conferenza

Strategie di sviluppo sostenibile per Taranto nel XXI secolo

23 maggio 2013
ore 09:30

La Delegazione FAI – Fondo Ambiente Italiano di Taranto, in collaborazione con il Politecnico di Bari, nell’ambito del ciclo di conferenze “Strategie di sviluppo ambientale per Taranto nel XXI secolo” è lieta di invitarvi al IV incontro, che si terrà a Taranto, giovedì 23 maggio p.v., presso il Centro Interdipartimentale Magna Grecia, del Politecnico di Bari.
In tale incontro, la relatrice Carla Tedesco fornirà un contributo relativo alla situazione tarantina, inquadrandola in un più ampio discorso sulle politiche di rigenerazione urbana sperimentate in Italia, ed in particolare nel Mezzogiorno, nel corso degli anni novanta e duemila. Si parlerà di come in alcuni casi, l’innovazione si sia tradotta in azioni concrete, ma diverse, a seconda di come le città hanno avuto la capacità di usare questi nuovi strumenti al fine di intraprendere percorsi e sviluppi innovativi.
La dott.ssa Stefania Tonin, invece, metterà a confronto la situazione di Marghera e di Taranto, città accomunate da una profonda crisi ambientale, che ha colpito la salute dei lavoratori e dei suoi abitanti, oltre che da una crisi dell’economia tradizionale. Le analogie tra le due città sono anche altre: importanti e storici siti di interesse nazionale caratterizzati da ampie aree inquinate da bonificare, teatro di procedimenti giudiziari legati alle vicende ambientali e sanitarie. Si analizzerà la situazione degli interventi di bonifica di porto Marghera, in essere ormai da quindici anni, ma con un iter attuativo molto lento.
Il ciclo di conferenze ha, quindi, l’obiettivo di fornire un contributo di conoscenza e di riflessione sulle tematiche ambientali, di salute, ma anche di efficace politica e programmazione industriale che, nell’attuale, sono strettamente correlate al presente ed al futuro della nostra città.
Nell’ultimo incontro, inoltre, la relazione di Monsignor Filippo Santoro, Arcivescovo di Taranto, ha avuto una connotazione di tipo sociale, e ha trattato temi relativi all’impatto umano e alla vivibilità, intesa in tutte le sue componenti, dei cittadini, ed essenzialmente di coloro strettamente legati alle vicende dell’Ilva, e l’importanza di una efficace cooperazione ad ampio raggio per affrontare la criticità del momento.
"La partecipazione alla conferenza è aperta a tutti"

Apertura lavori:
Prof. Gregorio Andria
Presidente del polo di Taranto e Presidente del Centro Interdipartimentale Magna Grecia, Taranto
Dott. Paolo Pirami
Capo Delegazione FAI Taranto
Prof. Stelio Blasi di Statte
Docente. di Pianificazione territoriale, Politecnico di Bari sede di Taranto
Introduce:
Prof. Giorgio Assennato
già Professore Ordinario di Medicina del Lavoro presso il Dipartimento di Medicina Interna e Medicina Pubblica dell'Università di Bari
Relatore:
Dott.ssa Stefania Tonin
Ricercatore di economia applicata, Università IUAV di Venezia
“Marghera e Taranto: storie parallele di disastri ambientali e di possibili rinascite sostenibili”
Dott.ssa Carla Tedesco
Ricercatore di tecnica e pianificazione urbanistica, Università IUAV di Venezia
“Politiche di rigenerazione urbana nelle città del Mezzogiorno”

Per maggiori informazioni:
FAI - Fondo Ambiente Italiano - Delegazione di Taranto
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Mappa

Eventi dei prossimi giorni

Ricerca eventi

Ricorrenze del giorno

  • Anno 1956: Danilo Dolci con decine di disoccupati fa uno "sciopero alla rovescia", ricostruendo una strada abbandonata a Trappeto, in Sicilia. Finisce in carcere.
  • Anno 1932: Si apre a Ginevra la prima convenzione per il disarmo mondiale.

Dal sito

  • Latina
    Honduras

    Bajo Aguán, una tragedia infinita

    Nuova ondata di attacchi e di omicidi contro contadini e difensori dell'ambiente
    26 gennaio 2023 - Giorgio Trucchi
  • Disarmo
    Armi atomiche, un momento di pericolo senza precedenti

    A soli 90 secondi dall’ora fatale

    E' stato presentato l’aggiornamento annuale del doomsdyclock del Comitato per la Scienza e la Sicurezza del Bulletin of the Atomic Scientists. Il peggioramento della situazione mondiale a seguito soprattutto della guerra in Ucraina ha portato l’orologio a soli 90 secondi dall’ora fatale.
    25 gennaio 2023 - Alessandro Pascolini (Università di Padova)
  • PeaceLink
    Intervista ad Alessandro Marescotti

    «Nel 1980 avevo capito che l’informatica avrebbe cambiato completamente la società»

    Gli anni dell’università, poi la laurea in filosofia, la prima calcolatrice programmabile Texas TI58. Poi l'esperienza da programmatore, prima di diventare insegnante di Lettere. Un racconto che arriva infine alla nascita di PeaceLink, la telematica per la pace
    24 gennaio 2023 - Italia che cambia
  • Ecologia
    Video con l'intervento di Alessandro Marescotti, presidente di PeaceLink

    Audizione di PeaceLink sul decreto che istituisce lo scudo penale per l'ILVA

    "Il decreto non è emendabile e se viene convertito in legge equivale a riportare in Italia la pena di morte, per di più verso persone innocenti di cui non conosciamo nome, sesso, età e volto".
    24 gennaio 2023 - Redazione PeaceLink
  • Latina
    Dina Boluarte continua ad utilizzare la mano dura

    Perù: prosegue il conflitto sociale

    Gran parte delle morti dei manifestanti sono state provocate da proiettili sparati da armi da fuoco in dotazione alla polizia e all’esercito
    23 gennaio 2023 - David Lifodi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)