Conflitti

Quando la guerra è una follia è ovvio che anche i folli vadano alla guerra

Ecco chi va in Afghanistan a fare la guerra ai terroristi

Era un ex soldato americano il folle che ha fatto strage in Arizona. Se avesse fatto strage in Afghanistan la cosa non avrebbe fatto notizia.
9 gennaio 2011

Si chiama Jared Lee Loughner il ventiduenne veterano dell’Afghanistan che ieri ha ucciso sei persone e ridotto in fin di vita la deputata democratica Gabrielle Giffords.

Ma chi è Jared Lee Loughner? Un suo ex compagno di classe lo ha definito "molto disturbato", tanto da essere espulso per cattiva condotta.

"Dava fastidio a tutta la classe con scenate insensate", racconta Lynda Sorenson, un'altra sua compagna in un campus del Pima Community College.

In più Jared Lee Loughner avrebbe anche avuto problemi con la droga.

Un tipo così lo avreste mandato a "portare la pace e la giustizia" in Afghanistan?

Questo tizio era così sano di mente che mischiava il Mein Kampf di Hitler con il Manifesto di Marx, con contorni improbabili: Il Mago di Oz, Alice nel Paese delle Meraviglie, Siddharta...

Ma gli avreste dato un'arma in mano?

Negli Usa gliel'hanno data non solo per "portare la pace" in Afghanistan ma anche per "autodifesa" in patria.

Non sappiamo cosa abbia combinato in Afghanistan - armi in mano - Jared Lee Loughner.

Se avesse fatto strage in Afghanistan la cosa non avrebbe fatto notizia. Lì vige la regola che se i fatti ("ammazziamo qualcuno") e la teoria ("portiamo la pace") nonconcordano in genere vengono taciuti (o cambiati) i fatti.

Ma poiché a crepare non sono stati afghani ma americani ecco che i fatti saltano fuori e diventano una notizia mondiale: per i media occidentali la vita di un americano - specie se è una deputata - vale ben di più di quella di un afghano.

Ma chi non è normale, Jared Lee Loughner o un sistema politico che gli consente di avere le armi in mano? Che tace su Jared Lee Loughner quando preme sul grilletto in Afghanistan e se ne preoccupa solo quando ritorna in America? Che mette la sordina sui suicidi dei soldati che ormai, purtroppo, hanno superato persino i caduti sul campo?

Ed è solo un problema americano o tocca anche quesi soldati tedeschi che si sono scattati foto ricordo a Kabul con i teschi in mano? Nell'ottobre del 2006 il giornale tedesco Bild ha pubblicato numerose foto di questo tipo,  in cui il cranio era persino esibito accanto a un organo sessuale, a conferma di quanto siano rincretiniti alcuni soldati dopo una cotanta "missione di pace" o "missione antiterrorismo" che dir si voglia.

Non tocchiamo qui altre storie note del tipo le torture in Iraq nella prigione di Abu Ghraib e vicende simili. Torture Usa in Iraq

Alla luce di questi e altri episodi possiamo dire che Jared Lee Loughner non è l'unico svitato che abbiamo inviato in Afghanistan e nelle missioni "buone e giuste".

In realtà si è consentito e si consente che i folli vadano alla guerra.

Si consente alla guerra di essere definita missione di pace.

Ma chi sono i folli?

Note: Fonti
http://notizie.virgilio.it/generated/topten/2011/01_gennaio/09/strage-in-arizona-la-polizia-cerca-i-complici-del-killer.html
http://multimedia.lastampa.it/multimedia/nel-mondo/lstp/10094/
http://www.repubblica.it/2006/10/sezioni/esteri/afghanistan9/soldati-tedeschi-teschio/soldati-tedeschi-teschio.html

Cigliegina sulla torta: leggete della soldatessa che posa senza veli in caserma...
http://www.forzearmate.eu/dblog/articolo.asp?articolo=205

Articoli correlati

  • Abbandoniamo i pesanti deficit di parresia su guerra, terrorismo ed economia
    Conflitti

    Abbandoniamo i pesanti deficit di parresia su guerra, terrorismo ed economia

    Abbandoniamo l’alta filosofia, le raffinate (o interessate?) analisi geopolitiche o sociologiche. Mettiamo in fila, uno dopo l’altro, le banali, lineari verità che questi tempi ci raccontano. Ma che sembra proibito dire, un po’ come il famoso bambino del “vestito nuovo dell’imperatore”.
    3 gennaio 2019 - Alessio Di Florio
  • Aumentano i bombardamenti in Afghanistan. Onu: «Sempre più vittime civili»
    Editoriale
    Washington testa i nuovi F35

    Aumentano i bombardamenti in Afghanistan. Onu: «Sempre più vittime civili»

    La strategia di Trump è quella di convincere la guerriglia a trattare con un'escalation di attacchi. Una strategia intollerabile che colpisce una popolazione stremata da una guerra che dura da 17 anni e che è costata quasi mille miliardi di dollari.
    9 ottobre 2018 - Alessandro Marescotti
  • L'Italia rimarrà in Afghanistan fino al 2024
    Conflitti
    Sull'Afghanistan il MS5 ha cambiato posizione

    L'Italia rimarrà in Afghanistan fino al 2024

    "Noi del Movimento cinque stelle pensiamo che il contingente italiano non debba più restare in Afghanistan", diceva Luigi Di Maio. Adesso il ministro della Difesa prende l'impegno di mantenere sul campo le truppe della missione militare "a lungo termine".
    16 luglio 2018 - Alessandro Marescotti
  • Il "governo del cambiamento" faccia tornare i soldati italiani dall'Afghanistan
    Editoriale
    Un appello

    Il "governo del cambiamento" faccia tornare i soldati italiani dall'Afghanistan

    In Afghanistan produzione di oppio senza precedenti. L’ONU sostiene che la produzione record di oppio ha portato in Afghanistan ad una rapida espansione dell'economia illegale nel 2017. La guerra puzza sempre più di droga e di ipocrisia
    10 giugno 2018 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.6 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)