Conflitti

Siria, i frutti avvelenati della guerra

6 settembre 2016
Bambino siriano. Mahmoud, 6 anni, è nato senza braccia. Otto mesi fa un colpo di mortaio tirato dai "ribelli"  ha centrato l'appartamento della sua famiglia e lo ha colpito alle gambe. All'ospedale al Razi hanno dovuto amputargliele.
E' giusto combattere contro un dittatore? 

E' un argomento molto complesso. Ho preso un articolo del Manifesto e l'ho messo a confronto con altri punti di vista. E per ogni gruppo armato ho creato un link di approfondimento. Eccolo: "La battaglia di Aleppo" http://www.peacelink.it/conflitti/a/43457.html

Sintetizzo il mio punto di vista: se chi si ribella ad Assad chiedesse libere elezioni sarebbe da appoggiare.

Ma questi guerriglieri anti-Assad per la stragrande maggioranza non chiedono la democrazia, chiedono un regime di integralismo islamico. La democrazia non è nella loro cultura, non è nel loro DNA. E quello che vogliono per le donne è un ritorno al medioevo.

Un esempio? La moglie di Assad può portare una gonna normale e mostrare le gambe, mostrare i capelli e il viso.

Se vincono gli altri non avremo l'abolizione delle torture di Assad ma il semplice rovesciamento delle vittime della tortura. E per le donne non sarà permesso vestirsi liberamente.

Quindi con questi guerriglieri anti-Assad rischiamo di passare dalla padella alla brace, dato che molti hanno un passato in al Qaeda. Di questo c'è ampia documentazione nelll'articolo che trovate linkato in fondo. E potete approfondire qui http://web.stanford.edu/…/mappingm…/cgi-bin/groups/view/493…

Ma c'è di più, e ci tocca aprire purtroppo la parte più inquietante di quello che è andato storto in questa storia che è sfuggita al controllo dei servizi segreti.

Chi ha compiuto le stragi in Europa non sono i militari di Assad, chi ha portato il terrorismo nelle capitali europee sono quelli che combattono Assad. E' una semplice constatazione che nulla toglie alle volazioni dei diritti umani compiute dal regime siriano.

Come insegnante di storia posso dire che chi lotta contro il male non è necessariamente portatore del bene. Lo dimostra la storia.

Infine dovremmo legare fortemente il discorso della guerra a quelli delle migrazioni. Il miglior modo per aiutare i migranti è fermare la guerra, non fomentandola e non illudendo la gente che sostenere la "rivoluzione siriana" sia la strada che porta alla pace e alla libertà. Non è così ed è un nuovo tragico inganno della storia.

Questo conflitto armato sta creando solo una massa di disperati che - se non riusciranno a vincere la guerra - porteranno la loro frustrazione a casa nostra, e si vendicheranno perché non li abbiamo sostenuti abbastanza o perché li abbiamo traditi.

Note: Il bambino che vedete nella foto è stato colpito dai ribelli che combattono contro Assad.
Fonte: http://www.sibialiria.org/wordpress/?p=3244

Articoli correlati

  • Come i Palestinesi vedono la guerra siriana
    Palestina
    I Palestinesi sono ora convinti che la loro causa non sia una priorità dell’opposizione siriana

    Come i Palestinesi vedono la guerra siriana

    Un sondaggio del settembre 2012 rilevò che quasi l’80% degli intervistati in Cisgiordania e Gaza sostenevano i manifestanti e l’opposizione siriana. Ma nel corso degli anni, quando la rivolta siriana si trasformò in un sanguinoso conflitto settario, le posizioni iniziarono a cambiare.
    Adnan Abu Amer
  • I golpisti della lingua
    Editoriale
    Perché si è persa la memoria storica

    I golpisti della lingua

    Il fatto che - dopo il crollo del Muro di Berlino - il termine "rivoluzione" venga riutilizzato per la Siria è una evidente operazione di modifica delle percezioni. Con la guerra si può decidere di dare a gruppi di terroristi tagliagole la patente di rivoluzionari. Questo è un golpe linguistico.
    23 luglio 2012 - Alessandro Marescotti
  • Da piazza Tahir all'Italia: la guerra porta solo altra guerra
    Pace
    Foto dalle piazze pacifiste italiane

    Da piazza Tahir all'Italia: la guerra porta solo altra guerra

    Il 25 gennaio in oltre 50 città italiane associazioni, movimenti e cittadini hanno organizzato eventi aderendo all'appello Spegniamo la guerra, accendiamo la Pace. PeaceLink pubblica le foto di alcune piazze. E alla vigilia è stata diffusa un'importante lettera dalla società civile irachena
    27 gennaio 2020
  • Spegniamo la guerra, accendiamo la Pace! Contro le guerre e le dittature a fianco dei popoli in lotta per i propri diritti
    Pace
    Sabato 25 gennaio 2020 giornata di mobilitazione internazionale per la pace

    Spegniamo la guerra, accendiamo la Pace! Contro le guerre e le dittature a fianco dei popoli in lotta per i propri diritti

    “La guerra è un male assoluto e va ‘ripudiata’, come recita la nostra Costituzione all’Art. 11: essa non deve più essere considerata una scelta possibile da parte della politica e della diplomazia”.
    15 gennaio 2020
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)