Conflitti

Siria, al di là del Bene e del Male

24 maggio 2014

"Io posso parlare del Male perché l’ho vissuto. E altrettanto ho il diritto di raccontare la sofferenza dei siriani buoni e cattivi, giusti e ingiusti, tutti, anche i miei carnefici, perché negli ultimi due anni l’ho vissuta con loro.... Sì, lo ripeto, la Siria è il Paese del Male, perché è diventata una tetra successione naturale da odio ad altro odio e da cattiveria ad altra cattiveria. Anche per colpa nostra…" Così ci (si) racconta Domenico Quirico, giornalista inviato in più “teatri del Male”, dopo la sua liberazione da 152 giorni ostaggio in Siria (Il Paese del Male di Quirico- Piccinin Da Prata Neri Pozza Editore).

Per mesi il suo ritratto rimase affacciato ai balconi dell’Ordine torinese e noi il Primo Maggio sfilammo con il nastrino giallo dell’attesa e della speranza per la sua libertà. In quella sala del nostro Ordine dove accogliemmo commossi il suo ritorno gli chiesi se sarebbe stato pronto a ripartire subito. Mi rispose: “no, non adesso, non così, non in questo marasma delle cose!” Qualche giorno fa, a distanza di pochi mesi dalla sua liberazione, ripetendogli la domanda, ho capito che era già pronto a ripartire, inviato o -perché no?- anche in proprio e non come giornalista: alla ricerca del Bene, nonostante la mostruosa spavalderia della supremazia del Male? Perché no?

Può pur essere afflato “d’amor torinese”, ma sta di fatto che proprio a Torino si è costituita l “L’ambulanza dal cuore forte adcf onlus” nata per volontà della fotoreporter Andreja Restek e di un gruppo di giornaliste torinesi accomunate da unico obiettivo: porgere aiuti concreti alla popolazione civile siriana stremata dal conflitto, anzi da conflitti data la “tetra successione”. Ciò può essere solo Bene per la Siria… Siria

Perché Andreja? Perché lei lì si spinse come fotografa. Non so voi, ma per me la fotografia è “quel tutto istantaneo” (istantanea: appunto) che sa concentrare in un istante la forza della realtà, della natura della cosa, bloccando per sempre un pezzo o tutta una storia.   Andreja, dopo averla sperimentata per sé, ha sentito il bisogno di trasmettere quella forza oltre le sue immagini. Ha sentito il bisogno di proseguire come Persona.  La storia della nostra professione annovera -oltre i tanti morti (trucidati) sul e per questo lavoro- un buon numero di Giornalisti impegnati volontariamente perché niente di più vero è stato ancora scritto dopo “Il cinico non è adatto a questo mestiere”.  Ed è perciò che Andreja si è attivata per organizzare qualcosa (innegabilmente) giusto solo per il Bene. In questo senso nell’estate 2013 è partita e arrivata a destinazione l’ambulanza partita dall’Italia, carica di farmaci distribuiti oltre che all’ospedale di Dar Al Shifa anche  all’ospedale pediatrico di Aleppo totalmente privo di farmaci. Oggi sta organizzando un’altra storia intitolata: “una casa per Amir”. Si tratta di contribuire al pagamento d’alloggi temporanei per le famiglie costrette ad abbandonare le proprie abitazioni cercando rifugio nei campi profughi sovraffollati e per lo più carenti di elettricità, acqua potabile e persino pane, proprio come per la famiglia di Amir. Amir è nome di fantasia per ovvie ragioni di sua sopravvivenza, ma è essere umano reale che ha accompagnato come guida le imprese di Andreja. Già incarcerato, rilasciato e ora ancora perseguito, sposato in attesa a breve del primo figlio.                                                                                                           Siria al di là del Bene e del Male

Il 5 giugno il Teatro Gioiello di Torino ospiterà il concerto presentato da Didie Caria e il Coro Goin’ Gospel: il ricavato sarà interamente devoluto a sostegno delle famiglie profughe siriane.   Siria al di là del Bene e del Male

Questo è Bene, nonostante tutto il resto che è Male, che fa male e contro il quale, al momento, sembriamo tutti impotenti e inutili, incapaci perfino d’alleviarlo, altro che debellarlo. Perciò possiamo solo confidare in un poco di Bene buttato là quasi con soggezione ché in ogni caso, se altro non può fare,  sa solo fare bene.

                                                                    Siria al di là del Bene e del Male

    

Note: www.ambulanzadalcuoreforte.wordpress.com

Articoli correlati

  • Come i Palestinesi vedono la guerra siriana
    Palestina
    I Palestinesi sono ora convinti che la loro causa non sia una priorità dell’opposizione siriana

    Come i Palestinesi vedono la guerra siriana

    Un sondaggio del settembre 2012 rilevò che quasi l’80% degli intervistati in Cisgiordania e Gaza sostenevano i manifestanti e l’opposizione siriana. Ma nel corso degli anni, quando la rivolta siriana si trasformò in un sanguinoso conflitto settario, le posizioni iniziarono a cambiare.
    Adnan Abu Amer
  • I golpisti della lingua
    Editoriale
    Perché si è persa la memoria storica

    I golpisti della lingua

    Il fatto che - dopo il crollo del Muro di Berlino - il termine "rivoluzione" venga riutilizzato per la Siria è una evidente operazione di modifica delle percezioni. Con la guerra si può decidere di dare a gruppi di terroristi tagliagole la patente di rivoluzionari. Questo è un golpe linguistico.
    23 luglio 2012 - Alessandro Marescotti
  • Da piazza Tahir all'Italia: la guerra porta solo altra guerra
    Pace
    Foto dalle piazze pacifiste italiane

    Da piazza Tahir all'Italia: la guerra porta solo altra guerra

    Il 25 gennaio in oltre 50 città italiane associazioni, movimenti e cittadini hanno organizzato eventi aderendo all'appello Spegniamo la guerra, accendiamo la Pace. PeaceLink pubblica le foto di alcune piazze. E alla vigilia è stata diffusa un'importante lettera dalla società civile irachena
    27 gennaio 2020
  • Spegniamo la guerra, accendiamo la Pace! Contro le guerre e le dittature a fianco dei popoli in lotta per i propri diritti
    Pace
    Sabato 25 gennaio 2020 giornata di mobilitazione internazionale per la pace

    Spegniamo la guerra, accendiamo la Pace! Contro le guerre e le dittature a fianco dei popoli in lotta per i propri diritti

    “La guerra è un male assoluto e va ‘ripudiata’, come recita la nostra Costituzione all’Art. 11: essa non deve più essere considerata una scelta possibile da parte della politica e della diplomazia”.
    15 gennaio 2020
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)