L'EFSA (ente europeo per la sicurezza alimentare) rivede in senso restrittivo la dose tollerabile

Troppa diossina negli alimenti: occorre l'istituzione di un marchio Dioxin Free

La dose tollerabile scende drasticamente, di ben 7 volte. Ora infatti la dose tollerabile settimanalmente è di 2 pg/kg e non più 14 pg/kg di peso corporeo. Cosa farà il governo italiano per tutelare i consumatori?
20 novembre 2018
Associazione PeaceLink

L'inquinamento da diossina è un problema e il rischio di portare a tavola cibi contaminati è stato sottostimato. La diossina entra infatti nel corpo umano per il 98% attraverso l'alimentazione, e solo per il 2% attraverso inalazione e contatto dermico.

Il dott. Ron Hoogenboom, membro del gruppo di esperti scientifici CONTAM e presidente del gruppo di lavoro sulle diossine, ha dichiarato: "Il gruppo di esperti scientifici ha stabilito una nuova assunzione settimanale tollerabile [DST] per diossine e PCB diossina-simili negli alimenti di 2 picogrammi* per chilogrammo di peso corporeo”.

Diossina, un pericolo nel cibo

L'EFSA è chiara: "La nuova DST è di sette volte inferiore alla precedente dose tollerabile UE, stabilita nel 2001 dal disciolto Comitato scientifico per l'alimentazione umana della Commissione europea".

Se prima la dose tollerabile era di 2 picogrammi giornalieri per chilogrammo di peso corporeo, ora si passa a 2 picogrammi settimanali per chilogrammo di peso corporeo. Quindi la dose tollerabile scende drasticamente, di ben 7 volte.

Questo significa che il rischio sale di 7 volte e che la dose prima "tollerabile" per una giornata è ora una dose tollerabile nell'arco di una settimana. Cumulando sette dosi tollerabili giornaliere (2 pg/kg corporeo) si otterrebbe in una settimana un cumulo inaccettabile (14 pg/kg).

Riassumendo: la dose tollerabile settimanalmente è di 2 pg/kg e non più 14 pg/kg.

Devono cambiare pertanto le abitudini di consumo, specie quelle he riguardano i grassi animali, per evitare eccessi di diossina.

A quando l'istituzione di un marchio Dioxin Free? L'idea era partita da un gruppo di studenti e da un progetto scolastico portato in Parlamento.

Il governo potrebbe prendere quel testo e trasformarlo in un disegno di legge.

Non solo. Ci chiediamo perché il governo italiano non riveda i limiti di concentrazione della diossina nei terreni (attualmente a 10 ng/kg di terra) abbassandolo drasticamente?

E' infatti l'inquinamento dei suoli destinati al pascolo che finisce per contaminare la catena alimentare.

E qui tocchiamo un punto dolente.

Lo spandimento di fanghi contenenti diossina con la nuova normativa non va nella direzione giusta. Lo abbiamo detto. E lo ribadiamo adesso con maggiore forza alla luce di questo nuovo autorevole parere su cui ci auguriamo che il governo rifletta per adottare provvedimenti a tutela della salute, dell'ambiente e dei consumatori.

 

Per PeaceLink

Alessandro Marescotti

Note: Per saperne di più http://www.efsa.europa.eu/it/press/news/181120

Articoli correlati

  • A Taranto emergono nuovi dati sulle deposizioni di diossina
    Taranto Sociale
    Comunicato stampa

    A Taranto emergono nuovi dati sulle deposizioni di diossina

    Con un accesso ai dati del deposimetro della masseria Carmine si nota un incremento considerevole delle deposizioni di diossina negli ultimi mesi del 2018. Mancano attualmente i dati relativi alle analisi delle deposizioni di novembre e dicembre.
    14 marzo 2019
  • Al tg3 Puglia il nuovo l'allarme diossina a Taranto
    Taranto Sociale
    Il sindaco ha chiuso due scuole in attesa della verifica dei dati Arpa.

    Al tg3 Puglia il nuovo l'allarme diossina a Taranto

    + 916% di diossina nell'aria di Taranto, secondo le rilevazioni delle centraline Arpa diffuse dai Verdi che annunciano un esposto. In attesa delle verifiche ministeriali, il Comune chiude due scuole vicine alla discarica ex Italsider
    3 marzo 2019 - Fulvia Gravame
  • A Taranto cade più diossina dal cielo, ecco di quanto è aumentata nei deposimetri
    Ecologia
    Forniamo i dati disaggregati anno per anno e zona per zona a Taranto

    A Taranto cade più diossina dal cielo, ecco di quanto è aumentata nei deposimetri

    "In un anno il valore della diossina a Taranto è aumentato del 916%", denunciano il coordinatore nazionale dei Verdi, Angelo Bonelli, e il consigliere comunale Vincenzo Fornaro, ex allevatore. La notizia è stata diffusa poco fa dall'ANSA
    2 marzo 2019 - Redazione PeaceLink
  • Nella mia masseria ritorna la diossina
    Ecologia
    Notizia di una gravità inaudita

    Nella mia masseria ritorna la diossina

    Ricordo che in quella masseria di Taranto ci vivo tuttora con la mia famiglia e la notizia mi lascia preoccupa. Nelle prossime ore farò tutti gli atti consequenziali per capire di quanto è aumentata la deposizione delle diossina
    28 febbraio 2019 - Vincenzo Fornaro

Prossimi appuntamenti

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.16 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)