incontro

Armi e Pericolo Nucleare

8 febbraio 2019
ore 18:00 (Durata: 2 ore)

Il Comitato Pace, Disarmo e Smilitarizzazione del Territorio - Campania ha organizzato per venerdì 8 febbraio, dalle ore 18,00 alle 20,30, presso la DOMUS ARS Centro d'Arte, Musica e Cultura, sita in via Santa Chiara, 10/C, Napoli, un incontro pubblico sul pericolo della guerra nucleare.

Intervengono Manlio Dinucci e p. Alex Zanotelli, da anni protagonisti sulla scena internazionale delle battaglie contro la guerra e contro il pericolo nucleare;
introducono e moderano Vittorio Moccia e Valentina Ripa.

Incontro pubblico dedicato ai pericoli derivanti dall'enorme diffusione di armi nucleari, presenti persino qui in Italia malgrado la volontà popolare espressa in ben due referendum anche riguardo al nucleare per uso civile.
Il Comitato Pace e Disarmo, insieme a padre Alex Zanotelli, ha invitato Manlio Dinucci* per approfondire l'argomento e per farlo a Napoli, capoluogo di una regione estremamente militarizzata, città che è stata dichiarata dal Comune "porto denuclearizzato" e che tuttavia continua a essere luogo di transito di pericolosi natanti a propulsione nucleare e con armi nucleari a bordo.
Nel 2017 la campagna ICAN ha ottenuto il Premio Nobel per la Pace e 122 Paesi hanno sottoscritto il Trattato Internazionale sulla messa al bando delle armi nucleari ma l'Italia - che, nonostante le leggi nazionali, ospita ordigni nucleari nelle basi militari di Aviano e Ghedi nonché, probabilmente, in altri luoghi - non ha partecipato alla votazione, né ha manifestato in seguito la volontà di firmare il trattato.
L'incontro organizzato dal Comitato Pace e Disarmo, che prevede l'approfondimento da parte di Zanotelli e Dinucci e un'ampia parte dedicata al dibattito, è teso anche a unire i partecipanti - se lo vorranno - in azioni di sensibilizzazione ulteriore e di raccolta firme, per chiedere al Comune di Napoli di attuare la delibera di "denuclearizzazione", convocando le altre autorità interessate, e di farsi portavoce presso il Parlamento delle richieste di adesione da parte dell'Italia al Trattato di messa al bando delle armi nucleari.

* Manlio Dinucci, geografo, giornalista, già direttore esecutivo per l’Italia della International Physicians for the Prevention of Nuclear War (associazione vincitrice del Nobel per la pace nel 1985), è autore di diversi volumi tra i quali: "Guerra nucleare. Il giorno prima. Da Hiroshima a oggi: chi e come ci porta alla catastrofe", Zambon 2017 e "Diario di guerra. Escalation verso la catastrofe (2016 - 2018)", Asterios Editores 2018.

Per maggiori informazioni:
Comitato Pace e Disarmo Campania
3386012085
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Latina

    Crisi climatica e il rischio di difendere i beni comuni

    Rapporto di Global Witness evidenzia drammatico aumento degli attacchi mortali
    19 settembre 2021 - Giorgio Trucchi
  • Disarmo
    Il Pentagono finalmente ammette l’«orribile errore»

    Il drone americano a Kabul ha fatto una strage di civili

    Un missile americano il 29 agosto ha ucciso 10 persone innocenti. Zamarai Ahmadi, obiettivo del drone, lavorava per una organizzazione umanitaria Usa. Non trasportava esplosivo, ma «taniche d’acqua per la sua famiglia». Il generale Mark Milley aveva inizialmente definito l’attacco «giusto».
    19 settembre 2021 - Marina Catucci
  • PeaceLink
    L’obiezione di coscienza di Daniel Hale

    Italiani per Hale

    L’ex analista dell'intelligence Usa è in carcere perché ha svelato i danni collaterali dei droni. Ha detto: "Abbiamo ucciso persone che non c’entravano nulla con l’11 settembre". Alex Zanotelli aderisce a questa campagna e dice: “Daniel Hale è un eroe del nostro tempo, è un dovere sostenerlo".
    18 settembre 2021 - Redazione PeaceLink
  • Sociale
    Sul programma televisivo Forum

    Basta! Anche io ora dico la mia

    Violenze maschili contro le donne, patriarcato, femminicidi anche in vita: la testimonianza di Ilaria Di Roberto – scrittrice, artista, attivista femminista radicale, vittima di violenza e cyber bullismo – dopo le parole di Barbara Palombelli.
    19 settembre 2021 - Alessio Di Florio
  • Editoriale
    Questo video mostra l’uccisione spietata di un civile disarmato afghano

    Perché la maggioranza degli afghani ha preferito i Talebani agli occidentali?

    Il noto programma TV australiano “Four Corners”, simile a “Report” e “Presa Diretta” in Italia, ha ritrasmesso il video di un soldato australiano mentre uccide un civile afghano a sangue freddo. Si riaccende la polemica intorno alle “forze speciali” e a come vengono addestrate.
    13 settembre 2021 - Patrick Boylan
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)