Conflitti

Congo

Elezioni modello, ma alcuni denunciano frodi

2 agosto 2006
Fonte: Il Manifesto (http://www.ilmanifesto.it)

Sono state unanimemente considerate elezioni modello, per la correttezza e la tranquillità in cui si sono svolte, considerata anche la situazione africana, ma diversi candidati alle elezioni presidenziali tenutesi domenica nella Repubblica democratica del Congo, tra cui il vice presidente Azarias Ruberwa, hanno denunciato ieri un numero consistente di casi di frode durante gli scrutini. Per questo, dicono, è necessario tornare al voto. «La maggior parte delle frodi sono state fatte in favore di Joseph Kabila» (presidente in carica e grande favorito per la rielezione), ha detto Ruberwa, ex ribelle sostenuto dal Rwanda durante la guerra del 1998-2003 e ora leader del Ragruppamento congolese per la democrazia, nel corso di una conferenza stampa. Ruberwa ha accusato in particolare i membri della Commissione elettorale indipendente di «essersi trasformati in militanti politici favorendo certi candidati». Ha inoltre denunciato irregolarità nella gestione delle urne, la corruzione, la falsificazione dei risultati. Le otto missioni di osservatori internazionali, tra cui quelle dell'Unione africana e dell'Ue, hanno invitato i candidati a «rispettare le scelte del popolo».

Articoli correlati

  • Denis  Mukwege, premio Nobel per la pace 2018, e il grido di aiuto del Congo
    Pace
    Il messaggio del medico che 'ripara le donne'

    Denis Mukwege, premio Nobel per la pace 2018, e il grido di aiuto del Congo

    Il professore abruzzese Francesco Barone ha incontrato il dottor Mukwege il 4 gennaio scorso e ha ricevuto da lui un messaggio di aiuto per le donne e i bambini del Congo da far conoscere alla comunità internazionale
    11 febbraio 2019 - Beatrice Ruscio
  • Patrice Lumumba, testimone della dignità umana, amico della nonviolenza, costruttore di pace
    Pace
    Il 17 gennaio 1961 veniva assassinato

    Patrice Lumumba, testimone della dignità umana, amico della nonviolenza, costruttore di pace

    Lottò per l'indipendenza del Congo. Vinte le prime elezioni democratiche nel 1960 fu primo ministro del paese e ne proclamò l'indipendenza. Ma per volontà dei poteri colonialisti e imperialisti, e dei loro complici e sicari, fu assassinato.
    17 gennaio 2019 - Peppe Sini
  • L'Italia sostenga la transizione democratica in Congo RD
    Pace
    Appello di PeaceLink ai parlamentari e al governo italiano

    L'Italia sostenga la transizione democratica in Congo RD

    Il 30 dicembre il popolo congolese è andato alle urne. Martin Fayulu - il candidato di opposizione sostenuto dalla società civile - avrebbe ottenuto oltre il 60% dei voti. Ma il regime di Kabila ritarda la comunicazione dei dati elettorali e blocca le comunicazioni elettroniche.
    8 gennaio 2019 - Associazione PeaceLink
  • Perché in Congo il governo oscura Internet?
    Pace
    I retroscena di una situazione di stallo

    Perché in Congo il governo oscura Internet?

    Nella Repubblica Democratica del Congo Kabila ha capito di aver perso le elezioni e per questo blocca gli sms e Internet, rinviando la comunicazione dei risultati elettorali
    6 gennaio 2019 - Alessandro Marescotti

Prossimi appuntamenti

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.16 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)