corso

Volontari nel mondo - Percorso di formazione al volontariato internazionale

12 novembre 2008
ore 21:00

L'associazione Umanista Ritmi Africani, attiva dal 2001 in oltre 20 località del Senegal e in Gambia per lo sviluppo di progetti nel campo della salute, dell'istruzione, dell'agricoltura e della formazione al lavoro, organizza un nuovo percorso di formazione al volontariato rivolto a tutti coloro che sono interessati ai temi della giustizia sociale, della lotta alla povertà, della nonviolenza e desiderano impegnarsi concretamente nelle attività di solidarietà che portiamo avanti in Italia e in Africa

Prevediamo 4 incontri di due ore l'uno a cadenza settimanale, a partire dal 12 novembre 2008 (appuntamento alle ore 21.00 al Centro Umanista UAU di Via Cassini 40 a Torino) durante i quali tratteremo i seguenti argomenti:

- l'impegno sociale dell'associazione Ritmi Africani per l'auto organizzazione delle comunità locali
- auto organizzazione dei popoli e nonviolenza, un altro modo di cooperare
- il Movimento Umanista, metodologia di azione e modalità organizzative
- le attività realizzate in Senegal e in Gambia, testimonianze e racconti dei volontari
- partecipazione alle attività: proposte per i prossimi mesi

Ritmi Africani è costituita interamente da volontari che non percepiscono alcuna forma di compenso per il loro operato; realizziamo una forma di cooperazione che è lontana dall'assistenzialismo, perché la nostra metodologia punta ad appoggiare e sostenere le comunità locali in un processo a lungo termine che non si limita alla soluzione di problemi immediati, ma va verso la rimozione delle cause delle ingiustizie e della povertà.

La partecipazione al percorso di formazione è libera e gratuita.

Per maggiori informazioni:
Ileana Prezioso
339/2422825
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricorrenze del giorno

  • Anno 1945: Giappone: sganciata da un bombardiere americano, scoppia la prima bomba atomica

Dal sito

  • Disarmo
    Nelle basi Nato di Aviano (Pordenone) e Ghedi (Brescia) ci sono 70 testate atomiche americane

    A 75 anni dalla tragedia di Hiroshima e Nagasaki

    La commemorazione di Hiroshima e Nagasaki deve convincere a prendere finalmente decisioni di disarmo, almeno di disarmo atomico, troppo a lungo rimandate.  E’ inaccettabile che il nostro paese, che ripudia la guerra e ha fatto la scelta antinucleare, ospiti armi nucleari.
    6 agosto 2020 - MIR (Movimento Internazionale della Riconciliazione)
  • Latina
    I paramilitari attaccano i municipi occupati dai comuneros con metodi da Ku Klux Klan

    Araucanía: violenza razzista di Stato contro i mapuche

    Preoccupano le condizioni di salute dei prigionieri politici mapuche in sciopero della fame
    5 agosto 2020 - David Lifodi
  • Latina

    Piano interventista contro il Nicaragua

    Gli USA si preparano a gestire tre possibili scenari prima e dopo le elezioni del prossimo anno
    4 agosto 2020 - Giorgio Trucchi
  • Disarmo
    Pretendiamo un atto di dignità, il governo si riscatti firmando il Trattato!

    HIROSHIMA E NAGASAKI 75 anni fa: mai più!

    In Italia ospitiamo 70 bombe nucleari americane, in caso di guerra saremmo uno dei primi bersagli, nessun governo lo ha mai dichiarato ai cittadini
    4 agosto 2020 - Rossana De Simone
  • Latina

    Difendere i beni comuni è sempre più pericoloso

    Nuovo rapporto di Global Witness evidenzia un drastico incremento degli omicidi di attivisti in difesa della terra e dell’ambiente
    3 agosto 2020 - Giorgio Trucchi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)