happening

CONOSCERE LE MONTAGNE CONOSCERE LA NONVIOLENZA

24 luglio 2004

Quest’anno il Movimento Nonviolento organizza, con il Comune di BORGO PACE (PU), e con il sostegno della COMUNITA’ MONTANA ALTO E MEDIO METAURO, un soggiorno di otto giorni offrendo a giovani e meno giovani l’opportunità di vivere un periodo in cui vivere due belle esperienze:
la montagna (escursioni, riconoscimento delle piante e delle erbe, vecchi mestieri - carbonai, taglialegna, raccolta funghi e tartufi -contatto con le genti del luogo); il tutto in un ambiente modesto ma confortevole, in un’esperienza di convivialità con persone di altri luoghi, affrontando il tema della nonviolenza come base per nuovi rapporti e per una vita differente.

Sarà a disposizione un Ostello recentemente riadattato, con servizi efficienti, docce con acqua calda, una cucina attrezzata.

Anna e Luciano Capitini saranno sempre presenti per coordinare il tutto, anche se molto conteranno le decisioni condivise.
I partecipanti iscritti saranno una quindicina.

A turno verranno a Borgo Pace altri amici della nonviolenza, per raccontare e dialogare, approfondendo quegli aspetti su cui si concentrerà l’interesse dei partecipanti.

E’ richiesta una quota di 100 € per la sistemazione (occorre portare un sacco a pelo o delle lenzuola - chi ne dispone può impiantare la propria tenda nel giardino dell’ostello).
Poi, giorno per giorno, raccoglieremo quanto occorre per i cibi, che saranno preparati da una cara amica, esperta nel cucinare per grandi numeri. Pertanto la vostra partecipazione finanziaria consisterà nei 100 € e nella spesa per il cibo, null’altro (con la possibilità, anzi,di un rimborso parziale della quota in caso di un avanzo degli introiti rispetto alle spese).

Sarà a nostra disposizione una guida ecologica praticissimo dei luoghi, ed appassionato di osservazione delle stelle, per cui passeremo qualche ora notturna al suo telescopio.

Orientativamente gli argomenti “nonviolenti” potranno riguardare la nv in genere, i metodi, le lotte nv, le esperienze storiche, e la figura di alcuni grandi personalità nv attuali e del passato, soprattutto ALDO CAPITINI.

Potrà essere di particolare interesse il contatto con la realtà viva del territorio: i giovani del luogo - che spesso si uniranno a noi - ma anche il consumo di prodotti locali, buoni e genuini.

Per maggiori informazioni:
Luciano Capitini
0721 32926
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Disarmo
    Il trattato TPAN ha raggiunto la sua attuazione

    Nucleare civile e militare: una bomba!

    Il trattato ONU TPAN per la proibizione delle armi nucleari il 22 gennaio 2021 entra in vigore, anche se ha dei limiti perché non è stato ancora né firmato, né ratificato da nessuno dei paesi che detengono l’arma nucleare
    17 gennaio 2021 - Laura Tussi
  • Latina

    Honduras, l'esodo della disperazione

    Anno nuovo, nuove carovane migranti, vecchi mali
    19 gennaio 2021 - Giorgio Trucchi
  • Editoriale
    Webinar di PeaceLink sul Trattato per la Proibizione delle Armi Nucleari (TPAN)

    Formare i docenti per educare al disarmo nucleare nelle scuole italiane

    Fra due giorni entra in vigore il TPAN. Sarà necessario un lavoro di ampia sensibilizzazione dell'opinione pubblica perché anche l'Italia aderisca. L'Educazione civica può diventare un'ora settimanale di formazione alla cittadinanza globale sulle tematiche dell'ambiente, della pace e del disarmo.
    20 gennaio 2021 - Alessandro Marescotti
  • Ecologia
    A pochi giorni dall'uccisione di Agitu emerge un'altra storia di una donna dedita alla pastorizia

    Una donna controcorrente, la Pastora di Altamura

    Una storia che fa il paio con quella di Agitu e anche in Puglia si tratta di una donna. La mia generazione è cresciuta convinta che la terra non fosse un lavoro adatto alle donne anche se già allora c'erano delle eccezioni ed ora le ragazze del ventunesimo secolo sono in prima linea.
    19 gennaio 2021 - Fulvia Gravame
  • Storia della Pace
    Installati nel 1960, furono smantellati dopo la Crisi di Cuba

    Le basi dei missili nucleari Jupiter in Puglia e Basilicata

    Le basi erano 10, di forma triangolare, con tre missili ognuna. Nell'ottobre del 1961 furono colpite quattro testate nucleari da fulmini, e in due casi venne attivato il processo fisico-chimico preliminare all'esplosione (che non avvenne). Un museo della pace e della memoria è oggi possibile
    Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.38 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)