assemblea

L'altrapolitica scende in piazza

20 ottobre 2007
ore 14:30 (Durata: 4 ore)

Assemblea partecipativa per la difesa dei beni comuni.
promossa da Umbria EquoSolidale e da Carta, è aperta ai movimenti, ai gruppi organizzati, ai comitati della società civile, ai cittadini, a quanti sono impegnati nei loro territori contro l'idea di uno sviluppo che comporti il consumo indiscriminato del territorio e per la difesa dei beni pubblici comuni.
L'obiettivo è decidere tutti insieme un'azione comune, che dia cittadinanza e visibilità alle singole battaglie.
L'appuntamento è inserito all'interno del programma della manifestazione Altrocioccolato.
Hanno finora aderito:
AIAB nazionale, Vittorio Agnoletto, Rete Nuovo Municipio, Fair coop, Francesco Martone, Paolo Cacciari, Associazione Comuni Virtuosi, Meet Up Amici di Beppe Grillo - Umbria, Ass.Medici per l'Ambiente - Umbria, Comitato anti elettrosmog "Alberi, non antenne"- Bologna, Comitato per la tutela ambientale Gubbio-Ghigiano, Cittadinanza Attiva "Ambiente e Legalità"- Perugia

Per maggiori informazioni:
Gianluca De gennaro
329.6342485
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Dal sito

  • Voltana
    Ho raccontato la corsa a perdifiato di mio padre per sfuggire ai tedeschi

    Il ricordo più bello di quest'anno scolastico

    Una mamma mi ha fermato per dirmi che quella storia non l'avrebbe mai dimenticata e che suo figlio gliel'aveva raccontata. Vorrei una scuola così, che lasci un ricordo e storie da custodire, perché la vita, anche in classe, può diventare bella, indimenticabile e commovente.
    31 maggio 2020 - Alessandro Marescotti
  • Taranto Sociale
    E l'ultima notizia è che concedono altri 14 mesi di proroga alla copertura dei nastri trasportatori

    Volevano tanto bene a Taranto

    Ma si sono dimenticati i tarantini nel forno. I bambini esplodevano uno dopo l'altro come chicchi di pop-corn. E gli ultimi che avrebbero dovuto aprire il portellone non l'hanno fatto.
    31 maggio 2020 - Alessandro Marescotti
  • Migranti
    Lo dichiara il quotidiano cattolico Avvenire

    "Le prigioni libiche finanziate da Italia e Ue sono luoghi di tortura"

    La guerra a Gheddafi non ha portato la democrazia e la libertà. In Libia si tortura e si violano pesantemente i diritti umani. Profughi in catene, ustionati e denutriti, aggrediti con acido, picchiati con martelli e tubi.
    31 maggio 2020 - Redazione PeaceLink
  • Laboratorio di scrittura
    L’umanità ama in quanto scrive

    L’amore per lo scrivere

    La scrittura è un atto d’amore per se stessi e per gli altri 
    30 maggio 2020 - Laura Tussi
  • Editoriale

    Sollevare un ginocchio di qualche centimetro

    28 maggio 2020 - Peppe Sini (Centro di ricerca per la pace, i diritti umani e la difesa della biosfera di Viterbo)
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)