evento

5° FESTIVAL DEL CINEMA DEI DIRITTI UMANI DI NAPOLI Human Rights Film Network

5 novembre 2012

Due settimane di proiezioni accompagnate da incontri, dibattiti, reading, mostre e performance sui diritti universali organizzati in cinema, sale non convenzionali, biblioteche, università e scuole pubbliche. Tra i numerosi ospiti, testimoni di diritti negati provenienti dai quattro angoli del mondo, registi, giornalisti e sociologi.

————————————————————————————————————–

Arrivano a Napoli importanti documenti sull’emigrazione a cura della Cineteca di Bologna. Ritorna la presentazione dell’Atlante dei Conflitti. In più, una Finestra su Buenos Aires per raccontare la situazione dei diritti vista dall’altra parte del mondo. Tra gli ospiti, il gruppo degli A ’67 con lo spettacolo “Scampia Trip”.

————————————————————————————————————–

Si riaccendono, a Napoli, le luci sui diritti umani. Da lunedì 5 novembre diversi luoghi della città e della provincia ospiteranno le proiezioni dei film e le iniziative del Festival del Cinema dei Diritti Umani di Napoli, giunto alla sua quinta edizione con il Patrocinio del Sindaco e del Comune di Napoli e realizzato grazie al lavoro volontario di decine di associazioni napoletane impegnate quotidianamente sul territorio, coordinate da “Cinema e Diritti” presieduta da Maurizio Del Bufalo, coordinatore della kermesse insieme ad Antonio Borrelli coordinatore del concorso cinematografico e Sabrina Innocenti, coordinatrice del gruppo Scuola.

Il Festival che, sin dal 2010, fa parte dello Human Rights Film Network, la rete che unisce oltre 30 festival di Cinema e Diritti Umani di altrettante capitali culturali del pianeta, propone una rassegna di cinema e di riflessione sui diritti universali e ogni anno decide di concentrare la sua attenzione su argomenti spesso trascurati, alternando storie di casa nostra a immagini e testimonianze di lontane comunità.

Oltre alle opere in concorso, tanti i film in programma, a partire dalla FINESTRA SU BUENOS AIRES che per la prima volta porta a Napoli, in tre serate, 6 film del Festival DerHumALC di Buenos Aires per raccontare il mondo argentino attuale a 10 anni dal default economico, passando per Verdades verdaderas di N. Gil Lavedra sulla storia di Estela Carlotto simbolo delle “Abuelas de Plaza de Mayo”, ancora con la serata sul CINEMA DELL’EMIGRAZIONE a cura della Cineteca di Bologna, fino ad arrivare a Là-Bas di Guido Lombardi.

Numerosi i dibattiti in programma. Una tavola rotonda sulla TORTURA darà ufficialmente il via al festival; poi attenzione puntata sulla questione del LAND GRABBING in Africa con l’associazione Terra Nuova e il mensile Terra; ancora sguardo sul continente africano e sulla SCHIAVITÙ in Mauritania con IRA Mauritania, Operatori di Pace Campania, Haima e Donne in Nero. Dalla seconda settimana l’attenzione si concentra sull’IDENTITÀ del territorio e sui racconti delle EMIGRAZIONI italiane di ieri e di oggi. Senza dimenticare il tema della VIOLENZA SULLE DONNE con lo spettacolo “Malammore” sostenuto dall’ass.ne Le Kassandre e realizzato nel post-festival, il 25 novembre, in occasione della Giornata Internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne.

Arricchiscono il Festival, gli appuntamenti negli istituti scolastici, come quello sulla SOVRANITÀ ALIMENTARE organizzato da Slow Food Campania e quelli dedicati alla didattica filmica e multimediale realizzati in collaborazione con le Associazioni “École Cinéma” e “Cinémas 93″ e il liceo “Sugér” di Parigi che testimoniano la collaborazione tra il festival di Napoli e quello di Tremblay en France.

Da segnalare ancora l’incontro della rete Human Rights Film Network per venerdì 9 novembre (con la presenza di alcuni dei Direttori di alcuni dei principali Festival Internazionali di Cinema dei Diritti Umani, accompagnata dalla proiezione del film Rosaria di Gianluca Loffredo) e il Forum degli attivisti delle Ong napoletane, eventi che ribadiscono la stretta connessione tra cinema e diritti.

Fil rouge che unisce i numerosi dibattiti con gli operatori e i film in programma, i due concorsi, quello cinematografico e quello per le scuole.

