convegno

Il grido dei poveri e la salvaguardia del creato

20 giugno 2008

V FORUM DELL’INFORMAZIONE CATTOLICA
PER LA SALVAGUARDIA DEL CREATO

“Il grido dei poveri e la Salvaguardia del Creato”
Pistoia, 20-22 giugno 2008

Il grido dei poveri e la salvaguardia del Creato rappresenta il tema centrale del V Forum Nazionale dell’Informazione Cattolica per la Salvaguardia del Creato, organizzato da Greenaccord in collaborazione con la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici) e con il patrocinio del Ministero dell’Ambiente, della Regione Toscana, della Provincia di Pistoia, del Comune di Pistoia, dell’Istituto Nazionale di Bioarchitettura, della Fesmi, del WWF, dell’Ordine dei Giornalisti Toscano, della Fnsi, del Segratariato Sociale Rai e dell’Ucsi Toscana.

Il forum, che per la prima volta si tiene nella città toscana di Pistoia, si svolgerà dal 20 al 22 giugno e stimolerà la discussione di giornalisti ed esperti sulle conseguenze che i cambiamenti climatici e, più in generale, il degrado ambientale, comportano per i paesi del Sud del Mondo e sull’indissolubile legame che esiste tra uomo e creato: l’azione umana incide sull’ambiente, la “sofferenza” dell’ambiente incide principalmente sull’uomo come dimostrano anche tanti recenti disastri.

L’inaugurazione del forum avverrà venerdì 20 giugno nella Sala Maggiore del Comune con il saluto di Gian Paolo Marchetti, Presidente Greenaccord, S.E. Mons. Mansueto Bianchi, Vescovo di Pistoia, Claudio Martini, Presidente della Regione Toscana, Renzo Berti, Sindaco di Pistoia e Gianfranco Venturi, Presidente Provincia di Pistoia. Tale seduta dei lavori sarà aperta alla cittadinanza di Pistoia.
Il primo intervento sarà quello del vice Presidente della Commissione Episcopale per l’Amazzonia
Dom Antonio Possamai, brasiliano di nascita ma figlio di immigrati italiani, che illustrerà la relazione “Il grido che giunge dall’Amazzonia” nell’ambito della quale – con l’ausilio di un video di 7 minuti preparato ad hoc – parlerà dei gravi rischi che sta correndo la regione Amazzonica e, di conseguenza, le popolazioni che vi risiedono a causa dell’incontrollata distruzione delle foreste e del territorio che, se dovesse proseguire con questo ritmo, rischia di provocare la completa desertificazione della regione nell’arco di 50 anni.
A seguire interverranno Vittorio Scelzo, esperto della Comunità di Sant’Egidio, con la relazione “Il grido che giunge dall’Africa”, Patrizia Sentinelli, già vice Ministro e Sottosegretario agli Affari Esteri, che discuterà su “Gli effetti del debito nelle politiche ambientali: il contributo della cooperazione internazionale” e Franco Pasquali, Segretario Generale della Coldiretti che parlerà del “Ruolo dell’agricoltura e l’emergenza alimentare”, una tematica estremamente attuale, soprattutto in un periodo in cui i biocarburanti sono messi sotto accusa perché determinerebbero l’emergenza alimentare.

I lavori proseguiranno sabato 21 giugno nella Sala dei Vescovi, gentilmente concessa dalla Cassa di risparmio di Pistoia e Pescia SpA. Nella sessione mattutina presieduta da Edo Ronchi, Luciano Scalettari, giornalista di Famiglia Cristiana, tratterà un’altra tematica di grande attualità e gravità con la relazione “I frutti avvelenati dello sviluppo: il traffico dei rifiuti tossici e radioattivi”. Se è vero, infatti, che non esiste nessuna banca dati ufficiale sul traffico di rifiuti tossici e nocivi, è altrettanto vero che sono numerosissimi i dati allarmanti sui rifiuti pericolosi “perduti” e scomparsi nel nulla, nonchè le inchieste giudiziarie, gli interventi di forze dell'ordine e istituzioni e, talvolta, i servizi giornalistici che hanno fatto emergere numerosi casi in cui è stato individuato un traffico illecito. Si tratta peraltro di una impressionante continuità di episodi e di indizi (di vecchia data, ma anche recentissimi) che fanno ritenere questi traffici intensi, a basso rischio ed estremamente lucrosi.
La situazione, dunque, legata spesso a sistemi di criminalità organizzata sovranazionali, è di vero e proprio allarme: da decenni ormai si stanno seminando bombe a orologeria nel pianeta, soprattutto nei Paesi poveri, di cui non si conoscono i futuri effetti né l'epoca nella quale tali bombe “scoppieranno”. Per frenare il proliferare di questi traffici illeciti sono fondamentali un maggiore impiego delle forze dell’ordine, norme più efficaci, accordi internazionali mirati, ma anche un’informazione d’inchiesta e più consapevole.
La sessione continuerà con l’intervento di Sergio Castellari, IPCC Focal Point Nazionale, che relazionerà sugli “Effetti dei cambiamenti climatici e povertà: crisi idriche e alimentari” e con l’intervento di Daniela Di Capua, del Sistema di Protezione Richiedenti Asilo e Rifugiati, su “I rifugiati ambientali nei flussi migratori verso l’Europa”.

