assemblea

Assemblea nazionale "Campagna nazionale per i diritti sociale e dell'ambiente e contro devastazione e saccheggio dei territori"

17 gennaio 2016

VERSO UNA CAMPAGNA NAZIONALE PER I DIRITTI SOCIALI E DELL’AMBIENTE E CONTRO LA DEVASTAZIONE E SACCHEGGIO - DA UNA STAGIONE REFERENDARIA SOCIALE ALL'AUTOFORMAZIONE

LA RIUNIONE E' APERTA AI COMITATI, MOVIMENTI E ASSOCIAZIONI INTERESSATI A PARTCIPARE ALLA CAMPAGNA!

Domenica 17 gennaio alle ore 10:00 a Termoli è convocata una riunione sui seguenti temi:

ORDINE DEL GIORNO
-10:00-11:00: presentazione sito Internet e pagina facebook della campagna per i diritti ambientali e sociali e contro la devastazione e saccheggio dei territori.
-11:00-13:00: presentazione, discussione e decisione sul possibile quesito referendario "Trivelle zero" nell'ambito dei referendum "sociali" - raccolta firme nella primavera 2016.
-13:00-14:00: pausa pranzo
-14:00-15:30: organizzazione della campagna nazionale con gli artisti
-15:30-17:00: organizzazione della campagna nazionale di auto-formazione

Nell'assemblea del 24 maggio a Pescara si era deciso di avviare un confronto con le altre realtà italiane per un'eventuale percorso comune che portasse ad una campagna referendaria "sociale" sui temi di scuola, lavoro, ambiente e beni comuni.
Successivamente il 4 ottobre, nell'assemblea di Ancona, abbiamo condiviso l'idea che quello referendario, seppur importante, non è l'unico strumento per portare avanti le lotte. Per questo si è deciso di lanciare una campagna nazionale per i diritti sociali ed ambientali e contro la Devastazione e il Saccheggio dei territori che comprendesse mobilitazioni diffuse a partire dai giorni della COP21 e proseguisse nel 2016 con iniziative coordinate a livello nazionale per l'auto-formazione e il coinvolgimento degli artisti.
Come strumento di comunicazione si era deciso di dotarsi di un sito WEB e di profili sui social. Sempre ad Ancona abbiamo comunque ritenuto utile proseguire la costruzione di un momento referendario sui temi sociali con la raccolta delle firme nella primavera 2016 per un eventuale voto nel 2017.
Purtroppo, anche a causa dell'accelerazione di alcune delle vicende che hanno coinvolto vari gruppi che fanno parte dell'assemblea, il processo di costruzione della campagna è stato ritardato.
Nel frattempo una prima vittoria è stata ottenuta dalle mobilitazioni: per la prima volta Renzi è stato costretto ad un primo, seppur parziale, passo indietro sulla questione idrocarburi; Ombrina non si farà e così alcune delle opere in corso di autorizzazione, con una circolare tutte le procedure in corso sono state bloccate per evitare colpi di coda dei dirigenti del Ministero. Inoltre, anche grazie alla vertenza aperta dalle Regioni e da una rete di associazioni che prevedeva un’opzione referendaria, sono state risolte parzialmente alcune delle criticità per quanto riguarda le norme relative agli idrocarburi. Al contempo l’abolizione del piano delle aree è un fatto grave.
In questo periodo sono state realizzate diverse manifestazioni ed incontri sui territori ed è proseguito il confronto con le altre realtà sociali per la costruzione della campagna referendaria "sociale". Le realtà sociali della scuola riunite in assemblea hanno deciso definitivamente di percorrere la strada referendaria sulla Buona Scuola renziana, così come quelle legali al mondo del lavoro per il Jobs Act. I movimenti che contrastano le privatizzazioni hanno ristretto il campo per individuare un loro quesito.
Per parte nostra è proseguito l'approfondimento tecnico ed stato elaborato un quesito referendario "opzione trivelle zero", proprio per cercare di rispondere in toto e non in modo parziale alla questione petrolifera in Italia proponendo un'uscita dalle fonti fossili per l'intero paese, affermando il divieto di nuove attività di ricerca ed estrazione in mare anche al di fuori delle 12 miglia e in terraferma.
Il quesito ha avuto una prima valutazione positiva da parte dei costituzionalisti consultati e, ovviamente, in caso di valutazione positiva in riunione, sarà ulteriormente approfondito tecnicamente.

