Conflitti

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • Conto Corrente Bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Venezuela: il chavismo è maggioranza nel paese
    Alle regionali del 15 ottobre disfatta dell’opposizione

    Venezuela: il chavismo è maggioranza nel paese

    Alle destre solo cinque stati contro i diciassette bolivariani
    22 ottobre 2017 - David Lifodi
  • Jalal Talabani, un peshmerga, un leader, un uomo di pace
    Jalal Talabani non è stato soltanto, fino al 2014, il Presidente della Repubblica dell’Iraq. E’ stato il garante istituzionale di un Paese nato esattamente un secolo fa.

    Jalal Talabani, un peshmerga, un leader, un uomo di pace

    E’ trascorsa una settimana dal Referendum - così a lungo atteso - per l’indipendenza del Kurdistan Iracheno. Oggi la notizia della morte di Jalal Talabani. I due eventi, casualmente così ravvicinati, sembrano concatenarsi in una sequenza simbolica di passaggio di testimone.
    4 ottobre 2017 - Andrea Misuri
  • Il filo rosso dei deboli e degli indifesi di Dino

    Il filo rosso dei deboli e degli indifesi di Dino

    Ma si riuscirà mai, per dirla con don Lorenzo Milani, a far strada agli impoveriti senza farsi strada? Portare al centro della politica gli ultimi, gli emarginati, gli impoveriti, i lavoratori, chi lotta contro le ingiustizie, le mafie, la disumanità e la barbarie delle guerre, facendo quanti più passi indietro perché siano loro a farne almeno una volta, almeno uno, avanti? Ma non sarebbe quasi ora di domandarsi, anche se non so quanti hanno fratelli che sono figli unici, se siamo ancora convinti che esistono gli sfruttati, i malpagati, i frustati, i calpestati e gli odiati e la vicinanza/distanza da loro?
    2 giugno 2017 - Alessio Di Florio
  • Che cosa era la guerra?
    A ogni incontro, Gulala riporta una frase esplicativa nella sua semplicità, della poetessa americana Eve Merriam: “Io sogno di dare alla luce un bambino che chieda: Mamma, che cosa era la guerra?”

    Che cosa era la guerra?

    Brevi note dopo la cena-incontro solidale che da Campi Bisenzio ha dato voce a chi dall'Italia lavora per Kurdistan Save the Children. Un progetto che prosegue, un ponte reciproco con la regione tormentata del Nord Iraq.
    6 marzo 2017 - Andrea Misuri

Iraq: La grande fabbrica della menzogna arruola anche parte della sinistra

23 febbraio 2005 - Giulietto Chiesa
Fonte: Megachip.info

Fassino con il tricolore
Dobbiamo a internet la riscoperta dell'articolo del New York Times del 4 Settembre 1967, intitolato così: "Il voto in Vietnam rincuora gli Stati Uniti". Il sommario che lo accompagnava era questo: "Affluenza alle urne dell'83%, nonostante il terrorismo dei vietcong". L'autore si chiamava Peter Grose e possiamo considerarlo l'antesignano del giornalismo di punta contemporaneo, embedded, delle Lucia Annunziata e Monica Maggioni che imperversano sui nostri schermi, raccontandoci la guerra dei vincitori.

Il voto dell'Iraq ha rincuorato Bush, Blair, Berlusconi, e ha messo in ginocchio, letteralmente, la sinistra italiana, la quale (salvo lodevoli e sparse eccezioni) ha creduto alla stessa favola del New York Times di Peter Grose. Favola che il New York Times ha ripetuto, pari pari, il 31 gennaio 2004, seguito a ruota da tutti i maggiori giornali del mondo occidentale, e da tutti i maggiori giornali italiani.

I quali hanno creduto alle cifre, fumosamente e contradditoriamente rese note dalla Commissione Elettorale Indipendente irachena. Si noti l'aggettivo "indipendente", excusatio non petita posta a suggello di elezioni che di indipendente non hanno avuto nulla.

