festa

Ketos e Taras: perle dello Jonio

15 dicembre 2013

Programma

Ore 10,00 – APERTURA STANDS ESPOSITIVI E PRESENTAZIONE DEL LIBRO ILLUSTRATO PER BAMBINI “ I DELFINI DI TARAS”
Ore 11,00 – TAVOLA ROTONDA CON L’INTERVENTO DI OSPITI (tra i quali anche Fulvia Gravame di Peacelink)
Ore 17,30 – RAPPRESENTAZIONE TEATRALE* “KETOS E TARAS: PERLE DELLO JONIO”, a cura dei bambini della classe 4C del II Istituto Comprensivo di Francavilla Fontana (Br).
Ore 19,30 – RAPPRESENTAZIONE TEATRALE* “KETOS E TARAS: PERLE DELLO JONIO”, a cura dei bambini della classe 4C del II Istituto Comprensivo di Francavilla Fontana (Br).
Ore 21,00 – CHIUSURA EVENTO

Durante la giornata verranno proiettati il documentario “I DELFINI DI TARAS” nella sua versione integrale, vincitore del 1° Premio al Pelagos International Film Festival di Roma nella sezione “Documentari naturalistici” ed una serie di filmati realizzati dalla Jonian Dolphin Conservation durante le attività di ricerca.

* La rappresentazione coinvolgerà gli alunni di una Scuola Primaria che ha partecipato al Progetto “Ketos e Taras: perle dello Ionio” realizzato dalla JDC per l’anno scolastico 2013/2014.
Lo spettacolo sarà innovativo poiché proprio i bambini, che rappresentano la futura generazione, attraverso parole, gesti e danza, trasmetteranno un messaggio forte:
Proteggiamo i Cetacei ed il nostro Mare
No alle trivellazioni nello Ionio
Per lo spettacolo è prevista la realizzazione di una scenografia, di sagome di animali marini, produzione di musiche e danze.

Finalità

La sfida è quella di dare avvio ad un dibattito pubblico, incentrato sugli effetti derivanti dalla suddetta attività con l’intento di creare la consapevolezza che questi animali necessitano di tutela e protezione. Questa consapevolezza può essere raggiunta solo attraverso la conoscenza.

Obiettivi

Creare la consapevolezza che i Cetacei esistono ancora nel nostro mare;
Comprendere gli effetti dell’inquinamento sugli organismi marini;
Conoscere i possibili effetti derivanti dalle attività di prospezione geologica per la ricerca degli idrocarburi sui Cetacei;
Sensibilizzare l’opinione pubblica all’importanza di tutelare i Cetacei presenti nel bacino Ionico;
Incoraggiare l’assunzione di comportamenti responsabili nei confronti dell’ambiente.

Perché ne parliamo?
Attualmente, 10 richieste di autorizzazione per le prospezioni geologiche finalizzate alla ricerca di idrocarburi nel mar Ionio Settentrionale sono state presentate da parte di compagnie private, agli organi competenti per una superficie totale coinvolta pari a circa 5.041 km2.
L’attività di prospezione geologica per la ricerca di idrocarburi in mare, prevede l’utilizzo di air-guns, ovvero “cannoni ad aria compressa” che emettono nella colonna d’acqua bolle d’aria ad alta pressione, il cui eco di ritorno permette di ottenere il profilo geo-morfologico del fondale, e risalire all’eventuale presenza di giacimenti.
L’attività di acquisizione di dati geofisici e geodinamici, è fonte di inquinamento acustico che produce impatti negativi su diversi phyla di organismi ed in particolare sui Cetacei, che utilizzano il suono per comunicare, cacciare e orientarsi.
Nello Ionio Settentrionale, la presenza dei Cetacei, che sia stanziale o transitoria, è documentata nella letteratura di numerosissimi Istituti di Ricerca, Fondazioni e Università, testimoniando la funzione di questo bacino costiero come punto di transito e/o di habitat preferenziale.
Per la salinità delle sue acque, per l’abbondanza di fiumi che vi sfociano e per il particolare assetto geografico e naturale, si innescano dei meccanismi trofici che permettono di definire questo bacino importante feeding area per i Cetacei.

Per maggiori informazioni:
Fulvia Gravame
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Dal sito

  • Kimbau
    Intervista sulla solidarietà al tempo della pandemia

    Chiara Castellani: "Pensare al proprio prossimo"

    "O si entra in questa dimensione di voler pensare agli altri e ciascuno di noi entra in questa prospettiva anche di globalizzazione della solidarietà con gli altri, o non riusciremo a salvarci tutti assieme, in questo dovremmo imparare anche dall’Africa".
    22 settembre 2020 - Laura Tussi
  • Ecologia
    Era nato a Nova Milanese nel 1942

    E' morto Virginio Bettini

    Ha collaborato con Barry Commoner e con lui pubblicò a doppia firma "Ecologia e lotte sociali" nel 1976. Insieme andarono in Vietnam per denunciare i disastri causati dalla diossina lanciata dagli USA nella guerra chimica. E' stato europarlamentare verde.
    21 settembre 2020 - Laura Tussi
  • Disarmo
    Una novità che invita gli attuali governi ad una svolta

    Invito ad aderire al Trattato delle Nazioni Unite sulla proibizione delle armi nucleari

    Cinquantasei ex presidenti, primi ministri, ministri degli esteri e ministri della difesa di 20 stati membri della NATO, nonché Giappone e Corea del Sud, hanno appena pubblicato una lettera aperta
    21 settembre 2020 - Tim Wright (Coordinatore ICAN)
  • Taranto Sociale
    La crisi peggiore a Taranto

    Al voto mentre l’Ilva si spegne cadendo a pezzi

    ArcelorMittal, a rischio fuga, chiude nuovi reparti. Atri mille operai i cassa integrazione. Produzione ferma, incidenti ormai continui: "Ormai non c'è più sicurezza".
    Francesco Casula
  • Pace
    21 settembre 2020

    ONU, giornata internazionale per la pace

    Lo slogan è "plasmare la pace insieme". L'Assemblea Generale dell'ONU lancia un importante messaggio affinché sia dichiarato il cessate il fuoco in tutte le zone di conflitto e vengano rafforzati gli ideali di nonviolenza che possono accomunare i popoli.
    21 settembre 2020 - Redazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)