La riunione dovrà quindi servire per valutare e decidere tutti assieme dando una risposta definitiva in un senso o nell'altro alle altre parti sociali interessate al percorso (scuola; lavoro; beni comuni-privatizzazioni) di una stagione referendaria nel 2016 (raccolta firme in primavera)-2017 (eventuale voto) che comporterebbe un duro lavoro nelle piazze in primavera.

La riunione servirà a presentare e discutere i primi contenuti del sito e della pagina facebook e ad approfondire gli aspetti organizzativi delle attività su scala nazionale per quanto riguarda l'auto-formazione e il coinvolgimento degli artisti in una campagna contro la devastazione e il saccheggio dei territori, per i diritti ambientali e sociali.

Per permettere la partecipazione anche da luoghi lontani abbiamo predisposto la possibilità di connessione in remoto per circa 100 luoghi. Per i militanti che risiedono nelle stesse aree chiediamo cortesemente di concentrarsi in sedi per fare un unico collegamento e dare la possibilità a molti luoghi di collegarsi.

Basta inviare un'email qui: renato.dinicola@virgilio.it comunicando luogo e realtà da dove ci si collega.
Per la Campagna contro la Devastazione e Saccheggio
Trivelle Zero Molise
Coordinamento No Ombrina
Trivelle Zero Marche

Per maggiori informazioni:
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Ricorrenze del giorno

  • Anno 1984: A Torino muore Domenico Sereno Regis, presidente del MIR italiano e attivissimo militante nonviolento

Dal sito

  • Conflitti
    Un forum per promuovere un appello contro la guerra

    Il conflitto in Ucraina e il ruolo del movimento per la pace

    In questa pagina web riportiamo le voci di tutti coloro che stanno partecipando ai webinar di PeaceLink con lo scopo di definire una piattaforma comune di obiettivi finalizzati a evitare una degenerazione dell'aspro confronto in atto fra la Russia e la Nato
    22 gennaio 2022 - Redazione PeaceLink
  • Taranto Sociale
    Lo conferma lo studio dell'OMS

    Le emissioni dello stabilimento ILVA continuano ad essere incompatibili con la salute pubblica

    Da ora in poi, con i dati OMS che vanno a confermare le precedenti Valutazioni Danno Sanitario, non si può più considerare normale una situazione anomala. Questo rapporto dell'OMS a nostro parere costituisce notizia di reato.
    22 gennaio 2022 - Comitato Cittadino per la Salute e l'Ambiente a Taranto
  • Cultura
    A Roma a San Lorenzo il Primo Festival del Libro per la Pace e la Nonviolenza

    Festival del Libro per la Pace e la Nonviolenza

    Quattro giorni di presentazioni di libri, incontri, film, workshops, stands a cura di numerose realtà italiane e non solo per aprire dialoghi e confronti su diritti, Mediterraneo e migranti, Obiezione di Coscienza, disarmo nucleare, educazione alla nonviolenza, cultura di pace
    17 gennaio 2022 - Laura Tussi
  • Cultura
    Nessun potere è stato in grado di mettere a tacere la sua disperata vitalità

    A cento anni dalla nascita di Pier Paolo Pasolini

    Scrive Enzo Golino: “Sul vuoto che Pasolini ha lasciato permane la difficoltà di cancellarne l’ombra, e più si tenta di cancellarla e più si proietta nella realtà che stiamo vivendo”. Rimane più che mai attuale la sia critica del potere e dell'omologazione della nuova società neocapitalistica.
    14 gennaio 2022 - Dale Zaccaria
  • Pace
    La prima cosa da chiedere è di non vendere armi all'Ucraina e di non farla entrare nella Nato

    Crisi Ucraina: il ruolo proattivo dei pacifisti

    I pacifisti dovrebbero dire no a un coinvolgimento militare della Nato. La crisi in Ucraina oggi è molto simile alla crisi di Cuba del 1962. Se ne può uscire con un atto di fiducia reciproca, smantellando le armi nucleari Usa in Europa in cambio di un impegno a garantire la sicurezza dell'Ucraina.
    11 gennaio 2022 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)