Conflitti

Al movimento italiano solidale con il popolo kurdo Alle forze politiche italiane democratiche ed antifasciste

Solidarietà con il popolo kurdo e con i suoi rappresentanti

La minoranza kurda torna ad essere rappresentata al parlamento turco
23 luglio 2007
Juri Carlucci (Associazione Nazionale Azad)

Cari compagni e care compagne,

attendiamo ancora l'esito finale dello scrutinio dei
voti ottenuti dai candidati indipendenti della
formazione kurda in Turchia. Siamo sicuri ormai della
vittoria politica ottenuta. Si delianeano 24 candidati
eletti , 21 dei quali riconducibili all'area politica
del DTP. Torna ad essere rappresentata dunque in
parlamento la popolazione kurda di Turchia che mancava
dall'assemblea di Ankara dal 1991.
L'Associazione Nazionale Azad-per la liberta' del
popolo kurdo esprime tutta la sua riconoscenza al
popolo kurdo che lotta qui in Italia, in Europa in
krdistan fra la popolazione e in montagna, con le
formazioni partigiane che continuano a resistere per
un kurdistan in pace e per la democrazia. Stiamo e
abbiamo lottato tanto per questo esito. Tutti e tutte
insieme. Diyarbakir e' in festa!!Compagni e compagne
italianie d europei hanno portato la solidarieta'
internazionalista in Turchia e in kurdistan. Uomini e
donne kurde hanno patito torture e galera per
costruire un giorno coem questo: un passaggio nella
storia della liberazione del popolo kurdo entrare in
Parlamento non certo l'alba della democrazia in
Turchia. La societa' kurda avra' piu' voce con una
sponda politica nell'assemblea parlamentare di Ankara,
ne siamo certi.
Ora dobbiamo aprire un dialogo con le forze
democratiche turche che possono distinguersi se
sapranno apprezzare la novita' in campo. Nello stesso
tempo dobbiamo alzare la guardia contro i rigurgiti
fasciti. Entra in Parlamento un aformazione di chiara
matrice fascista , che segue gli ordini della
famigerata formazione dei Lupi Grigi. Ci sara' da
lavorare sodo per estromettere i veri bombaroli
terroristi, coperti sempre da servizi e militari.

A tal fine chiediamo a tutte le forze democratiche ,
di sinistra italiane di tenersi in contatto con il
movimento di solidarieta' con il popolo kurdo e it
territori del kurdistan che opera in italia al fianco
dei compagnie edelle compagne kurdi per tenere alta
l'attenzuione sulla questione kurda ANCHE DURANTE LE
COSIDETTE VACANZE ESTIVE!!!. Tenere i contatti,
preparare assemblee territoriali, dibattiti e mostre
fotografiche nelle feste dei partiti, visitare il
kurdistan con un turismo inteligente, e credere che
anche per il popolo kurdo un altro mondo e' possibile.

Articoli correlati

  • 4 novembre 2019: non festa ma lutto. Ogni vittima ha il volto di Abele
    Pace

    4 novembre 2019: non festa ma lutto. Ogni vittima ha il volto di Abele

    Per questo chiediamo una drastica riduzione delle spese militari che gravano sul bilancio dello stato italiano per l'enorme importo di decine e decine di milioni di euro al giorno e che i fondi pubblici siano invece utilizzati in difesa dei diritti umani di tutti gli esseri umani e del mondo vivente.
    26 ottobre 2019 - Movimento Nonviolento, PeaceLink, Centro di ricerca per la pace e i diritti umani di Viterbo
  • NO all'invasione della Siria e al genocidio dei curdi
    Conflitti
    Comunicato stampa della Rete NoWar - Roma

    NO all'invasione della Siria e al genocidio dei curdi

    La Rete NO WAR condanna fermamente l'invasione della Siria ad opera dell'esercito turco come crimine di guerra.
    15 ottobre 2019 - Rete NoWar - Roma
  • Trucidata una attivista per i diritti delle donne
    Conflitti
    Siria, PeaceLink condanna l'attacco militare turco ed esprime sdegno per l'efferato omicidio

    Trucidata una attivista per i diritti delle donne

    Hevrin Khalaf, 35 anni, è stata uccisa a sangue freddo dai miliziani filo-turchi. Paladina dei diritti delle donne, era considerata un simbolo di dialogo, e quindi una persona potenzialmente pericolosa. Tra le vittime di questa guerra c'è proprio chi si è battuto per la pace e il dialogo.
    14 ottobre 2019 - Redazione PeaceLink
  • Un governo per gestire le emergenze climatica e democratica
    Editoriale
    Sulla crisi di governo

    Un governo per gestire le emergenze climatica e democratica

    Chiunque si assumerà la responsabilità di governare il Bel Paese dovrà fare i conti con le richieste del movimento sui cambiamenti climatici promosso da Greta Thumberg e con l’esigenza di invertire il ruolo egemonico dell’economia rispetto alla politica.
    16 agosto 2019 - Nicola Vallinoto
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.29 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)