Conflitti

Sull'Afghanistan il MS5 ha cambiato posizione

L'Italia rimarrà in Afghanistan fino al 2024

"Noi del Movimento cinque stelle pensiamo che il contingente italiano non debba più restare in Afghanistan", diceva Luigi Di Maio. Adesso il ministro della Difesa prende l'impegno di mantenere sul campo le truppe della missione militare "a lungo termine".
16 luglio 2018

"Noi del Movimento cinque stelle pensiamo che il contingente italiano non debba più restare in Afghanistan". Lo ha detto il candidato premier del M5S, Luigi Di Maio, parlando alla Link Campus University di Roma dove ha sottolineato: "Questa missione espone i nostri soldati a rischi inutili".

Queste le dichiarazioni dello scorso 6 febbraio 2018

Questo è il filmato delle dichiarazioni di Di Maio.

Le nuove posizioni sono completamente diverse e sono state fissate da un ministro della Difesa, Elisabetta Trenta, scelto da Di Maio.

L'Italia ha infatti aderito alla conferma dell’impegno della NATO in Afghanistan "a lungo termine", ossia sino a tutto il 2024.

Questa è stata la scelta dei capi di stato e di governo che si sono incontrati a Bruxelles l’11-12 luglio in occasione del 29° Summit della NATO, a cui hanno preso parte i 29 paesi membri. Per l’Italia c'era il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, accompagnato dai ministri Elisabetta Trenta (Difesa) ed Enzo Moavero Milanesi (Affari Esteri). 

Ma quali sono stati i risultati della missione militare in Afghanistan?

Guardate questo filmato delle Iene titolato "Droga e militari italiani in Afghanistan".

E gli aiuti alla popolazione? Non vi è stata nessuna ricostruzione, nonostante il 100 miliardi di dollari spesi. I risultati sono drammaticamente negativi. La popolazione vive coltivando e trafficando oppio sotto gli occhi chiusi dei militari della NATO.

Il capo politico del M5S Luigi Di Maio

Articoli correlati

  • Pagina web della Campagna Guantanamo
    PeaceLink
    Le cose fatte e da fare

    Pagina web della Campagna Guantanamo

    L'obiettivo della campagna è quello di chiedere la chiusura della prigione americana di Guantanamo. La campagna si rivolge al presidente del Consiglio Mario Draghi e ai parlamentari italiani ed europei perché facciano pressione sul governo USA e lo richiamino al rispetto dei diritti umani.
    15 settembre 2021 - Campagna Guantanamo
  • Nel nostro morbido bozzolo di indifferenza e di ignavia
    Laboratorio di scrittura
    A settecento anni dalla morte di Dante

    Nel nostro morbido bozzolo di indifferenza e di ignavia

    Viviamo in una zona di confort irreale, come se esistessimo solo noi. Non conosciamo gli eroi del nostro tempo, sono perseguitati e non li sosteniamo. Da questa letargica indifferenza ci risvegliamo quando la TV ci fa sentire in colpa e magari organizza un nuovo criminale "intervento umanitario".
    15 settembre 2021 - Alessandro Marescotti
  • «Abbiamo ucciso persone che non c’entravano nulla con l’11 settembre»
    MediaWatch
    Droni, l’ex analista Usa che ha svelato i danni collaterali

    «Abbiamo ucciso persone che non c’entravano nulla con l’11 settembre»

    Un caso di coscienza. Daniel Hale, figlio di un battista della Virginia, è stato condannato a quattro anni di reclusione per aver rivelato informazioni segrete sulle operazioni anti terrorismo durante l’amministrazione Obama. «Non un giorno senza rimorso»
    15 settembre 2021 - Redazione PeaceLink
  • Il drone americano ha colpito l'auto ma non c'era nessun terrorista, solo civili innocenti
    Conflitti
    Il video analizzato dal New York Times tocca l'illegalità delle uccisioni con i droni

    Il drone americano ha colpito l'auto ma non c'era nessun terrorista, solo civili innocenti

    Centrata in pieno l'auto del presunto attentatore dell'Isis ma in realtà era guidata da Zemari Ahmadi, un ingegnere che trasportava taniche d'acqua e collaborava con un gruppo di aiuto americano. Ci sono sette bambini fra i dieci civili uccisi a Kabul il 29 agosto dal drone USA.
    14 settembre 2021 - Redazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)