Conflitti

L’ANARCHIA DI BAGDAD

15 maggio 2003
Rosarita Catani

BAGHDAD, 13 maggio 2003. I cittadini di Bagdad e gli ufficiali
statunitensi, affermano che le forze d’occupazione sono insufficienti a
mantenere l’ordine nella capitale irachena e chiedono dei rinforzi per
calmare la violenza che infuria per le strade.

Il fuoco brucia di nuovo in alcune costruzioni dei palazzi governativi .

Il suono di sparatorie risuonano durante la notte, molti cittadini
dichiarano che tengono i loro bambini a casa durante il giorno.

Persino il traffico è colpito in assenza della polizia irachena. Sono molti
gli incidenti stradali causati da guidatori non attenti.

Non vi è sicurezza per le strade di Bagdad. Un ufficio e due edifici sono
stati attaccati la notte di domenica. In due settimane altri incidenti; due
veicoli del CARE sono stati attaccati da uomini armati. L’organizzazione
del CARE richiede immediatamente alle forze d’occupazione di instaurare la
legge e l’ordine a Bagdad.

Il vandalismo è sempre particolarmente frequente. Un negoziante, Abdulsalam
Hussein, dichiara che lui stava guardando fuori della vetrina del suo
negozio quando banditi armati scendono da una Peugeot andando nella Piazza
piena di gente, ordinando alle persone nella strada di scappare via “Erano
armati” Nessuno è corso ad aiutarci.

Note: [Nota: Rosarita Catani e' una reporter indipendente che invia i suoi resoconti da Amman, Giordania, raccontando da un punto di osservazione privilegiato cosa accade in Iraq e in medio oriente. I suoi report - pubblicati regolarmente sul sito www.peacelink.it - sono utilizzabili liberamente previa citazione della fonte e dell'autrice]

Articoli correlati

  • Idiozia o disinformazione?
    Disarmo
    Idiozia e disinformazione? O solo idiozia? Giudicate voi.

    Idiozia o disinformazione?

    Dal senatore USA Lindsey Graham, importante membro del Partito Repubblicano, una ricetta semplice ed efficace per risolvere la guerra tra Israele e Gaza...
    19 maggio 2024 - Roberto Del Bianco
  • Stop arming Israel
    Disarmo
    Iniziativa promossa da Amnesty International e PeaceLink a Lecce

    Stop arming Israel

    Tutti gli Stati hanno l’obbligo di prevenire i crimini di atrocità e di promuovere il rispetto delle norme che proteggono i civili. È da tempo che la comunità internazionale deve tener fede a questi impegni. Presidio in piazza Sant'Oronzo a Lecce il 7 maggio alle ore 19.
    14 maggio 2024 - Redazione PeaceLink
  • Genocidio a Gaza, la fase più estrema di un lungo processo coloniale
    Latina
    Palestina-America Latina

    Genocidio a Gaza, la fase più estrema di un lungo processo coloniale

    Francesca Albanese ha presentato il suo ultimo rapporto sul massacro del popolo palestinese
    9 maggio 2024 - Giorgio Trucchi
  • Le linee guida della politica di difesa della Germania e sue affinità con quelle italiane
    Disarmo
    Anche in Italia il forte riarmo comprende il settore della logistica

    Le linee guida della politica di difesa della Germania e sue affinità con quelle italiane

    Un aumento del potenziale militare ha bisogno di un cambiamento di mentalità nella popolazione
    2 maggio 2024 - Rossana De Simone
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.7.15 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)