Fassino, dalla tribuna del Congresso dei DS, tuona che otto milioni di iracheni sono andati a votare. Il dato è, più che falso, inesistente. Chi glielo ha detto? Nessuno. O forse ha fatto una media ponderata di quello che ha letto dai giornali della grande stampa "indipendente dalla verità! ". E ha aggiunto che "sono loro i veri resistenti". Come dire che il popolo iracheno è andato a votare in massa e, quindi, è contro la resistenza armata all'occupazione americana. Cioè il popolo iracheno sta con gli americani ed è contento della democrazia che loro gli hanno portato.

Così agli esultanti Bush, Blair, Berlusconi possiamo aggiungere l'esultante Piero Fassino.

Ora noi non sappiamo se finirà come in Vietnam (temo che finirà peggio), ma possiamo avanzare qualche preliminare osservazione. I dati sono tutti falsificati. Le elezioni irachene sono state tutt'altra cosa rispetto a ciò che ci hanno fatto vedere. Un buon terzo del paese sicuramente non ha votato. Lo si sapeva fin dall'inizio e queste elezioni farsa sono state organizzate da Washington proprio per isolare i sunniti, cioè per spaccare il paese.

La stessa Commissione Elettorale ! (lasciamo perdere l' "indipendente") ha comunque detto che ha votato il 57% degli "elettori iscritti". Quanti erano gli elettori iscritti? Il dato preciso non è mai stato fornito. Per la banale ragione che non ne esisteva uno. Il punto di riferimento erano gli "elenchi russi", cioè le tessere annonarie per il cibo che erano state distribuite nel programma "Oil for Food" (petrolio per cibo) ai tempi di Saddam. Ma quanti si sono iscritti al voto? Quelle tessere (e io le ho viste nei seggi di Nassirya) erano spesso illeggibili. Altre invece apparivano nuovissime. Da dove venivano? Insomma nulla ci è stato detto circa il tasso di iscrizione alle liste elettorali, per cui quel dato, l'unico ufficiale, non ci dice assolutamente nulla sul numero dei votanti.

Non si sono iscritti perché avevano paura dei terroristi? Sicuramente in parte è stato così. Ma questo conferma clamorosamente l'inva! lidità di queste elezioni. Di nuovo parla il testimone. A Nassirya e Bassora, maggioranza sciita schiacciante, il voto è avvenuto in un clima di stato d'assedio generalizzato. Il traffico automobilistico è stato bloccato per tre giorni. Ogni seggio era presidiato da decine di uomini armati - la nuova milizia irachena - con fucili e divise nuovi di zecca, cecchini sui tetti, blocchi stradali a distanza, gimkane di cemento armato etc. Le truppe straniere (a Nassirya italiani, portoghesi e rumeni, a Bassora gli inglesi) erano state poste a difesa delle stazioni di polizia). Di quale consenso si può parlare in queste condizioni?

Ma c'è un altro dato assai significativo: nei seggi aperti all'estero, dove i problemi di sicurezza non esistevano, solo il 25% degl'iracheni si sono iscritti alle liste. Eppure non c'era nessun pericolo!

Certo che c'erano le file ai seggi: al sud! , nelle zone sciite, e al nord, nelle zone curde. Il resto chi l'ha visto? Dobbiamo fidarci della Commissione Elettorale, composta da persone selezionate da Allawi e dai consiglieri di Bremer? E nei seggi di Nassirya la gente c'era solo la mattina. Nel pomeriggio tutti i seggi erano deserti. E le urne trasparenti che ho visto (tredici seggi in tutto) erano piene solo per metà sebbene le schede elettorali, con 111 partiti, fossero grandi come sei fogli protocollo, e quasi sempre molto mal piegate. Noi abbiamo visto in tv le file ai seggi delle zone sciite, ma nient'altro, salvo pochi scorci - qualche secondo - dei seggi di Baghdad deserti. Ho chiesto più volte alla gente nei seggi se trovassero difficile votare, con tanti partiti sulla scheda, molti dei quali senza nemmeno un simbolo di riferimento. Tutti rispondevano che "era molto facile". E io pensavo che una scheda come quella! avrebbe creato grossi problemi di comprensione perfino in Italia, dove l'esperienza elettorale è ormai secolare.