Oltre cento sono state le opere che hanno partecipato alle selezioni per le due sezioni ufficiali del concorso cinematografico, quella dedicata al mondo del Cinema Documentario (Human Rights Doc) e l’altra riservata, invece ai Cortometraggi (Human Rights Shorts). A giudicare i film, scelti dal Comitato di Selezione del Festival, sarà la Giuria Ufficiale composta da Francesca Amitrano, Angelo Curti, Antonietta De Lillo, Luca Rossomando e Florencia Santucho, che decreterà i vincitori delle due sezioni, cui andrà il premio economico messo in palio dal Festival per partecipare alla XV edizione del Festival DerHumALC di Buenos Aires del 2013. Per la terza volta, la Giuria Giovani, composta da studenti universitari, assegnerà la propria menzione speciale, mentre il Comitato di Selezione del Festival attribuirà la “Menzione Speciale Vittorio Arrigoni e Juliano Mer-Khamis” all’opera più originale e coraggiosa.


I ragazzi che hanno partecipato alla seconda edizione del Concorso riservato alle scuole della Campania si sono cimentati con il tema dell’identità del territorio. Alle scuole è stato chiesto di elaborare scritti critici e sceneggiature inerenti la cinematografia a sfondo sociale. Il concorso, dal titolo “La Scuola per l’Europa, Diritti e Cinema”, gode del Patrocinio del MIUR - Ufficio Scolastico Regionale per la Campania.

-———————————————————————————————————–

Anche in quest’edizione il Festival del Cinema Diritti Umani di Napoli si articolerà in due settimane, di cui la prima con una particolare attenzione alle Università, al cinema ed al mondo argentino, e la seconda quasi interamente dedicata alle scuole e al concorso cinematografico.

————————————————————————————————————–

Le attività del Festival si svolgeranno presso:

Università Suor Orsola Benincasa, Cinema Pierrot di Ponticelli, Università L’Orientale, Cinema Roma di Portici, Ex Asilo Filangieri, Incampus, Basilica di S. Giovanni Maggiore, Città della Scienza, Complesso BagnoliFutura, Istituto Francese “Grenoble”, Istituto “Gentileschi”, Convitto Nazionale, Istituto “G. Casanova”.

La conferenza stampa di presentazione, con l’annuncio delle opere partecipanti al concorso, è fissata per MARTEDÌ 30 OTTOBRE ore 11:00 presso il Foyer dell’Auditorium del Centro di Produzione Televisivo RAI di Napoli (viale G. Marconi, 7)

Per maggiori informazioni:
+ 39 329 4393933
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Taranto Sociale
    Lettera al Ministro della Transizione Ecologica Roberto Cingolani

    Richiesta di fermo batteria 12 cokeria ILVA per mancata messa a norma

    E' stato autorizzato uno scenario emissivo (6 milioni di tonnellate annue di acciaio) a cui corrisponde un rischio cancerogeno inaccettabile. Tutto ciò è acclarato dalla nuova VDS (Valutazione Danno Sanitario) sarà segnalato alla Procura della Repubblica
    15 giugno 2021 - Comitato Cittadino per la Salute e l'Ambiente a Taranto
  • Laboratorio di scrittura
    Occorre appoggiare questa inchiesta e farne una bandiera di onestà e di trasparenza

    Dai veleni dell'Ilva al puzzo dell'inchiesta di Potenza

    Che l'Ilva inquinasse lo si sapeva. Ma qui si arriva a un livello di manipolazione delle istituzioni inusitato. Un sistema di potere occulto - con manovre bipartisan - ha tentato di fermare a Taranto l'intransigenza della magistratura prima dall'esterno e poi dall'interno.
    15 giugno 2021 - Alessandro Marescotti
  • Ecologia
    Produzione ILVA a Taranto

    Anche 6 milioni di tonnellate di acciaio sono troppe

    E adesso come faranno ad autorizzare 8 milioni di tonnellate/anno se già 6 mettono a rischio la salute della popolazione? Arpa Puglia, Aress e Asl fanno i calcoli ed emerge ciò che era ovvio. La VIIAS del 2019 aveva dato rischio sanitario inaccettabile a 4,7 milioni di tonnellate/anno di acciaio.
    20 maggio 2021 - Redazione PeaceLink
  • Ecologia
    Ilva, a Taranto pure lo Stato si è liquefatto

    Ma i soldi del recovery Plan non potrebbero risarcire Taranto dandole un futuro pulito?

    Dopo la sentenza di primo grado che ha condannato i Riva per disastro ambientale e disposto la confisca degli impianti, ed ecco emergere un’impressionante continuità di pratiche illegali finalizzate ad ammorbidire l’azione della magistratura.
    11 giugno 2021 - Gad Lerner
  • Ecologia
    Il fervido cattolicesimo dei Riva

    Inquinavano e credevano in Dio

    E' crollato definitivamente il sistema di potere che veniva benedetto e celebrato a Pasqua e Natale in fabbrica, con generose donazioni dai Riva all'ex arcivescovo di Taranto monsignor Benigno Papa.
    11 giugno 2021 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)