L'EFSA (ente europeo per la sicurezza alimentare) rivede in senso restrittivo la dose tollerabile

Troppa diossina negli alimenti: occorre l'istituzione di un marchio Dioxin Free

La dose tollerabile scende drasticamente, di ben 7 volte. Ora infatti la dose tollerabile settimanalmente è di 2 pg/kg e non più 14 pg/kg di peso corporeo. Cosa farà il governo italiano per tutelare i consumatori?
20 novembre 2018 - Associazione PeaceLink

L'inquinamento da diossina è un problema e il rischio di portare a tavola cibi contaminati è stato sottostimato. La diossina entra infatti nel corpo umano per il 98% attraverso l'alimentazione, e solo per il 2% attraverso inalazione e contatto dermico.

Il dott. Ron Hoogenboom, membro del gruppo di esperti scientifici CONTAM e presidente del gruppo di lavoro sulle diossine, ha dichiarato: "Il gruppo di esperti scientifici ha stabilito una nuova assunzione settimanale tollerabile [DST] per diossine e PCB diossina-simili negli alimenti di 2 picogrammi* per chilogrammo di peso corporeo”.

Diossina, un pericolo nel cibo

L'EFSA è chiara: "La nuova DST è di sette volte inferiore alla precedente dose tollerabile UE, stabilita nel 2001 dal disciolto Comitato scientifico per l'alimentazione umana della Commissione europea".

Se prima la dose tollerabile era di 2 picogrammi giornalieri per chilogrammo di peso corporeo, ora si passa a 2 picogrammi settimanali per chilogrammo di peso corporeo. Quindi la dose tollerabile scende drasticamente, di ben 7 volte.

Questo significa che il rischio sale di 7 volte e che la dose prima "tollerabile" per una giornata è ora una dose tollerabile nell'arco di una settimana. Cumulando sette dosi tollerabili giornaliere (2 pg/kg corporeo) si otterrebbe in una settimana un cumulo inaccettabile (14 pg/kg).

Riassumendo: la dose tollerabile settimanalmente è di 2 pg/kg e non più 14 pg/kg.

Devono cambiare pertanto le abitudini di consumo, specie quelle he riguardano i grassi animali, per evitare eccessi di diossina.

A quando l'istituzione di un marchio Dioxin Free? L'idea era partita da un gruppo di studenti e da un progetto scolastico portato in Parlamento.

Il governo potrebbe prendere quel testo e trasformarlo in un disegno di legge.

Non solo. Ci chiediamo perché il governo italiano non riveda i limiti di concentrazione della diossina nei terreni (attualmente a 10 ng/kg di terra) abbassandolo drasticamente?

E' infatti l'inquinamento dei suoli destinati al pascolo che finisce per contaminare la catena alimentare.

E qui tocchiamo un punto dolente.

Lo spandimento di fanghi contenenti diossina con la nuova normativa non va nella direzione giusta. Lo abbiamo detto. E lo ribadiamo adesso con maggiore forza alla luce di questo nuovo autorevole parere su cui ci auguriamo che il governo rifletta per adottare provvedimenti a tutela della salute, dell'ambiente e dei consumatori.

 

Per PeaceLink

Alessandro Marescotti

Note: Per saperne di più http://www.efsa.europa.eu/it/press/news/181120

Articoli correlati

  • Quante cozze a settimana? Non più di 13 grammi
    Ecologia
    Dose tollerabile giornaliera per un bambino di 10 anni a Taranto

    Quante cozze a settimana? Non più di 13 grammi

    Diossine e PCB possono essere presenti nelle cozze di zone inquinate. Con i nuovi valori di DST (Dose Settimanale Tollerabile) divulgati dall'EFSA, a Taranto i bambini non dovrebbero mangiare più di 13 grammi di cozze a settimana
    21 novembre 2018 - Redazione PeaceLink
  • Diossina nei fanghi da spandere nelle campagne
    Ecologia
    Oggi in commissione ambiente alla Camera verrà proposta la norma

    Diossina nei fanghi da spandere nelle campagne

    Il governo prevede limiti fino 25 nanogrammi a chilo di terra, mentre a Taranto le pecore e le capre si sono contaminate brucando su terreni contaminati fino a 10 nanogrammi di diossina
    22 ottobre 2018 - Alessandro Marescotti
  • Perché concimare con i fanghi alla diossina?
    Consumo Critico
    PeaceLink propone di istituire un "bollino marrone" per i prodotti provenienti da terreni concimati con fanghi alla diossina

    Perché concimare con i fanghi alla diossina?

    Il ministro dell'Ambiente Sergio Costa sostiene la validità di una normativa che consente di spandere sui terreni agricoli fanghi di depurazione contenenti diossina in quantità anche più che doppia rispetto ai terreni contaminati attorno all'ILVA di Taranto.
    4 novembre 2018 - Alessandro Marescotti
  • Così muore la politica (e la cozza) nel qualunquismo di Valentina Tilgher
    Ecologia
    Diossina

    Così muore la politica (e la cozza) nel qualunquismo di Valentina Tilgher

    L'articolo di Peacelink sui mitili suscita la rabbia del vicesindaco di Taranto
    27 agosto 2018 - Luciano Manna

Prossimi appuntamenti

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.2 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)