veglia

Quarta notte della solidarietà con i rifugiati

3 settembre 2009
ore 19:00 (Durata: 4 ore)

Solidarietà e accoglienza per profughi e rifugiati.

In memoria delle vittime che hanno perso la vita in mare.
I rifugiati di Milano, provenienti dall’Eritrea, Etiopia, Somalia, Sudan lottano da 5 mesi, per il diritto umano all’accoglienza. Sono donne, uomini e bambini, esseri umani che fuggono dalle guerre in cerca di protezione e di un futuro migliore. Hanno dei diritti riconosciuti internazionalmente e chiedono ciò che gli spetta al Comune di Milano, che non da alcuna risposta e li costringe a dormire per la strada. La giunta Moratti addirittura è arrivata a mandare perfino l’esercito, dichiarando piazza Oberdan “zona sensibile” Negano i diritti riconosciuti da leggi internazionali, continuano una repressione che dura da 5 mesi con calunnie e bugie ripetute da politici di professione, da mass media e giornali.

In piazza Oberdan ci sono rifugiati eritrei come i 75 uomini e donne morti nel mare di Sicilia in questi giorni, tra i quali alcuni di loro erano stati vittime dei respingimenti in Libia dei mesi scorsi. Lasciati morire negando il soccorso, per 20 giorni hanno viaggiato e le 10 navi incontrate, non hanno risposto alla richiesta di aiuto. Le istituzioni fra cui: Libia, Malta e l’Italia in prima fila, hanno negato il soccorso a chi chiedeva aiuto. Questo governo nega, nei fatti l’accoglienza a chi fugge dalle guerre e dalle dittature, violando tutte le leggi e i diritti umani riconosciuti.

Alle vittime che hanno perso la vita in mare vogliamo dedicare la:

QUARTA NOTTE DELLA SOLIDARIETÀ CON I RIFUGIATI

GIOVEDÌ 3 SETTEMBRE DALLE ORE 19.00.

Per iniziare..h.19.56 (7.56 P.M.) Cena della solidarietà

A seguire … Assemblea pubblica

per finire Lettura dal libro “la nave fantasma “ di Giovanni Maria Bellu

C’è bisogno di reagire, per costruire una vera accoglienza umana, questo significa in questa città sostenere con più forza, la lotta dei rifugiati di Milano. Possiamo imparare tutti a reagire dal loro coraggio, dalla loro determinazione, solidarietà, protagonismo e umanità Rivolgiamo un appello ai nostri fratelli e sorelle immigrati e italiani a unirsi, organizzarsi a prendere l’iniziativa con coraggio per contrastare il razzismo, la paura o la rassegnazione, invitandovi a partecipare alla:

MANIFESTAZIONE NAZIONALE DEL 17 OTTOBRE A ROMA.

Per contatti e adesioni:

Rifugiati di Milano – 345.6125464 – rifugiati.milano@gmail.com , Associazione Antirazzista “3 febbraio” – 348.7329075 – milano.a3f@libero.it , Gruppo per la solidarietà antirazzista Vijar Kumar – 338.9184499, Comitato antirazzista Mondoinsieme – 328.1659637, comitato.mondoinsieme@gmail.com ,
Centro delle culture – Movimento umanista- Jorge Carazas Tel.320.0118441

Per maggiori informazioni:
r.m.
348.7329075
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Taranto Sociale
    Lettera al Ministro della Transizione Ecologica Roberto Cingolani

    Richiesta di fermo batteria 12 cokeria ILVA per mancata messa a norma

    E' stato autorizzato uno scenario emissivo (6 milioni di tonnellate annue di acciaio) a cui corrisponde un rischio cancerogeno inaccettabile. Tutto ciò è acclarato dalla nuova VDS (Valutazione Danno Sanitario) sarà segnalato alla Procura della Repubblica
    15 giugno 2021 - Comitato Cittadino per la Salute e l'Ambiente a Taranto
  • Laboratorio di scrittura
    Occorre appoggiare questa inchiesta e farne una bandiera di onestà e di trasparenza

    Dai veleni dell'Ilva al puzzo dell'inchiesta di Potenza

    Che l'Ilva inquinasse lo si sapeva. Ma qui si arriva a un livello di manipolazione delle istituzioni inusitato. Un sistema di potere occulto - con manovre bipartisan - ha tentato di fermare a Taranto l'intransigenza della magistratura prima dall'esterno e poi dall'interno.
    15 giugno 2021 - Alessandro Marescotti
  • Ecologia
    Produzione ILVA a Taranto

    Anche 6 milioni di tonnellate di acciaio sono troppe

    E adesso come faranno ad autorizzare 8 milioni di tonnellate/anno se già 6 mettono a rischio la salute della popolazione? Arpa Puglia, Aress e Asl fanno i calcoli ed emerge ciò che era ovvio. La VIIAS del 2019 aveva dato rischio sanitario inaccettabile a 4,7 milioni di tonnellate/anno di acciaio.
    20 maggio 2021 - Redazione PeaceLink
  • Ecologia
    Ilva, a Taranto pure lo Stato si è liquefatto

    Ma i soldi del recovery Plan non potrebbero risarcire Taranto dandole un futuro pulito?

    Dopo la sentenza di primo grado che ha condannato i Riva per disastro ambientale e disposto la confisca degli impianti, ed ecco emergere un’impressionante continuità di pratiche illegali finalizzate ad ammorbidire l’azione della magistratura.
    11 giugno 2021 - Gad Lerner
  • Ecologia
    Il fervido cattolicesimo dei Riva

    Inquinavano e credevano in Dio

    E' crollato definitivamente il sistema di potere che veniva benedetto e celebrato a Pasqua e Natale in fabbrica, con generose donazioni dai Riva all'ex arcivescovo di Taranto monsignor Benigno Papa.
    11 giugno 2021 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)