Conflitti

Afghanistan: la condizione della donna tra propaganda e realtà

Test di verginità sulle donne afghane anche con l'occupazione USA/NATO

Nonostante l'Italia avesse la responsabilità di riformare il sistema giudiziario, è continuata l'incarcerazione "per crimini morali" delle ragazze che scappavano di casa. E i casi di omicidio e stupro spesso non arrivano mai in tribunale.
24 agosto 2021

Donne afghane

Durante il ventennio di occupazione militare dell'Afghanistan, l’Italia aveva assunto il compito di riformare il sistema della giustizia con il progetto pluriennale per il «Sostegno alla ricostruzione del Sistema Giudiziario e Penitenziario Afghano».

L'intervento aveva l’obiettivo di migliorare la qualità dei servizi forniti dal sistema della giustizia.

I risultati non hanno tuttavia inciso sulla società afghana che ha continuato ad applicare le sue consuetudini misogine, come si può leggere nella tesi di laurea di Martina Pederzoli sulle donne in Afghanistan. La tesi è relativa all'anno accademico 2019-2020 e rispecchia in pieno la fase delle cosiddette "conquiste femminili".

"La polizia - scrive Martina Pederzoli - si rifiuta sistematicamente di registrare i casi di violenza, incitando le donne che sono state vittime di violenza domestica a tornare dai loro mariti. Nel 2018, l'UNAMA (Missione di Assistenza delle Nazioni Unite in Afghanistan) ha riferito che i casi di omicidio e stupro spesso non arrivano mai in tribunale. Le autorità afghane ordinariamente allontanano le vittime o fanno pressioni affinché accettino la mediazione, ovvero una sorta di processo in cui l'autore dell'abuso si limita a promettere di non ripetere il crimine. Nonostante l'impegno assunto nel 2016 dal presidente Ghani di porre fine all'incarcerazione delle donne accusate di essere scappate dalle loro famiglie, nel 2018 la polizia e i pubblici ministeri afghani hanno continuato a incarcerare le donne e ragazze per "crimini morali" che includono la fuga da casa. Inoltre, la polizia e i procuratori hanno continuato a sottoporre ragazze a analisi invasive, scientificamente non valide, da parte dei medici del governo afghano per determinare se una donna abbia mai avuto rapporti sessuali. I funzionari afghani sostengono che il governo ha vietato questi esami, tuttavia la pratica rimane diffusa". (1)

La fonte di quest'ultima informazione è Human Rights Watch, World Report 2019, pagina 20.

Articoli correlati

  • Pagina web della Campagna Guantanamo
    PeaceLink
    Le cose fatte e da fare

    Pagina web della Campagna Guantanamo

    L'obiettivo della campagna è quello di chiedere la chiusura della prigione americana di Guantanamo. La campagna si rivolge al presidente del Consiglio Mario Draghi e ai parlamentari italiani ed europei perché facciano pressione sul governo USA e lo richiamino al rispetto dei diritti umani.
    15 settembre 2021 - Campagna Guantanamo
  • Nel nostro morbido bozzolo di indifferenza e di ignavia
    Laboratorio di scrittura
    A settecento anni dalla morte di Dante

    Nel nostro morbido bozzolo di indifferenza e di ignavia

    Viviamo in una zona di confort irreale, come se esistessimo solo noi. Non conosciamo gli eroi del nostro tempo, sono perseguitati e non li sosteniamo. Da questa letargica indifferenza ci risvegliamo quando la TV ci fa sentire in colpa e magari organizza un nuovo criminale "intervento umanitario".
    15 settembre 2021 - Alessandro Marescotti
  • «Abbiamo ucciso persone che non c’entravano nulla con l’11 settembre»
    MediaWatch
    Droni, l’ex analista Usa che ha svelato i danni collaterali

    «Abbiamo ucciso persone che non c’entravano nulla con l’11 settembre»

    Un caso di coscienza. Daniel Hale, figlio di un battista della Virginia, è stato condannato a quattro anni di reclusione per aver rivelato informazioni segrete sulle operazioni anti terrorismo durante l’amministrazione Obama. «Non un giorno senza rimorso»
    15 settembre 2021 - Redazione PeaceLink
  • Il drone americano ha colpito l'auto ma non c'era nessun terrorista, solo civili innocenti
    Conflitti
    Il video analizzato dal New York Times tocca l'illegalità delle uccisioni con i droni

    Il drone americano ha colpito l'auto ma non c'era nessun terrorista, solo civili innocenti

    Centrata in pieno l'auto del presunto attentatore dell'Isis ma in realtà era guidata da Zemari Ahmadi, un ingegnere che trasportava taniche d'acqua e collaborava con un gruppo di aiuto americano. Ci sono sette bambini fra i dieci civili uccisi a Kabul il 29 agosto dal drone USA.
    14 settembre 2021 - Redazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)