Conflitti

L’ANARCHIA DI BAGDAD

15 maggio 2003
Rosarita Catani

BAGHDAD, 13 maggio 2003. I cittadini di Bagdad e gli ufficiali
statunitensi, affermano che le forze d’occupazione sono insufficienti a
mantenere l’ordine nella capitale irachena e chiedono dei rinforzi per
calmare la violenza che infuria per le strade.

Il fuoco brucia di nuovo in alcune costruzioni dei palazzi governativi .

Il suono di sparatorie risuonano durante la notte, molti cittadini
dichiarano che tengono i loro bambini a casa durante il giorno.

Persino il traffico è colpito in assenza della polizia irachena. Sono molti
gli incidenti stradali causati da guidatori non attenti.

Non vi è sicurezza per le strade di Bagdad. Un ufficio e due edifici sono
stati attaccati la notte di domenica. In due settimane altri incidenti; due
veicoli del CARE sono stati attaccati da uomini armati. L’organizzazione
del CARE richiede immediatamente alle forze d’occupazione di instaurare la
legge e l’ordine a Bagdad.

Il vandalismo è sempre particolarmente frequente. Un negoziante, Abdulsalam
Hussein, dichiara che lui stava guardando fuori della vetrina del suo
negozio quando banditi armati scendono da una Peugeot andando nella Piazza
piena di gente, ordinando alle persone nella strada di scappare via “Erano
armati” Nessuno è corso ad aiutarci.

Note: [Nota: Rosarita Catani e' una reporter indipendente che invia i suoi resoconti da Amman, Giordania, raccontando da un punto di osservazione privilegiato cosa accade in Iraq e in medio oriente. I suoi report - pubblicati regolarmente sul sito www.peacelink.it - sono utilizzabili liberamente previa citazione della fonte e dell'autrice]

Articoli correlati

  • Militarismo e cambiamenti climatici - The Elephant in the Living Room
    Disarmo
    il settore militare non solo inquina, ma contamina, trasfigura e rade al suolo

    Militarismo e cambiamenti climatici - The Elephant in the Living Room

    “E’ stato stimato che Il 20% di tutto il degrado ambientale nel mondo è dovuto agli eserciti e alle relative attività militari”
    31 ottobre 2019 - Rossana De Simone
  • Parlamento tedesco: protesta contro la mozione anti-BDS 
    Palestina
    Berlino. Si chiede al governo tedesco di lottare contro razzismo e apartheid

    Parlamento tedesco: protesta contro la mozione anti-BDS 

    Il BDS (Boicottaggio, Disinvestimento e Sanzioni) è il movimento globale nonviolento composto da attivisti palestinesi, israeliani e persone della società civile il cui scopo è di perseguire la piena uguaglianza in termini di libertà, giustizia e dignità nella terra Palestina e Israele
    13 luglio 2019 - Laura Tussi
  • Proseguono gli scioperi della fame dei prigionieri palestinesi
    Palestina
    Articolo di Alessandra Mincone da Nena News

    Proseguono gli scioperi della fame dei prigionieri palestinesi

    Dalla prigione di Ashqelon a quella di Damon i detenuti palestinesi, donne e uomini, portano avanti questa forma di protesta che riesce a frenare abusi e restrizioni attuate dalle autorità carcerarie israeliane
    10 luglio 2019 - Laura Tussi
  • Il problema del cancro a Gaza
    Palestina
    Dal punto di vista epidemiologico

    Il problema del cancro a Gaza

    Questa "programmazione", questo deliberato e continuato intento distruttivo, quanto dovrà ancora durare? Come è possibile continuare a tacere?
    19 marzo 2019 - Laura Tussi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.29 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)