Conflitti

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • Conto Corrente Bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Jalal Talabani, un peshmerga, un leader, un uomo di pace
    Jalal Talabani non è stato soltanto, fino al 2014, il Presidente della Repubblica dell’Iraq. E’ stato il garante istituzionale di un Paese nato esattamente un secolo fa.

    Jalal Talabani, un peshmerga, un leader, un uomo di pace

    E’ trascorsa una settimana dal Referendum - così a lungo atteso - per l’indipendenza del Kurdistan Iracheno. Oggi la notizia della morte di Jalal Talabani. I due eventi, casualmente così ravvicinati, sembrano concatenarsi in una sequenza simbolica di passaggio di testimone.
    4 ottobre 2017 - Andrea Misuri
  • Reato di tortura: i risvolti di una legge
    Approvata la legge sulla tortura

    Reato di tortura: i risvolti di una legge

    Gran parte degli atti commessi alla scuola Diaz, se giudicati in base alla nuova legge, non sarebbero qualificabili come torture
    20 luglio 2017 - Laura Tussi e Vittorio Agnoletto
  • Il filo rosso dei deboli e degli indifesi di Dino

    Il filo rosso dei deboli e degli indifesi di Dino

    Ma si riuscirà mai, per dirla con don Lorenzo Milani, a far strada agli impoveriti senza farsi strada? Portare al centro della politica gli ultimi, gli emarginati, gli impoveriti, i lavoratori, chi lotta contro le ingiustizie, le mafie, la disumanità e la barbarie delle guerre, facendo quanti più passi indietro perché siano loro a farne almeno una volta, almeno uno, avanti? Ma non sarebbe quasi ora di domandarsi, anche se non so quanti hanno fratelli che sono figli unici, se siamo ancora convinti che esistono gli sfruttati, i malpagati, i frustati, i calpestati e gli odiati e la vicinanza/distanza da loro?
    2 giugno 2017 - Alessio Di Florio
  • Che cosa era la guerra?
    A ogni incontro, Gulala riporta una frase esplicativa nella sua semplicità, della poetessa americana Eve Merriam: “Io sogno di dare alla luce un bambino che chieda: Mamma, che cosa era la guerra?”

    Che cosa era la guerra?

    Brevi note dopo la cena-incontro solidale che da Campi Bisenzio ha dato voce a chi dall'Italia lavora per Kurdistan Save the Children. Un progetto che prosegue, un ponte reciproco con la regione tormentata del Nord Iraq.
    6 marzo 2017 - Andrea Misuri
Il capo delle forze Usa Kimmit: "Sono atterrito"

Torture in Iraq. A compierle sono militari Usa. E' tutto documentato dalla Cbs

Clamorosa denuncia delle rete televisiva Cbs che ha mostrato foto di prigionieri di guerra iracheni torturati da soldati statunitensi. In una foto si vede un prigionierio costretto a stare in equilibrio precario, con le mani legate e la testa chinata e sotto la minaccia che se fosse caduto sarebbe stato colpito da una scarica di corrente elettrica. Un'altra foto mostra dei detenuti nudi con impressi sui loro corpi degli insulti in inglese.
29 aprile 2004 - Franco Probi

Secondo l'emittente la pratica sarebbe piuttosto diffusa tra i reparti americani; tanto e' vero che il comando generale in Iraq, al termine di un'inchiesta, ha deferito alla corte marziale sei soldati in servizio nella prigione di Abu Gharib. Il generale Kimmit, comandante delle operazioni in Iraq, intervistato dalla stessa CBS si e' detto "atterrito" all'idea che i suoi uomini abbiano potuto avere comportamenti disumani e contrari alle Convenzioni di Ginevra. (1)

Intanto l'intelligence del Pentagono rilancia: ci sarebbero ex esponenti dei servizi segreti di Saddam Hussein dietro molti degli attentati compiuti contro i soldati e le basi della Coalizione.
Un rapporto del Dipartimento della Difesa, riportato oggi dal New York Times, riferisce che i servizi segreti del deposto raiss avrebbero pianificato l'insurrezione antiamericana molto prima della caduta di Baghdad e adesso lo stanno attuando con metodo scientifico. Gli stessi attentatori ed i miliziani che operano in varie zone calde del Paese provengono - secondo il rapporto - dai reparti scelti dell'ex esercito di Saddam.

