Conflitti

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • Conto Corrente Bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • F-35

    F-35

    La cinica conclusione nella Relazione speciale sulla partecipazione italiana al Programma F-35 Lightning II della Corte dei conti e la cupa posizione dei sindacati confederali. Di fatto le forze aeree straniere che utilizzano l’F-35 saranno costrette a finanziare con 150 milioni di dollari i laboratori software degli Stati Uniti occupati quasi per il 50% da personale statunitense
    1 settembre 2017 - Rossana De Simone
  • Le bugie sull’Afghanistan
    Nessuna ricostruzione nonostante i 100 miliardi di dollari spesi dagli USA

    Le bugie sull’Afghanistan

    Un triste bilancio sulla missione USA in Afghanistan mentre Trump rilancia e promette "più uomini fino alla vittoria finale"
    24 agosto 2017 - Matthew Hoh
  • New York

    L'era atomica sta per finire - di Alfonso Navarra

    Oggi all'ONU si è varato un Trattato per proibire gli ordigni nucleari.
    7 luglio 2017 - Laura Tussi
  • A New York la riunione ICAN
    Campagna internazionale per la messa al bando delle armi nucleari

    A New York la riunione ICAN

    La mattina di mercoledi 6 luglio affollata riunione dell’ICAN, con quasi un centinaio di partecipanti e molti interventi. La linea che è emersa definisce prioritario il portare a casa il Trattato di fronte alle pressioni ed ai ricatti che crescono per arenare la proibizione giuridica delle armi nucleari.
    6 luglio 2017 - Alfonso Navarra

Chirac accusato di appoggiare l'opposizione libanese

22 febbraio 2005 - Associated Press

BEIRUT - Sabato, due ministri del governo libanese hanno violentemente accusato il Presidente francese Jacques Chirac di supportare l'iniziativa dell'opposizione libanese volta a privare di seggi il governo pro-siriano, e un ministro è perfino giunto ad affermare che Chirac stesse conducendo la battaglia.

La dura critica è arrivata in seguito al recente viaggio di Chirac a Beirut, dove ha fatto visita alla famiglia dell'ex primo ministro, Rafik Hariri, suo amico di vecchia data, recentemente assassinato.

Hariri è morto, la scorsa settimana a Beirut, insieme ad altre 16 persone, in un massiccio bombardamento.

In una dichiarazione rilasciata dalla famiglia di Hariri, subito dopo la visita di mercoledì di Chirac, si diceva che il Presidente si trovava in Libano in visita privata per porgere le sue condoglianze. Non ha incontrato nessun funzionario libanese, aggiungeva la dichiarazione.

Sabato, però, il ministro dell'Informazione Elie Ferzli ha sostenuto che, durante la sua tappa di sette ore a Beirut, Chirac ha incontrato i leader dell'opposizione.

"Jacques Chirac, il Presidente francese, sta conducendo in prima persona la battaglia nell'arena libanese", ha affermato Ferzli in un'intervista trasmessa dal canale satellitare Al-Arabiya.

Il Ministro della Difesa, Abdul-Rahim Murad, si è scagliato contro Chirac, accusandolo di incitare l'opposizione.

"Sfortunatamente, la Francia ha assunto la posizione più estremista", ha commentato Murad in un'intervista alla tv di stato libanese. "Il Presidente Chirac è venuto in Libano e ha totalmente ignorato il governo, il Presidente e tutti. Così, si è reso disponibile ad incoraggiare l'opposizione ad intensificarne la campagna".

Chirac ha affermato che l'assassinio di Hariri è stato un "atto atroce e indescrivibile" e ha chiesto un'indagine internazionale, rifiutata dal governo libanese.

I leader dell'opposizione hanno intensificato la loro campagna contro il governo pro-siriano venerdì, convocando una "sommossa" pacifica per costringere alle dimissioni il primo ministro Omar Karami e al ritiro dell'esercito siriano dal Libano.

La Francia e gli USA hanno appoggiato la Risoluzione 1559 del Consiglio di Sicurezza dell'ONU, che chiede alla Siria di ritirare le proprie milizie dal Libano e di smettere di interferire negli affari interni libanesi.

Dal 2 settembre, data in cui è stata adottata la risoluzione, gli Usa e la Francia, che ha dominato in Libano fino all'indipendenza del 1943, chiedono alla Siria il ritiro dell'esercito e la fine delle interferenze in Libano.

Note:

Traduzione di Chiara Manfrinato per www.peacelink.it
Il testo e' liberamente utilizzabile a scopi non commerciali citando la fonte, l'autore e il traduttore / la traduttrice.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.6 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Posta elettronica certificata (PEC)