incontro

DEBITO PUBBLICO e FISCAL COMPACT

10 maggio 2014
ore 09:30

Lista Civica Italiana: incontro con Francesco Gesualdi, Rocco Artifoni, Marco Cattaneo
DEBITO PUBBLICO e FISCAL COMPACT
Idee a confronto per evitare il collasso sociale: trasformare le idee in azione politica e fare rete

http://www.peacelink.it/pace/a/40081.html

http://www.peacelink.it/tools/author.php?u=437

Incontro Lista Civica Italiana: Debito e Fiscal Compact
Comunicato stampa per l'incontro del 10 maggio 2014 sul tema del Debito

INCONTRO SUL DEBITO PUBBLICO E FISCAL COMPACT

Idee a confronto per evitare il collasso sociale:

trasformare le idee in azione politica e fare rete

Lista civica italiana invita i cittadini/e, i gruppi e le forze politiche all'incontro di sabato 10 maggio ore 9.30 – 13 al teatro Ariberto di Milano (via Daniele Crespi 9 – Milano - (MM2 fermate Sant’Agostino e Sant’Ambrogio) dedicato al problema del debito pubblico e al fiscal compact.

Per motivi organizzativi é gradita la preregistrazione cliccando qui

Sono stati invitati Francesco Gesualdi, Fondatore del Centro Nuovo Modello di Sviluppo e autore del libro “Le catene del debito” - Feltrinelli Editore, Rocco Artifoni, Vicepresidente Ardep - Associazione per la riduzione del debito pubblico e membro dell'Associazione articolo 53, Marco Cattaneo Presidente CPI Private Equity – Coautore del libro “La soluzione per l'euro - 200 miliardi per rimettere in moto l'economia italiana - Hoepli Editore.

Moderatore - Fabio Regis della Lista civica italiana

L'incontro ha tre obiettivi: dare ai cittadini elementi di conoscenza per poter valutare criticamente il problema del debito, far emergere soluzioni socialmente e ambientalmente accettabili a cui dare una attuazione politica, fare rete tra forze diverse nel rispetto delle reciproche diversità.

Il debito pubblico italiano ha superato i 2.000 miliardi di euro e la spesa per interessi annuale è dell’ordine dei 90 miliardi di euro, oltre il 5% del PIL. Per fare un confronto, la spesa sanitaria in Italia è di poco superiore. La spesa per interessi è dunque un macigno che non permette allo stato di liberare risorse per contenere la pressione fiscale e per aiutare soprattutto le fasce di popolazione più colpite dalla crisi, come i giovani e le giovani famiglie.

Negli ultimi anni gli italiani hanno subito una intensa pressione mediatica con frasi del tipo “attenzione allo spread”, “abbiamo vissuto al di sopra delle nostre possibilità”, “i mercati ci punirebbero” ,“ce lo chiede l'Europa”. In questo contesto si sono create le condizioni favorevoli per l'approvazione da parte del parlamento del “pareggio di bilancio in costituzione” e altri provvedimenti che preludono al rischio di “macelleria sociale” e alla svendita o la privatizzazione dei beni comuni e del patrimonio pubblico.

Molto spesso la questione del debito è sottratta al dibattito pubblico perchè i contenuti sono presentati come argomenti “da addetti ai lavori”, mentre si tratta di un una questione cruciale per la democrazia e che deve essere resa accessibile alla più vasta platea dell’opinione pubblica.

Per info Roberto Brambilla 338 88 03 715 Luca Nicola 366 179 902 5

www.listacivicaitaliana.org

MM2 fermate Sant’Agostino e Sant’Ambrogio. Altri mezzi a disposizione Autobus 74, 47 e 59 (capolinea piazzale Cantore), 94 (piazza Resistenza Partigiana)
Tram 14 e 2 (corso Genova – via Ariberto), Parcheggio bikemi piazza Sant’Agostino, Parking a pagamento via Ariberto

Lista civica italiana é un contenitore ideato per mandare le migliori persone della società civile in parlamento: Lista civica italiana vuole attuare la Costituzione, affiancare la democrazia diretta a quella rappresentativa per dare più potere ai cittadini, attuare una economia compatibile con i limiti del pianeta, attuare la riforma della fiscalità come da art 53 della Costituzione, fare in modo che la politica torni ad essere un servizio per il bene comune.
In sintesi LCI intende mettere al centro della politica la persona e le sue esigenze per vivere serenamente.

Note:
www.listacivicaitaliana.org

Per maggiori informazioni:
Roberto Brambilla
338 88 03 715
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Conflitti
    Un forum per promuovere un appello contro la guerra

    Il conflitto in Ucraina e il ruolo del movimento per la pace

    In questa pagina web riportiamo le voci di tutti coloro che stanno partecipando ai webinar di PeaceLink con lo scopo di definire una piattaforma comune di obiettivi finalizzati a evitare una degenerazione dell'aspro confronto in atto fra la Russia e la Nato
    22 gennaio 2022 - Redazione PeaceLink
  • Taranto Sociale
    Lo conferma lo studio dell'OMS

    Le emissioni dello stabilimento ILVA continuano ad essere incompatibili con la salute pubblica

    Da ora in poi, con i dati OMS che vanno a confermare le precedenti Valutazioni Danno Sanitario, non si può più considerare normale una situazione anomala. Questo rapporto dell'OMS a nostro parere costituisce notizia di reato.
    22 gennaio 2022 - Comitato Cittadino per la Salute e l'Ambiente a Taranto
  • Cultura
    A Roma a San Lorenzo il Primo Festival del Libro per la Pace e la Nonviolenza

    Festival del Libro per la Pace e la Nonviolenza

    Quattro giorni di presentazioni di libri, incontri, film, workshops, stands a cura di numerose realtà italiane e non solo per aprire dialoghi e confronti su diritti, Mediterraneo e migranti, Obiezione di Coscienza, disarmo nucleare, educazione alla nonviolenza, cultura di pace
    17 gennaio 2022 - Laura Tussi
  • Cultura
    Nessun potere è stato in grado di mettere a tacere la sua disperata vitalità

    A cento anni dalla nascita di Pier Paolo Pasolini

    Scrive Enzo Golino: “Sul vuoto che Pasolini ha lasciato permane la difficoltà di cancellarne l’ombra, e più si tenta di cancellarla e più si proietta nella realtà che stiamo vivendo”. Rimane più che mai attuale la sia critica del potere e dell'omologazione della nuova società neocapitalistica.
    14 gennaio 2022 - Dale Zaccaria
  • Pace
    La prima cosa da chiedere è di non vendere armi all'Ucraina e di non farla entrare nella Nato

    Crisi Ucraina: il ruolo proattivo dei pacifisti

    I pacifisti dovrebbero dire no a un coinvolgimento militare della Nato. La crisi in Ucraina oggi è molto simile alla crisi di Cuba del 1962. Se ne può uscire con un atto di fiducia reciproca, smantellando le armi nucleari Usa in Europa in cambio di un impegno a garantire la sicurezza dell'Ucraina.
    11 gennaio 2022 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)