Morti altri soldati USA

Intanto, anche oggi i bollettini di guerra raccontano di attacchi, attentati e numerose vittime, dieci delle quali americane.
Otto soldati statunitensi sono rimasti uccisi stamattina a Mahmoudiya, un centro a sud di Baghdad, a seguito di un attentato dinamitardo. La notizia e' stata battuta dall'AP la quale precisa che altri quattro militari risultano feriti in maniera grave. Sempre questa mattina, altri attentati verificatisi in due diverse zone della capitale hanno provocato la morte di due soldati USA.

A Kufa, nei pressi di Nayaf, alcuni razzi anticarro sono stati sparati contro un chek-point americano da un gruppo di miliziani sciiti di Muqata al Sadr. Secondo quanto riferisce la CNN non ci sarebbero vittime.
Nel centro di Bassora, invece, un civile sudafricano è stato ucciso da un gruppo di sconosciuti che hanno sparato da un'auto in corsa.
Lo ha detto la BBC in una corrispondenza dalla citta' dell'Iraq meridionale senza fornire ulteriori dettagli.

La situazione a Falluja

Estremamente tesa e' la situazione a Falluja; da qualche ora sono stati sospesi i bombardamenti aerei ma gli scontri a fuoco continuano in diverse zone della citta'. Un dispaccio della Reuters riferisce che alcuni soldati USA che presidiavano un posto di blocco, stamani hanno aperto il fuoco contro un minibus uccidendo quattro civili. La notizia e' stata confermata da fonti della polizia locale alla stessa agenzia.

La Croce Rossa Italiana ha dovuto nuovamente sospendere l'invio di aiuti umanitari dopo la ripresa dei combattimenti e non e' possibile prevedere quando un nuovo convoglio potra' rientrare in citta'. Solo in tarda mattinata si e' appreso da un portavoce dei Marines, citato dall'AFP, che le truppe americane sono pronte a ritirarsi da Falluja.
Il ripiegamento dovrebbe iniziare da domani, contestualmente al passaggio di consegne alle forze irachene del governo provvisorio.

Fortunatamente senza vittime l'attacco compiuto la notte scorsa a Karbala contro la base militare polacca. Alcuni razzi anticarro sono stati lanciati contro l'installazione militare, ha riferito un portavoce del contingente polacco al World Service della BBC.

Franco Probi

Note:

(1) Maltrattamenti a prigionieri di guerra iracheni: questa la motivazione con la quale sei soldati Usa sono stati spediti davanti alla corte marziale. Accusati, in sostanza, di aver torturato dei nemici ormai inoffensivi e il tutto nella prigione di Abu Gharib, la stessa dove Saddam Hussein rinchiudeva, e torturava, i suoi oppositori politici.

La denuncia è venuta dalla Cbs che ha mandato in onda delle foto delle torture sui prigionieri oltre alla rivelazione che, secondo un'inchiesta delle forze armate Usa, la pratica è diffusa. Non a caso il generale Mark Kimmitt, capo delle operazioni militari in Iraq, aveva reso noto che sei soldati erano stati deferiti alla corte marziale.

Le foto, che mostrano il comportamento contrario alle norme della convenzione di Ginevra dei soldati americani incaricati della sorveglianza nella prigione di Abu Gharib sono state scoperte da qualche settimana. L'inchiesta che ne è seguita ha concluso che "c'erano dei problemi, dal generale in capo della prigione fino alla polizia militare incaricata di sorvegliare i prigionieri".

In una foto si vede un prigionierio costretto a stare in equilibrio precario, con le mani legate e la testa chinata e sotto la minaccia che se fosse caduto sarebbe stato colpito da una scarica di corrente elettrica. Un'altra foto mostra dei detenuti nudi con impressi sui loro corpi degli insulti in inglese. Il generale Kimmit, intervistato da Dan Rather si è detto "atterrito".

"Sono nostri compagni, gente con cui lavoriamo tutti i giorni, che ci rappresentano, che portano le nostre stesse uniformi - ha detto il generale - noi speriamo che i nostri soldati siano ben trattati dal nemico ma se noi non diamo l'esempio su come trattare la gente con dignità e rispetto non possiamo aspettarci che gli altri facciano altrettanto". "Comunque - ha aggiunto Kimmit - si tratta di meno di una dozzina di soldati sui 150 mila che abbiamo in Iraq".

Fonte: http://www.repubblica.it/2004/d/sezioni/esteri/iraq20/prigionieri/prigionieri.html

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.6 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Posta elettronica certificata (PEC)