Conflitti

Siria

La barbarie: 68 bambini fatti a pezzi

Ribelli fanno strage di civili sciiti provenienti da zone filogovernative. Il bilancio complessivo dell'attentato kamikaze è salito a 126 morti. Tra questi, almeno 68 bambini e 13 donne
16 aprile 2017
E' ormai chiaro che l'autobomba è stata lanciata contro civili siriani provenienti da zone filogovernative. I terroristi hanno agito con uno spirito di barbarie unico. Siria, strage di 68 bambini con un'auto bomba

La Stampa scrive: "“Almeno 68 bambini morti ad Aleppo”. I ribelli accusano il regime ma i sospetti sono su Al-Qaeda".

Questi "ribelli" sono sempre meno credibili.

Sanguinari. Dovrebbero condannare chi fra di loro ha fatto a pezzi 68 bambini. E invece ripropongono l'improponibile versione che un'autobomba sarebbe stata lanciata dal regime su civili provienienti da un'area controllata da Assad. 

Un veicolo imbottito di esplosivo, stando alle ricostruzioni un pickup, è saltato in aria nell'area in cui stazionavano 75 bus e 20 ambulanze destinati a portare cinquemila sciiti provenienti dalle due città filogovernative Kafaraya e Foa verso altre zone controllate dai militari fedeli al presidente Bashar al-Assad.

Questi "ribelli" non sono migliori di Assad. Non possono ricevere neanche un briciolo di solidarietà. La loro violenza non è migliore di quella del regime.

Purtroppo emerge una verità drammatica: i "ribelli" sunniti hanno colpito i civili - bambini compresi - perché i civili da uccirere erano sciiti. E lo hanno fatto con l'inganno.

Barbarie allo stato puro.

 

Articoli correlati

  • Come i Palestinesi vedono la guerra siriana
    Palestina
    I Palestinesi sono ora convinti che la loro causa non sia una priorità dell’opposizione siriana

    Come i Palestinesi vedono la guerra siriana

    Un sondaggio del settembre 2012 rilevò che quasi l’80% degli intervistati in Cisgiordania e Gaza sostenevano i manifestanti e l’opposizione siriana. Ma nel corso degli anni, quando la rivolta siriana si trasformò in un sanguinoso conflitto settario, le posizioni iniziarono a cambiare.
    Adnan Abu Amer
  • I golpisti della lingua
    Editoriale
    Perché si è persa la memoria storica

    I golpisti della lingua

    Il fatto che - dopo il crollo del Muro di Berlino - il termine "rivoluzione" venga riutilizzato per la Siria è una evidente operazione di modifica delle percezioni. Con la guerra si può decidere di dare a gruppi di terroristi tagliagole la patente di rivoluzionari. Questo è un golpe linguistico.
    23 luglio 2012 - Alessandro Marescotti
  • Da piazza Tahir all'Italia: la guerra porta solo altra guerra
    Pace
    Foto dalle piazze pacifiste italiane

    Da piazza Tahir all'Italia: la guerra porta solo altra guerra

    Il 25 gennaio in oltre 50 città italiane associazioni, movimenti e cittadini hanno organizzato eventi aderendo all'appello Spegniamo la guerra, accendiamo la Pace. PeaceLink pubblica le foto di alcune piazze. E alla vigilia è stata diffusa un'importante lettera dalla società civile irachena
    27 gennaio 2020
  • Spegniamo la guerra, accendiamo la Pace! Contro le guerre e le dittature a fianco dei popoli in lotta per i propri diritti
    Pace
    Sabato 25 gennaio 2020 giornata di mobilitazione internazionale per la pace

    Spegniamo la guerra, accendiamo la Pace! Contro le guerre e le dittature a fianco dei popoli in lotta per i propri diritti

    “La guerra è un male assoluto e va ‘ripudiata’, come recita la nostra Costituzione all’Art. 11: essa non deve più essere considerata una scelta possibile da parte della politica e della diplomazia”.
    15 gennaio 2020
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)