Conflitti

Ecco cosa risponde il programma di Intelligenza Artificiale Chat GPT

E' saggio mandare armi ancora più potenti in Ucraina?

Scrive Chat GPT: "E' importante valutare l'effetto che l'invio di armi potrebbe avere sulla pace e la stabilità nella regione. Inoltre, sarebbe importante considerare gli sforzi diplomatici in corso per risolvere la crisi e valutare se l'invio di armi potrebbe ostacolare questi sforzi".
22 gennaio 2023
Redazione PeaceLink

I lanciarazzi Himars degli Stati Uniti potrebbero essere armati con missili a più lunga gittata nella guerra in Ucraina, colpendo anche la Crimea

"La fornitura di armi offensive a Kiev porterebbe a un disastro globale", ha dichiarato lo speaker della Duma russa, Viacheslav Volodin. "Se Washington e i Paesi della Nato inviano armi (all'Ucraina) da impiegare per attaccare città pacifiche o per tentare di occupare le nostre terre, una minaccia che è stata fatta, questo provocherebbe una reazione con l'uso di armi ancora più potenti", ha aggiunto il presidente della camera bassa del parlamento di Mosca. Di fronte a tutto questo è saggio inviare armi oppure no? Quale dovrebbe essere la linea di un parlamentare impegnato per la pace?

ECCO COSA RISPONDE CHAT GPT

La questione di inviare armi all'Ucraina è complessa e dipende da molte considerazioni. In generale, un parlamentare impegnato per la pace dovrebbe essere attento a evitare azioni che possono peggiorare la situazione e causare ulteriori violenze. Dovrebbe anche cercare di promuovere soluzioni pacifiche e dialogo tra le parti coinvolte. In questo caso specifico, sarebbe importante valutare gli sviluppi della situazione in Ucraina e l'effetto che l'invio di armi potrebbe avere sulla pace e la stabilità nella regione. Inoltre, sarebbe importante considerare gli sforzi diplomatici in corso per risolvere la crisi e valutare se l'invio di armi potrebbe ostacolare questi sforzi.

Ed ecco cosa ha risposto la Germania.

Note: Perché la Germania dice ‘no’ ai carri armati Leopard a Kiev: il rischio di un allargamento della guerra
Carmine Di Niro — 21 Gennaio 2023

Il vertice tedesco di Ramstein, nella base aerea dove ieri si sono riuniti 53 Paesi alleati di Kiev nel conflitto in corso da 332 giorni contro la Russia, dopo l’invasione delle truppe di Mosca, è una delusione per Zelensky.

Il presidente ucraino ha dovuto fare i conti col ‘no’ dei padroni di casa alla fornitura dei Leopard 2, i carri armati di ultimi generazione prodotti dalla Germania che secondo Kiev ribalterebbero il corso del conflitto.

Continua su tinyurl.com/45jarxpy

Articoli correlati

  • Cosa dovrebbe fare un parlamentare di fronte a un decreto legge sullo scudo penale per chi inquina?
    CyberCultura
    Mettiamo alla prova il software di intelligenza artificiale Chat GPT

    Cosa dovrebbe fare un parlamentare di fronte a un decreto legge sullo scudo penale per chi inquina?

    "Scrivi una storia su un parlamentare che ama la sua città e scopre che il governo scrive un decreto legge per dare l'immunità penale a chi inquina la sua città. Scopre che anche il suo partito, pur con qualche distinguo, sostiene il decreto legge".
    22 gennaio 2023 - Alessandro Marescotti
  • Anche negli USA si chiede la pace in Ucraina e il ritiro della NATO
    Pace

    Anche negli USA si chiede la pace in Ucraina e il ritiro della NATO

    Oggi a New York, nella centralissima Times Square e poi presso il People’s Forum lì vicino, si è svolta una grande manifestazione per la pace con uno slogan che la dice tutta:
    ESPANSIONE DELLA NATO – NO! | PACE IN UCRAINA – SÌ!
    E' stata anche ricordato la nascita di Martin Luther King, il 15/1/1929.
    14 gennaio 2023 - Patrick Boylan
  • Putin sta iniziando a spaccare l'Occidente
    Conflitti
    Il Pentagono sta già sviluppando una tabella di marcia per accelerare le vendite di armi

    Putin sta iniziando a spaccare l'Occidente

    I massimi funzionari europei sono furiosi con Biden: "Il paese che trae maggior profitto da questa guerra sono gli Stati Uniti perché vendono più gas e a prezzi più alti, e perché vendono più armi". Il prezzo del gas che gli europei pagano è quasi quattro volte superiore rispetto agli USA.
    Politico
  • Il mio Buon Proposito per il nuovo anno: lettera di una ex-pacifista (ora non più “ex”)
    MediaWatch
    Come combattere la disinformazione di guerra? Julian Assange ce lo insegna.

    Il mio Buon Proposito per il nuovo anno: lettera di una ex-pacifista (ora non più “ex”)

    Il 1° gennaio di ogni anno è il momento consueto per formulare i buoni propositi per i 365 giorni a venire. Se ne formulano tanti e di solito se ne mantengono pochi. Una ex-pacifista, ora decisa a non essere più ex, ha invece scelto per quest'anno un solo proposito. Così è più sicura di mantenerlo.
    2 gennaio 2023 - Patrick Boylan
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)