Conflitti

Chirac accusato di appoggiare l'opposizione libanese

22 febbraio 2005
Associated Press

BEIRUT - Sabato, due ministri del governo libanese hanno violentemente accusato il Presidente francese Jacques Chirac di supportare l'iniziativa dell'opposizione libanese volta a privare di seggi il governo pro-siriano, e un ministro è perfino giunto ad affermare che Chirac stesse conducendo la battaglia.

La dura critica è arrivata in seguito al recente viaggio di Chirac a Beirut, dove ha fatto visita alla famiglia dell'ex primo ministro, Rafik Hariri, suo amico di vecchia data, recentemente assassinato.

Hariri è morto, la scorsa settimana a Beirut, insieme ad altre 16 persone, in un massiccio bombardamento.

In una dichiarazione rilasciata dalla famiglia di Hariri, subito dopo la visita di mercoledì di Chirac, si diceva che il Presidente si trovava in Libano in visita privata per porgere le sue condoglianze. Non ha incontrato nessun funzionario libanese, aggiungeva la dichiarazione.

Sabato, però, il ministro dell'Informazione Elie Ferzli ha sostenuto che, durante la sua tappa di sette ore a Beirut, Chirac ha incontrato i leader dell'opposizione.

"Jacques Chirac, il Presidente francese, sta conducendo in prima persona la battaglia nell'arena libanese", ha affermato Ferzli in un'intervista trasmessa dal canale satellitare Al-Arabiya.

Il Ministro della Difesa, Abdul-Rahim Murad, si è scagliato contro Chirac, accusandolo di incitare l'opposizione.

"Sfortunatamente, la Francia ha assunto la posizione più estremista", ha commentato Murad in un'intervista alla tv di stato libanese. "Il Presidente Chirac è venuto in Libano e ha totalmente ignorato il governo, il Presidente e tutti. Così, si è reso disponibile ad incoraggiare l'opposizione ad intensificarne la campagna".

Chirac ha affermato che l'assassinio di Hariri è stato un "atto atroce e indescrivibile" e ha chiesto un'indagine internazionale, rifiutata dal governo libanese.

I leader dell'opposizione hanno intensificato la loro campagna contro il governo pro-siriano venerdì, convocando una "sommossa" pacifica per costringere alle dimissioni il primo ministro Omar Karami e al ritiro dell'esercito siriano dal Libano.

La Francia e gli USA hanno appoggiato la Risoluzione 1559 del Consiglio di Sicurezza dell'ONU, che chiede alla Siria di ritirare le proprie milizie dal Libano e di smettere di interferire negli affari interni libanesi.

Dal 2 settembre, data in cui è stata adottata la risoluzione, gli Usa e la Francia, che ha dominato in Libano fino all'indipendenza del 1943, chiedono alla Siria il ritiro dell'esercito e la fine delle interferenze in Libano.

Note: Traduzione di Chiara Manfrinato per www.peacelink.it
Il testo e' liberamente utilizzabile a scopi non commerciali citando la fonte, l'autore e il traduttore / la traduttrice.

Articoli correlati

  • Abbandoniamo i pesanti deficit di parresia su guerra, terrorismo ed economia
    Conflitti

    Abbandoniamo i pesanti deficit di parresia su guerra, terrorismo ed economia

    Abbandoniamo l’alta filosofia, le raffinate (o interessate?) analisi geopolitiche o sociologiche. Mettiamo in fila, uno dopo l’altro, le banali, lineari verità che questi tempi ci raccontano. Ma che sembra proibito dire, un po’ come il famoso bambino del “vestito nuovo dell’imperatore”.
    3 gennaio 2019 - Alessio Di Florio
  • Tra mamme, un ponte di solidarietà che va lontano
    Pace

    Tra mamme, un ponte di solidarietà che va lontano

    "La Nostra Associazione ha pensato di fare qualcosa di più grande, per cercare di arrivare lontane. Da mamme, da donne, da esseri umani non potevamo più stare ferme a guardare senza fare niente, e dall’unione della nostra impotenza e profonda sofferenza è nato il nostro progetto TMT for Siria“.
    27 maggio 2018 - Roberto Del Bianco
  • OPAC: "Cloro usato probabilmente in Siria a febbraio"
    Conflitti
    Gli ispettori inviati dall'ONU e che indagano sull'uso di armi chimiche non hanno addossato la responsabilità ad alcuna delle parti in conflitto

    OPAC: "Cloro usato probabilmente in Siria a febbraio"

    Le analisi si riferiscono ad un evento accaduto a febbraio a Saraqueb, città che dista 290 chilometri rispetto a Duma, sito dove è stato sospettato un attacco chimico ad aprile di quest'anno
    17 maggio 2018 - Alessandro Marescotti
  • Nuovo attacco militare contro la Siria
    Conflitti
    Grave violazione del diritto internazionale

    Nuovo attacco militare contro la Siria

    Protagonista del nuovo attacco è Israele che ha lanciato missili contro postazioni militari iraniane in Siria. In questo clima incandescente il movimento per la pace deve far risentire la propria voce prima che questo vulcano esploda provocando una ulteriore escalation per fini geopolitici che nulla hanno a che fare con la tutela della pace e dei diritti umani.
    10 maggio 2018 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.6 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)