Conflitti

Autorità accusate di 1947 rapimenti

Un rapporto di Memorial e della Federazione Internazionale dei Diritti Umani denuncia il sequestro illegale in Cecenia di circa 2000 civili attuato dal 2002 ad oggi dall'esercito russo e da quello ceceno agli ordini di Ramzan Kadyrov
23 novembre 2006
David Nowak
Tradotto da per PeaceLink
Fonte: The Moscow Times - 23 novembre 2006

Dal 2002, la polizia e i militari hanno sequestrato circa 2000 persone in Cecenia, secondo un rapporto sui diritti umani pubblicato mercoledì.

Delle 1947 persone rapite, 684 sono state messe in libertà e 189 sono state ritrovate morte. Gli altri sono scomparsi senza lasciare traccia e si presume che siano morti, afferma il rapporto redatto da Memorial e dalla Federazione Internazionale dei Diritti Umani.

Sono state aperte indagini soltanto in 34 dei 1947 casi, asserisce il rapporto.

I dati coprono dal 25 al 30 per cento del territorio ceceno.

Il numero dei rapimenti denunciati è diminuito costantemente dal 2002 – i 539 casi del 2002 sono scesi a 320 lo scorso anno - ma ciò non significa che nella regione stia ritornando il principio della legalità, ha dichiarato Oleg Orlov, direttore di Memorial.

“Quello che stiamo notando è che i sequestri si stanno eclissando nell’oscurità. Le persone hanno paura di denunciare i fatti”, ha affermato Orlov. Ha aggiunto che, negli ultimi anni, il 90 per cento delle scomparse accertate, inizialmente non sono state denunciate dai parenti e dagli amici.

“Quando le persone vengono sequestrate è il momento in cui ha inizio la tortura” ha affermato Lidia Yusupova dell’Ufficio di Memorial a Grozny, riferendosi alle denunce di abusi sistematici sui prigionieri in Cecenia, che sono state ampiamente riportate dai media.

Il rapporto di 113 pagine, che contiene resoconti specifici di sequestro, detenzione arbitraria e violenza, perpetrati dalle truppe del Ministero degli Interni e dalla forze armate cecene al servizio del Primo Ministro Ramzan Kadyrov, verrà presentato alle Nazioni Unite, ha dichiarato Orlov.

Un portavoce del Ministero degli Interni ha affermato che il Ministero non poteva pronunciarsi nell’immediato sul rapporto.

Note: Link al testo originale in inglese:
http://www.themoscowtimes.com/stories/2006/11/23/010.html

Tradotto da Antonella Serio per www.peacelink.it
Il testo e' liberamente utilizzabile, per scopi non commerciali, citando la fonte (Associazione PeaceLink), l'autore ed il traduttore.

Articoli correlati

  • L'Assemblea Capitolina ha dato la cittadinanza onoraria a Julian Assange
    Pace
    Anche il Comune di Roma, dopo quello di Milano, si è attivato per difendere Julian Assange.

    L'Assemblea Capitolina ha dato la cittadinanza onoraria a Julian Assange

    La delibera dell'Assemblea Capitolina impegna il sindaco Roberto Gualtieri ed è il frutto di una proposta a firma di consiglieri del centro sinistra e del sostegno forte del consigliere Nando Bonessio di Europa Verde
    20 febbraio 2024 - Fulvia Gravame
  • «Occorre chiamare le cose col loro nome»
    Pace
    L’intervista al ministro degli Affari esteri palestinese

    «Occorre chiamare le cose col loro nome»

    Come fermare la guerra? Il ministro Riyad al-Maliki ripone le sue speranze nella comunità internazionale e resta fedele alla soluzione dei due Stati
    20 febbraio 2024 - Daniel Bax e Lisa Schneider
  • Navalny vittima del regime oppressivo e repressivo del Cremlino
    Editoriale
    Al fianco di tutti coloro che lottano per i diritti umani dentro e fuori i confini della Russia

    Navalny vittima del regime oppressivo e repressivo del Cremlino

    Ha pagato il prezzo più alto per aver espresso la propria opinione critica e per aver difeso la libertà d’espressione. Le Nazioni Unite utilizzino le loro procedure e i loro meccanismi speciali
    19 febbraio 2024 - Agnès Callamard
  • Contro l'apartheid di genere in Afghanistan e la persecuzione delle donne hazara
    Pace
    Sit organizzato dall'Associazione socioculturale Newroz

    Contro l'apartheid di genere in Afghanistan e la persecuzione delle donne hazara

    Gli Hazara sono un popolo nativo dell'Afghanistan e costituiscono più di un quarto della popolazione. Sono più di centotrenta anni che vengono massacrati nella loro patria; le loro terre sono state confiscate e sono stati sfrattati con la forza dalle loro case con omicidi mirati.
    25 gennaio 2024 - Patrizia Sterpetti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.7.15 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)