evento

La verità delle donne. Vittime del conflitto armato in Colombia

8 febbraio 2020
ore 17:00 (Durata: 2 ore)

SABATO 8 FEBBRAIO 2020 ore 17,00
presso CASA DELLE DONNE RAVENNA- VIA MAGGIORE 120.

Le DONNE IN NERO ospitano KELLY ECHEVERRY ALZATE, giovane attivista e documentarista colombiana della Ruta Pacifica de las Mujeres, ha partecipato alla raccolta delle testimonianze e curato il dossier, in tour in Italia per la presentazione del libro.

Presentazione del libro "La verità delle donne. Vittime del conflitto armato in Colombia" pubblicato dalla Ruta Pacifica de las Mujeres Colombia, tradotto dalle Donne in Nero italiane.

PATRICIA TOUGH, Donne in Nero Bologna, accompagna e traduce.

Il libro dà voce alle donne della Colombia, un paese attraversato da un conflitto interno armato da cinquant'anni, caratterizzato da violenza diffusa e continua sulla popolazione civile.
Ma di violenza contro le donne si è cominciato a parlare tardi, grazie alle inchieste e denunce di numerose associazioni femminili locali. Ne è derivato un dossier pubblicato a Bogotà nel 2013 frutto del lavoro della Commissione Verità e Memoria delle donne colombiane, coordinata dalla Ruta Pacifica de las Mujeres che in tre anni di lavoro ha raccolto le testimonianze di oltre mille donne vittime del conflitto armato. E' stato poi pubblicato un rapporto sintetico, tradotto in italiano a cura della rete italiana delle Donne in Nero.

Le donne della Ruta Pacifica parlano di un continuum di violenza che avviene sia nell'ambito domestico che in quello pubblico con brutalità, sparizioni, esecuzioni, abbandono forzato delle case, violenze sessuali, prostituzione forzata, schiavitù domestica. Il controllo dei corpi delle donne, già largamente attuato in tempo di pace, viene inasprito nel contesto del conflitto armato e della militarizzazione della società.

Il coraggio delle donne che raccontano la loro verità nello spazio pubblico costruisce memoria collettiva, trasforma le vittime in protagoniste per il cambiamento della realtà e mette in discussione i rapporti di dominio imposti dal patriarcato.

Kelly, attiva in tutto il percorso per la raccolta delle testimonianze, ci parlerà di questa importante esperienza di soggettività politica e approccio femminista alla giustizia.

Per maggiori informazioni: evento su Facebook
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Ricorrenze del giorno

  • Anno 1925: Accordo internazionale per mettere al bando i gas velenosi

Dal sito

  • Taranto Sociale
    Lettera al Ministro della Transizione Ecologica Roberto Cingolani

    Richiesta di fermo batteria 12 cokeria ILVA per mancata messa a norma

    E' stato autorizzato uno scenario emissivo (6 milioni di tonnellate annue di acciaio) a cui corrisponde un rischio cancerogeno inaccettabile. Tutto ciò è acclarato dalla nuova VDS (Valutazione Danno Sanitario) sarà segnalato alla Procura della Repubblica
    15 giugno 2021 - Comitato Cittadino per la Salute e l'Ambiente a Taranto
  • Laboratorio di scrittura
    Occorre appoggiare questa inchiesta e farne una bandiera di onestà e di trasparenza

    Dai veleni dell'Ilva al puzzo dell'inchiesta di Potenza

    Che l'Ilva inquinasse lo si sapeva. Ma qui si arriva a un livello di manipolazione delle istituzioni inusitato. Un sistema di potere occulto - con manovre bipartisan - ha tentato di fermare a Taranto l'intransigenza della magistratura prima dall'esterno e poi dall'interno.
    15 giugno 2021 - Alessandro Marescotti
  • Ecologia
    Produzione ILVA a Taranto

    Anche 6 milioni di tonnellate di acciaio sono troppe

    E adesso come faranno ad autorizzare 8 milioni di tonnellate/anno se già 6 mettono a rischio la salute della popolazione? Arpa Puglia, Aress e Asl fanno i calcoli ed emerge ciò che era ovvio. La VIIAS del 2019 aveva dato rischio sanitario inaccettabile a 4,7 milioni di tonnellate/anno di acciaio.
    20 maggio 2021 - Redazione PeaceLink
  • Ecologia
    Ilva, a Taranto pure lo Stato si è liquefatto

    Ma i soldi del recovery Plan non potrebbero risarcire Taranto dandole un futuro pulito?

    Dopo la sentenza di primo grado che ha condannato i Riva per disastro ambientale e disposto la confisca degli impianti, ed ecco emergere un’impressionante continuità di pratiche illegali finalizzate ad ammorbidire l’azione della magistratura.
    11 giugno 2021 - Gad Lerner
  • Ecologia
    Il fervido cattolicesimo dei Riva

    Inquinavano e credevano in Dio

    E' crollato definitivamente il sistema di potere che veniva benedetto e celebrato a Pasqua e Natale in fabbrica, con generose donazioni dai Riva all'ex arcivescovo di Taranto monsignor Benigno Papa.
    11 giugno 2021 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)