Conflitti

Afghanistan: la condizione della donna tra propaganda e realtà

Test di verginità sulle donne afghane anche con l'occupazione USA/NATO

Nonostante l'Italia avesse la responsabilità di riformare il sistema giudiziario, è continuata l'incarcerazione "per crimini morali" delle ragazze che scappavano di casa. E i casi di omicidio e stupro spesso non arrivano mai in tribunale.
24 agosto 2021

Donne afghane

Durante il ventennio di occupazione militare dell'Afghanistan, l’Italia aveva assunto il compito di riformare il sistema della giustizia con il progetto pluriennale per il «Sostegno alla ricostruzione del Sistema Giudiziario e Penitenziario Afghano».

L'intervento aveva l’obiettivo di migliorare la qualità dei servizi forniti dal sistema della giustizia.

I risultati non hanno tuttavia inciso sulla società afghana che ha continuato ad applicare le sue consuetudini misogine, come si può leggere nella tesi di laurea di Martina Pederzoli sulle donne in Afghanistan. La tesi è relativa all'anno accademico 2019-2020 e rispecchia in pieno la fase delle cosiddette "conquiste femminili".

"La polizia - scrive Martina Pederzoli - si rifiuta sistematicamente di registrare i casi di violenza, incitando le donne che sono state vittime di violenza domestica a tornare dai loro mariti. Nel 2018, l'UNAMA (Missione di Assistenza delle Nazioni Unite in Afghanistan) ha riferito che i casi di omicidio e stupro spesso non arrivano mai in tribunale. Le autorità afghane ordinariamente allontanano le vittime o fanno pressioni affinché accettino la mediazione, ovvero una sorta di processo in cui l'autore dell'abuso si limita a promettere di non ripetere il crimine. Nonostante l'impegno assunto nel 2016 dal presidente Ghani di porre fine all'incarcerazione delle donne accusate di essere scappate dalle loro famiglie, nel 2018 la polizia e i pubblici ministeri afghani hanno continuato a incarcerare le donne e ragazze per "crimini morali" che includono la fuga da casa. Inoltre, la polizia e i procuratori hanno continuato a sottoporre ragazze a analisi invasive, scientificamente non valide, da parte dei medici del governo afghano per determinare se una donna abbia mai avuto rapporti sessuali. I funzionari afghani sostengono che il governo ha vietato questi esami, tuttavia la pratica rimane diffusa". (1)

La fonte di quest'ultima informazione è Human Rights Watch, World Report 2019, pagina 20.

Articoli correlati

  • Mostra del Cinema di Taranto dal tema «Lo sguardo della tigre»
    Cultura
    Quattro giorni di cinema al femminile a Taranto

    Mostra del Cinema di Taranto dal tema «Lo sguardo della tigre»

    Storie di donne, testimonianze di vita di registe e attrici che da Afghanistan, Iran, Palestina e Marocco si danno appuntamento a Taranto.
    23 giugno 2022 - Fulvia Gravame
  • Italiani per Hale
    PeaceLink
    L’obiezione di coscienza di Daniel Hale

    Italiani per Hale

    L’ex analista dell'intelligence Usa è in carcere perché ha svelato i danni collaterali dei droni. Ha detto: "Abbiamo ucciso persone che non c’entravano nulla con l’11 settembre". Alex Zanotelli aderisce a questa campagna e dice: “Daniel Hale è un eroe del nostro tempo, è un dovere sostenerlo".
    10 ottobre 2021 - Alessandro Marescotti
  • Il futuro di Kabul
    Conflitti
    Un'analisi dell'Afghanistan dopo la sconfitta degli Stati Uniti e della Nato

    Il futuro di Kabul

    Cina, Russia, Pakistan, Qatar e Turchia negoziano con i Talebani per mantenere un ordine che crei un ambiente favorevole tanto ai loro investimenti in infrastrutture e attività estrattive. E vogliono tenere lontane dai propri confini le minacce portate dalle fazioni jihadiste e indipendentiste.
    11 ottobre 2021 - Valeria Poletti
  • "Mettevamo al potere gente che faceva cose peggiori di quelle fatte dai talebani"
    Conflitti
    Gli stupri dei bambini erano la regola: "La notte li sentiamo gridare, ma non possiamo fare nulla"

    "Mettevamo al potere gente che faceva cose peggiori di quelle fatte dai talebani"

    Gli episodi che riportiamo in questa pagina web spiegano perché l'esercito e la polizia afghani non fossero amati dalla popolazione e si siano sbriciolati appena è venuto meno il supporto delle truppe americane e della Nato, nonostante fossero stati fortemente armati, attrezzati e addestrati.
    Redazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)