviolento

Dal sito

  • Conflitti
    Un forum per promuovere un appello contro la guerra

    Il conflitto in Ucraina e il ruolo del movimento per la pace

    In questa pagina web riportiamo le voci di tutti coloro che stanno partecipando ai webinar di PeaceLink con lo scopo di definire una piattaforma comune di obiettivi finalizzati a evitare una degenerazione dell'aspro confronto in atto fra la Russia e la Nato
    22 gennaio 2022 - Redazione PeaceLink
  • Taranto Sociale
    Lo conferma lo studio dell'OMS

    Le emissioni dello stabilimento ILVA continuano ad essere incompatibili con la salute pubblica

    Da ora in poi, con i dati OMS che vanno a confermare le precedenti Valutazioni Danno Sanitario, non si può più considerare normale una situazione anomala. Questo rapporto dell'OMS a nostro parere costituisce notizia di reato.
    22 gennaio 2022 - Comitato Cittadino per la Salute e l'Ambiente a Taranto
  • Cultura
    A Roma a San Lorenzo il Primo Festival del Libro per la Pace e la Nonviolenza

    Festival del Libro per la Pace e la Nonviolenza

    Quattro giorni di presentazioni di libri, incontri, film, workshops, stands a cura di numerose realtà italiane e non solo per aprire dialoghi e confronti su diritti, Mediterraneo e migranti, Obiezione di Coscienza, disarmo nucleare, educazione alla nonviolenza, cultura di pace
    17 gennaio 2022 - Laura Tussi
  • Cultura
    Nessun potere è stato in grado di mettere a tacere la sua disperata vitalità

    A cento anni dalla nascita di Pier Paolo Pasolini

    Scrive Enzo Golino: “Sul vuoto che Pasolini ha lasciato permane la difficoltà di cancellarne l’ombra, e più si tenta di cancellarla e più si proietta nella realtà che stiamo vivendo”. Rimane più che mai attuale la sia critica del potere e dell'omologazione della nuova società neocapitalistica.
    14 gennaio 2022 - Dale Zaccaria
  • Pace
    La prima cosa da chiedere è di non vendere armi all'Ucraina e di non farla entrare nella Nato

    Crisi Ucraina: il ruolo proattivo dei pacifisti

    I pacifisti dovrebbero dire no a un coinvolgimento militare della Nato. La crisi in Ucraina oggi è molto simile alla crisi di Cuba del 1962. Se ne può uscire con un atto di fiducia reciproca, smantellando le armi nucleari Usa in Europa in cambio di un impegno a garantire la sicurezza dell'Ucraina.
    11 gennaio 2022 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)