La sessione pomeridiana del sabato, invece, al termine di un intervento di Mons. Mansueto Bianchi, che raccoglierà alcuni spunti etici su quanto presentato dai relatori, sarà caratterizzata dalla Tavola Rotonda “Come Comunicare il rapporto tra degrado ambientale e povertà”, durante la quale i giornalisti Antonio Brunori, Luciano Scalettari, Davide Demichelis, Alessandro Farruggia e Marco Gisotti discuteranno sul ruolo della comunicazione ambientale e di come l’informazione può incentivare la salvaguardia e la tutela del Creato.

Il forum si concluderà domenica 22 giugno con la presentazione di alcune esperienze di rilievo in materia di ambiente e povertà sorte sia in ambito ecclesiale che laico. Seguirà la discussione sul ruolo del network Greenaccord, in particolare nell’ambito dell’esperienza dei Cenacoli Ecologici.

Il V Forum Nazionale dell’Informazione Cattolica per la Salvaguardia del Creato è un evento realizzato con la collaborazione di:
Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici)

Patrocini:
Ministero dell’Ambiente, Diocesi di Pistoia, Regione Toscana, Provincia di Pistoia, Comune di Pistoia, FISC, Fesmi, Fnsi, Istituto Nazionale di Bioarchitettura, Segretariato Sociale Rai, ODG Toscana, Ucsi Toscana, WWF

Sponsor:
Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia, Banca Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia, Regione Toscana, Coldiretti, Ansaldobreda

Media Partner:
Circuito Corallo, Famiglia Cristiana, Ips, La Vita, Misna, Modus Vivendi, Toscana Oggi, Tvl

Ufficio Stampa Greenaccord
Nicola Checcarelli
339 7234724
Martina Valentini
338 9180001
075 5051681
press@greenaccord.it

Per maggiori informazioni:
Segreteria Greenaccord
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Cultura
    Da "L’anima e la notte, della poesia ed altri versi"

    Canzone per un bambino zingaro

    Dale Zaccaria continua la sua ricerca letteraria con la poesia e la prosa, scrivendo racconti e fiabe, in sinergia con altri artisti e generi come la pittura, la danza, la musica, il teatro e il video.
    25 gennaio 2022 - Redazione PeaceLink
  • Cultura
    Recensione

    Il miracolo della corda

    Una storia che non si può narrare tanto facilmente. Ma Monica, la figlia di Elvio Alessandri, riesce nel suo intento fino ad arrivare a scrivere un libello narrativo e riflessivo sulla Resistenza partigiana dei suoi cari.
    21 gennaio 2022 - Laura Tussi
  • Latina
    Honduras

    “Nessuno che abbia provato il dolore del popolo può unirsi a dei dittatori”

    Xiomara Castro invoca la difesa del risultato espresso dai cittadini nelle urne
    25 gennaio 2022 - Giorgio Trucchi
  • Conflitti
    Occorre negoziare una pace sostenibile

    La società civile globale esorta a fermare il tintinnio delle sciabole sull'Ucraina

    Entrambe le "grandi potenze" desiderano possedere l'Ucraina e rivendicare il loro "diritto" di concentrare le loro armi letali, truppe e basi ovunque lo desiderino, il più vicino possibile l'una all'altra. Entrambe oltrepassano la linea rossa del buon senso.
    25 gennaio 2022 - Yurii Sheliazhenko (Ucraina - World BEYOND War)
  • Disarmo
    Iniziativa di NoFirstUse Global

    Armi nucleari: no al "primo uso"

    In una lettera aperta, eminenti leader sollecitano le nazioni ad adottare politiche per ridurre i pericoli nucleari ed eliminare le armi nucleari. L'adozione di politiche di non-primo uso potrebbero aprire la porta a negoziati per la completa eliminazione delle armi nucleari.
    NoFirstUse Global
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)