Conflitti

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Sostituire Assad?
    Il dibattito sulla Siria

    Sostituire Assad?

    Assad è certamente un leader autoritario e il suo regime non democratico. Se l'alternativa ad Assad fosse una democrazia liberale, dovremmo fare di più per sostituirlo. Ma gli avversari del dittatore siriano non sono liberali assetati di democrazia, ma per lo più islamisti intolleranti. Dopo Assad, democrazia, diritti e libertà con ogni probabilità diminuirebbero in Siria, non aumenterebbero.
    22 aprile 2018 - Antonio Martino
  • Napolitano brindava con Assad e Finmeccanica vendeva armi
    Siria

    Napolitano brindava con Assad e Finmeccanica vendeva armi

    Fino allo scoppio della guerra civile l'Italia ha svolto un ruolo di sostegno al regime tramite le più alte cariche e le sue tecnologie di punta. Perché non fare una bella commissione parlamentare di inchiesta?
    22 aprile 2018 - Alessandro Marescotti
  • Quando Napolitano elogiava Assad "per i suoi impegni di pace"
    Siria anno 2010

    Quando Napolitano elogiava Assad "per i suoi impegni di pace"

    Milena Gabanelli e Lorenzo Cremonesi
  • Brindisi con il presidente siriano Assad
    Siria

    Brindisi con il presidente siriano Assad

    Siamo convinti che in nessun luogo la religione può essere invocata a sostegno di propagande di violenza, di distruzione e di guerra. Per quanto concerne l'Italia, le già ottime relazioni bilaterali sono destinate a divenire ancora più intense.
    Giorgio Napolitano
Gli ispettori dell'ONU hanno fatto le analisi

Siria, hanno bombardato senza prove

Un mese fa, l'8 aprile 2018, i mass media trasmettevano immagini di un presunto attacco chimico in Siria. Il 12 aprile il presidente francese diceva di avere le prove. Dopo un mese nessuna prova è emersa. Gli ispettori UNU sono tornati a casa.
8 maggio 2018 - Alessandro Marescotti

Ad oggi gli ispettori inviati dall'ONU non hanno trovato nessuna prova dell'uso di armi chimiche.

Usa, Francia e GB hanno bombardato senza prove.

Un mese fa, l'8 aprile 2018, i mass media trasmettevano immagini di un presunto attacco chimico in Siria. Gli ispettori UNU sono tornati a casa. E dove sono le prove che il presidente francese Macron avrebbe dovuto fornire agli ispettori ONU e al mondo intero?

Lo scorso 12 aprile aveva dichiarato:

Abbiamo le prove che le armi chimiche sono state utilizzate in Siria”.

Adesso bisognerebbe chiarire se è stata lanciata una manipolazione dell'opinione pubblica per compiere quella che in ogni caso è una violazione del diritto internazionale, ossia l'uso della forza senza autorizzazione del Consiglio di sicurezza dell'ONU.

Armi chimiche in Siria


PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.7 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Posta elettronica certificata (PEC)