Conflitti

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Rispedirli nei Paesi di origine?
    Gli slogan di Salvini

    Rispedirli nei Paesi di origine?

    Solo pochi giorni fa abbiamo potuto raccogliere, nel centro medico di Lampedusa, le testimonianze di persone che erano riuscite a fuggire dai lager libici. Testimonianze da far accapponare la pelle.
    12 giugno 2018 - Pietro Bartolo
  • Il volto del neo ministro della Difesa Elisabetta Trenta: dalla guerra per esportare la democrazia agli affari privati nelle zone occupate

    Il volto del neo ministro della Difesa Elisabetta Trenta: dalla guerra per esportare la democrazia agli affari privati nelle zone occupate

    vista la sua lunga esperienza nei paesi in cui abbiamo “esportato la democrazia” con la guerra, il riferimento alla democrazia partecipata assomiglia più ad un suo uso strumentale per ottenere una legittimazione puramente esteriore o ad un consenso artificiale
    6 giugno 2018 - Rossana De Simone
  • Il nostro vicino nucleare

    Il nostro vicino nucleare

    La così detta Françafrique è ancora oggi il pilastro del neocolonialismo francese e della sua stessa grandezza economico/militare
    11 maggio 2018 - Rossana De Simone
  • PsyOps
    I retroscena della guerra

    PsyOps

    Si chiamano Psychological Operations (PsyOps) e servono a manipolare l'opinione pubblica. I principali obiettivi delle PsyOPs oggi sono (paradossalmente) proprio i pacifisti. Come reagire? Diventanto esperti di fact checking, entrando nel vivo delle informazioni militari per verificarle con sistematicità, con metodo e con una buona dose di dubbio.
    10 maggio 2018 - Alessandro Marescotti
Nuova offensiva ribelle, il processo di pace naufraga

Darfur, è ancora guerra

5 luglio 2006 - Matteo Fagotto
Fonte: www.peacereporter.net - 05 luglio 2006

Carta straccia. Questo si sono rivelati essere gli accordi di pace di Abuja, firmati due mesi fa, e la tregua in vigore in Darfur da 27 mesi. A detta degli operatori umanitari, la situazione nei campi profughi al confine con il Ciad non è mai stata peggiore. Ora i ribelli hanno deciso di rompere gli indugi, denunciando la tregua e occupando il centro di Hamrat al-Sheikh, distante circa 200 km dalla capitale Khartoum. La guerra riprende, in grande stile.

Nuovi attacchi. Bando alle finzioni: la tregua in Darfur, firmata nell’aprile 2004, non è mai stata rispettata. Milizie Janjaweed e ribelli hanno continuato a scontrarsi e a vessare la popolazione civile, accusandosi a vicenda e palleggiandosi le responsabilità dei massacri. Ora, il Justice and Equality Movement è uscito allo scoperto, denunciando il finto cessate-il-fuoco, con l’attacco a Hamrat al-Sheikh. Per ora i morti accertati sono 12, e migliaia i civili in fuga. L’esercito sudanese ha inviato l’aviazione per riprendere la città, attaccata in forze dai ribelli, che vi sarebbero entrati con circa 50 veicoli pesanti. E’ una delle rare volte in cui il Jem, alleatosi con la fazione del Sudan Liberation Army guidata da Abdelwahid Mohamed al-Nur, attacca fuori dal Darfur.

Processo di pace. Neanche dal tavolo delle trattative arrivano buone notizie. L’accordo di pace di Abuja è stato accettato solo dal governo sudanese e dalla fazione del Sla guidata da Minni Minnawi. La parte maggioritaria del Sla, ha invece deciso di continuare a combattere, rivendicando maggiori diritti per le popolazioni locali, più posti nell’esercito per i ribelli e maggiori investimenti in Darfur. Secondo quanto dichiarato pochi giorni fa da Jan Pronk, capo dell’Unmis (la missione Onu in Sudan), il trattato di pace non ha alcuna speranza di essere accettato dai ribelli. Un punto di vista condiviso da buona parte della comunità internazionale, che Pronk ha avuto il merito di far emergere. Il governo sudanese ha però fatto sapere che il trattato è solo emendabile, e che i suoi punti principali rimarranno tali. Lo stallo rischia di diventare insanabile.

Violenze e vessazioni. Ironia della sorte, gli attacchi armati contro le popolazioni civili si sono intensificati proprio in conseguenza della firma degli accordi. Le due fazioni del Sla hanno infatti cominciato a scontrarsi, aumentando il livello di insicurezza, specie nei campi profughi, secondo quanto riferito dalle Ong che operano nella zona. “Gli attacchi nei nostri confronti sono aumentati in maniera impressionante”, riferisce a PeaceReporter un operatore umanitario che lavora presso Nyala, nel sud del Darfur. “I ribelli, da una parte e dall’altra, vanno a caccia di presunti collaborazionisti nei campi profughi, uccidono, stuprano e rubano. Noi siamo impotenti, e la popolazione non sa più a che santo votarsi”.

Vicolo cieco. A poco servono anche i 7 mila peacekeepers dell’Unione Africana di stanza in Darfur, visto che la maggior parte degli attacchi contro i profughi vengono condotti durante la notte, quando cessano i pattugliamenti dell’Ua. I profughi, che fino a ottobre trovavano rifugio nel vicino Ciad, ora sono presi tra due fuochi, visto che oltre la frontiera si scontrano l’esercito ciadiano e i ribelli che mirano a rovesciare il presidente Idriss Deby. L’Onu si è offerta più volte di prendere in mano la missione, ma il Sudan si oppone all’arrivo dei caschi blu. Il presidente Omar al-Bashir non vuole ingerenze delle Nazioni Unite, e continua a ritenere il Darfur un problema esclusivamente interno. Il labirinto darfurino rischia di finire in un vicolo senza uscita.

Note:

http://www.peacereporter.net/dettaglio_articolo.php?idpa=&idc=9&ida=1&idt=&idart=1290

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)