Conflitti

Italiani e Mozambicani insieme in un progetto contro l’Aids

Soldati di Catembe a scuola di prevenzione tra cinema, spettacoli e dibattiti
25 gennaio 2005
Alisei

Corso di prevenzione AIDS nelle caserme del Mozambico MAPUTO, 25 gennaio 2005 - L’Organizzazione Non Governativa italiana Alisei, l’associazione mozambicana AJHM ed il Programma di Emergenza Colera – Aid 7949 della Cooperazione Italiana, daranno il via la prossima settimana nelle scuole militari di Catembe ad un variegato programma di intrattenimento e dibattiti volto a favorire la cultura della prevenzione dell’Aids.
Le attività saranno effettuate nell’Escola pratica de artilheria terrestre e nell’Escola da marina de fuzileiros. La prossima settimana quindi i militari impareranno non solo a difendere la Patria, ma anche a difendere se stessi dal virus dell’HIV, uno dei maggiori pericoli per tutti i giovani mozambicani.
Secondo dati recenti, il tasso di prevalenza dell’HIV/Aids in Mozambico tra le persone di età compresa tra i 15 e i 49 anni è del 16,3 per cento.
Ai militari delle scuole sarà proposto un programma unico. I dibattiti sull’HIV saranno animati dai giovani associati dell’AJHM (Associação de Jovens Humanistas de Moçambique) e si alterneranno a danze e teatro interattivo della durata complessiva di alcune ore. Il contributo di Alisei è finanziato dalla Regione italiana Emilia Romagna. La Cooperazione Italiana invece fornirà il suo cinema itinerante CinemArena, che verrà accompagnato dalla piacevole comicità di Edoardo Garavata del teatro Gungu.
Si stima che i giovani soldati che saranno coinvolti in questo variopinto programma sono circa un migliaio. “E’ veramente molto importante fare prevenzione nelle caserme. Questi soldati provengono da diverse provincie del Mozambico e quando torneranno a casa daranno il buon esempio,” dice Giordano Segneri, rappresentante paese di Alisei, che ricorda anche la grande disponibilità mostrata dai vertici militari.
“Entrare nelle caserme è per noi un’occasione importante. Confrontarci su questi temi e stimolare il dibattito tra i nostri coetanei che hanno scelto di fare i soldati è una delle strade più efficaci per combattere questa piaga,” dice Fernando Chironda, presidente dell’AJHM.
“Siamo felici di poter dare i nostri mezzi a sostegno di quest’iniziativa. Il Mozambico è uno dei paesi più importanti per la Cooperazione Italiana e fin da moltissimi anni si intrecciano relazioni di amicizia tra il popolo italiano e quello mozambicano,” dice Alberto Bortolan, direttore della Cooperazione Italiana.

Corso di prevenzione AIDS nelle caserme del Mozambico INFORMAZIONE SUI PROMOTORI

Alisei è una Organizzazione Non Governativa italiana presente in Mozambico dal 1999. I suoi progetti sono finanziati prevalentemente dall’Unione Europea, dal Ministero degli Affari Esteri e dalle Regioni italiane. Alisei attualmente sta portando avanti in Mozambico attività nei campi sanitario, agro-forestale e diritti umani.

AJHM è un’associazione attiva dal 2000 e presente in quasi tutto il Mozambico. Le attività si concentrano nel campo dello sviluppo socio-culturale, educativo e sanitario, con un approccio partecipativo unito ad una spiccata capacità di animazione.

La Cooperazione Italiana e’ l’organizzazione del Ministero degli Affari Esteri italiano dedita allo sviluppo e sostegno dei Paesi in maggiore difficolta’. E’ presente in Mozambico da oltre trant’anni.

CONTATTI

Alisei: Giordano Segneri; Tel: 305790; E-mail: alisei.moz@teledata.mz ; Web: http://www.alisei.org
AJHM: Fernando Chironda; Tel: 082 380806; E-mail: jovizunga@yahoo.com.br ; web: http://www.amigosdeafrica.org
Cooperazione Italiana: Fabrizio Falcone; Tel: 01-495739; E-mail: fabriziofalcone2000@yahoo.it ; Web: http://www.italcoopmoz.com

Note: Ong Alisei 00258 1 305790
email: alisei.moz@teledata.mz

Articoli correlati

  • #SALUS La Salute al centro!
    Sociale
    A Bruxelles, al Parlamento Europeo. Prevenzione e salute.

    #SALUS La Salute al centro!

    Promuovere la salute è oggi la strada maestra da percorrere, per il miglioramento della qualità della vita delle persone, la sostenibilità ed equilibrio del pianeta, per un rapporto armonico con la natura e gli altri esseri viventi del pianeta.
    16 aprile 2019 - Eleonora Evi
  • Per il diritto di sognare dei più giovani e dei malati di AIDS in Congo
    Kimbau
    "Savana on the road"

    Per il diritto di sognare dei più giovani e dei malati di AIDS in Congo

    In moto per il Congo. Jean Marie resta bloccato. Il disco della frizione è partito, la prima non entra più. C'é un villaggio poco lontano, ci aiutano a spingere la moto fino alla cima. Ma poi non c'è verso di continuare.
    29 gennaio 2019 - Chiara Castellani
  • Vaccino Aids: sui brevetti soldi pubblici e profitti privati. Lettera a Ricciardi, presidente Iss - di Vittorio Agnoletto
    Pace

    Vaccino Aids: sui brevetti soldi pubblici e profitti privati. Lettera a Ricciardi, presidente Iss - di Vittorio Agnoletto

    4 dicembre 2017 - Laura Tussi
  • Terremoto 2009, non c’è memoria senza giustizia
    PeaceLink Abruzzo

    Terremoto 2009, non c’è memoria senza giustizia

    Nel novembre 2009, grazie all’associazione Kabawil e all’Abruzzo Social Forum, Hebe de Bonafini a nome delle Madres de Plaza de Mayo incontrò i familiari delle vittime della Casa dello Studente. Le Madres hanno insegnato al mondo che memoria fa rima con giustizia, che non c’è vera memoria senza giustizia. E’ quel che hanno testimoniato nell’Argentina post dittatura. E’ quello che, nell’infinita notte mai giunta all’alba e rimasta ferma alle 3.32 del 6 aprile 2009, che L’Aquila, l’Abruzzo e tutti i territori teatri di “tragedie” impongono.
    6 aprile 2017 - Alessio Di Florio
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.29 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)