Conflitti

Afghanistan: Clementina è libera! Lettera ai genitori della volontaria italiana

Clementina ha rappresentato e rappresenta la voglia e la speranza di un mondo umano e giusto, costruito con i gesti della pace e della solidarietà.

Per Fabio e Germana Cantoni (1)

Cari amici,
ci uniamo alla vostra gioia nell'apprendere la tanto attesa notizia della liberazione di Clementina.
Ci sentiamo vicini a Clementina e vi preghiamo di farle ricevere le nostre felicitazioni.
Clementina ha rappresentato e rappresenta la voglia e la speranza di un mondo umano e giusto, costruito con i gesti della pace e della solidarietà. Ed è per questo che l'abbiamo sempre "esposta" in home page - come buon auspicio per una positiva conclusione e per tenere a tal fine alta l'attenzione - sul nostro sito dedicato appunto alla pace e alla solidarietà.
Siamo idealmente con voi in questo momento a fare festa, a cogliere il tanto atteso momento della gioia, dopo tanta attesa e trepidazione.
Felice coincidenza, la liberazione di Clementina si è incrociata con il digiuno a staffetta per Clementina che cominciava proprio oggi. (2)
Un'ultima cosa: abbiamo ammirato la vostra compostezza e discrezione, da cui è trapelata un senso di umanità e di gentilezza non comuni.
Un cordiale saluto a nome di PeaceLink a tutta la famiglia Cantoni e un forte abbraccio - al più presto - a Clementina.

Note: (1) Con il papà e la mamma di Clementina avevamo avuto, dopo il rapimento, uno scambio di email, molto significativo e affettuoso, anche perché la cantautrice Agnese Ginocchio aveva scritto una canzone per Clementina e l'avevamo messa in rete (cfr. http://italy.peacelink.org/conflitti/articles/art_11348.html).

(2) http://lists.peacelink.it/news/2005/06/msg00026.html


Articoli correlati

  • Abbandoniamo i pesanti deficit di parresia su guerra, terrorismo ed economia
    Conflitti

    Abbandoniamo i pesanti deficit di parresia su guerra, terrorismo ed economia

    Abbandoniamo l’alta filosofia, le raffinate (o interessate?) analisi geopolitiche o sociologiche. Mettiamo in fila, uno dopo l’altro, le banali, lineari verità che questi tempi ci raccontano. Ma che sembra proibito dire, un po’ come il famoso bambino del “vestito nuovo dell’imperatore”.
    3 gennaio 2019 - Alessio Di Florio
  • Aumentano i bombardamenti in Afghanistan. Onu: «Sempre più vittime civili»
    Editoriale
    Washington testa i nuovi F35

    Aumentano i bombardamenti in Afghanistan. Onu: «Sempre più vittime civili»

    La strategia di Trump è quella di convincere la guerriglia a trattare con un'escalation di attacchi. Una strategia intollerabile che colpisce una popolazione stremata da una guerra che dura da 17 anni e che è costata quasi mille miliardi di dollari.
    9 ottobre 2018 - Alessandro Marescotti
  • L'Italia rimarrà in Afghanistan fino al 2024
    Conflitti
    Sull'Afghanistan il MS5 ha cambiato posizione

    L'Italia rimarrà in Afghanistan fino al 2024

    "Noi del Movimento cinque stelle pensiamo che il contingente italiano non debba più restare in Afghanistan", diceva Luigi Di Maio. Adesso il ministro della Difesa prende l'impegno di mantenere sul campo le truppe della missione militare "a lungo termine".
    16 luglio 2018 - Alessandro Marescotti
  • Il "governo del cambiamento" faccia tornare i soldati italiani dall'Afghanistan
    Editoriale
    Un appello

    Il "governo del cambiamento" faccia tornare i soldati italiani dall'Afghanistan

    In Afghanistan produzione di oppio senza precedenti. L’ONU sostiene che la produzione record di oppio ha portato in Afghanistan ad una rapida espansione dell'economia illegale nel 2017. La guerra puzza sempre più di droga e di ipocrisia
    10 giugno 2018 - Alessandro Marescotti

Prossimi appuntamenti

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.9 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)