Ma questi sono dettagli tecnici secondari. Il più importante dei quali è che quegli iracheni sono andati a votare senza sapere chi erano i candidati. I partiti ammessi al voto erano stati resi noti in anticipo, ma le liste dei candidati erano rimaste segrete per motivi di sicurezza!

Il tutto senza osservatori internazionali (io ci sono arrivato privatamente, usando l'invito rivoltomi dal ministero degli esteri britannico, insieme a Emma Nicholson, anch'essa deputata europea. E abbiamo viaggiato a bordo di auto blindate, ciascuno accompagnato da otto guardie del corpo private, armate fino ai denti). Sulla pratica degli osservatori internazionali ci sarebbe da fare un intero discorso. Ma in qualche caso essi sono stati utili per difendere gli elettori dalla prepotenza dei poteri. In ogni caso la consuetudine internazionale prevede che osservatori esterni imparziali possano all'occorrenza controllare le cifre ufficiali e seguire il procedimento di voto. Ma l'Onu aveva deciso di non mandare nessuno. La stessa cosa hanno fatto l'Osce e l'Unione Europea: "per l'assenza delle condizioni minime di sicurezza" E' fallito anche il tentativo del governo canadese di costituire una missione speciale per il controllo elettorale in Irak. La riunione, tenutasi il 19 e 20 dicembre scorsi, a Ottawa, a porte chiuse, si era conclusa con un doppio fallimento: dei venti paesi invitati solo sette, tra cui Gran Bretagna e Albania, avevano partecipato. E la conclusione era stata sconsolante (per loro): impossibile mandare osservatori all'interno. In alternativa fu deciso di aprire un ufficio ad Amman, Giordania, in cui avrebbero lavorato "da sei a dodici analisti! ", per studiare i dati provenienti dall'interno dell'Irak.

La comunità internazionale, dunque, aveva proclamato, implicitamente, alla vigilia del voto, la sua palese invalidità. A parte tutto il resto di questa invereconda storia della propaganda moderna, adesso sapremo ancora meno: la raccolta delle schede, la loro custodia, la conta dei voti assegnati a partiti fantasma, misteriosi e ambigui, pompati (come il risorto partito comunista, che perfino Berlusconi potrebbe affiliare a Forza Italia e che sarà certamente usato per condizionare il potere dell'ayatollah Al Sistani), finanziati dall'esterno.

Ma tutto il movimento contro la guerra non se n'è accorto e ha atteso passivamente che arrivasse la tempesta propagandistica, il "trionfo della democrazia" americana, la legittimazione postuma dell'aggressione.

Di fronte a questo tsunami propagandistico - cosa che dovrebbe farci riflettere - perfino a sinistra, e perfino nella sinistra più a sinistra, abbiamo assistito a balbettii di scusa, a penose e fumose richieste di autocritiche. Siamo entrati (ci entrammo con la guerra del Kosovo) nell'era dei "sentimenti obbligatori": quando l'opinione di massa, già formata dai media, costringe tutti ad assentire, pena la squalifica, il cartellino rosso, l'esclusione.

Noi non ci stiamo. La guerra irachena rimane illegale come lo fu all'inizio e le menzogne che la prepararono rimangono menzogne. Nella conta dei voti bisogna mettere anche i centomila morti innocenti di questa guerra, che la Commissione Elettorale "indipendente" (insieme ai suoi esegeti occidentali) intende seppellire una seconda volta.

Infine un'ultima notazione, a futura memoria. Sarà utile tenere conto che i padroni dei media si accontentano di vincere ai punti, e a mani basse, vista l'inconsistenza nostra su questo terreno decisivo. Ma sono pronti a organizzare la caccia alle streghe e la caccia all'uomo, ove e quando dovessero temere una reazione popolare. Quanti di noi se ne rendono conto?

Note:

http://www.megachip.info/modules.php?name=Sections&op=viewarticle&artid=225

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.6 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Posta elettronica certificata (PEC)