L'EFSA (ente europeo per la sicurezza alimentare) rivede in senso restrittivo la dose tollerabile

Troppa diossina negli alimenti: occorre l'istituzione di un marchio Dioxin Free

La dose tollerabile scende drasticamente, di ben 7 volte. Ora infatti la dose tollerabile settimanalmente è di 2 pg/kg e non più 14 pg/kg di peso corporeo. Cosa farà il governo italiano per tutelare i consumatori?
20 novembre 2018
Associazione PeaceLink

L'inquinamento da diossina è un problema e il rischio di portare a tavola cibi contaminati è stato sottostimato. La diossina entra infatti nel corpo umano per il 98% attraverso l'alimentazione, e solo per il 2% attraverso inalazione e contatto dermico.

Il dott. Ron Hoogenboom, membro del gruppo di esperti scientifici CONTAM e presidente del gruppo di lavoro sulle diossine, ha dichiarato: "Il gruppo di esperti scientifici ha stabilito una nuova assunzione settimanale tollerabile [DST] per diossine e PCB diossina-simili negli alimenti di 2 picogrammi* per chilogrammo di peso corporeo”.

Diossina, un pericolo nel cibo

L'EFSA è chiara: "La nuova DST è di sette volte inferiore alla precedente dose tollerabile UE, stabilita nel 2001 dal disciolto Comitato scientifico per l'alimentazione umana della Commissione europea".

Se prima la dose tollerabile era di 2 picogrammi giornalieri per chilogrammo di peso corporeo, ora si passa a 2 picogrammi settimanali per chilogrammo di peso corporeo. Quindi la dose tollerabile scende drasticamente, di ben 7 volte.

Questo significa che il rischio sale di 7 volte e che la dose prima "tollerabile" per una giornata è ora una dose tollerabile nell'arco di una settimana. Cumulando sette dosi tollerabili giornaliere (2 pg/kg corporeo) si otterrebbe in una settimana un cumulo inaccettabile (14 pg/kg).

Riassumendo: la dose tollerabile settimanalmente è di 2 pg/kg e non più 14 pg/kg.

Devono cambiare pertanto le abitudini di consumo, specie quelle he riguardano i grassi animali, per evitare eccessi di diossina.

A quando l'istituzione di un marchio Dioxin Free? L'idea era partita da un gruppo di studenti e da un progetto scolastico portato in Parlamento.

Il governo potrebbe prendere quel testo e trasformarlo in un disegno di legge.

Non solo. Ci chiediamo perché il governo italiano non riveda i limiti di concentrazione della diossina nei terreni (attualmente a 10 ng/kg di terra) abbassandolo drasticamente?

E' infatti l'inquinamento dei suoli destinati al pascolo che finisce per contaminare la catena alimentare.

E qui tocchiamo un punto dolente.

Lo spandimento di fanghi contenenti diossina con la nuova normativa non va nella direzione giusta. Lo abbiamo detto. E lo ribadiamo adesso con maggiore forza alla luce di questo nuovo autorevole parere su cui ci auguriamo che il governo rifletta per adottare provvedimenti a tutela della salute, dell'ambiente e dei consumatori.

 

Per PeaceLink

Alessandro Marescotti

Note: Per saperne di più http://www.efsa.europa.eu/it/press/news/181120

Articoli correlati

  • La diossina nel pecorino
    Processo Ilva
    Tutto comincia il 27 febbraio 2008 e così prendono avvio le indagini di "Ambiente Svenduto"

    La diossina nel pecorino

    Il formaggio era prodotto da un pastore che pascolava vicino all'ILVA. Viene consegnato, a spese di PeaceLink, in un laboratorio di analisi di Lecce. "Diteci quello che c'è dentro". Qualche giorno dopo arriva una telefonata allarmata dal laboratorio: "C'è la diossina".
    Repubblica
  • Diffida sul campionamento continuo della diossina ILVA
    Ecologia
    Inviata dal Ministero della Transizione Ecologica al gestore dello stabilimento ILVA di Taranto

    Diffida sul campionamento continuo della diossina ILVA

    Il Gestore dell'ILVA non ha eseguito il controllo mensile del camino E-312. La legge prevede il fermo dell'impianto se accadesse una seconda volta in 12 mesi. PeaceLink evidenzia che dai controlli emerge una concentrazione di diossina superiore al limite prescritto per gli inceneritori.
    9 luglio 2021 - Associazione PeaceLink
  • Strategia comunitaria sulle diossine, i furani e i bifenili policlorurati
    Ecodidattica
    I limiti per la dose tollerabile sono stati abbassati di sette volte dall'EFSA nel 2018

    Strategia comunitaria sulle diossine, i furani e i bifenili policlorurati

    "In bambini esposti a diossine e/o PCB durante la fase gestazionale sono stati riscontrati effetti sullo sviluppo del sistema nervoso e sulla neurobiologia del comportamento, oltreché effetti sull’equilibrio ormonale della tiroide, ritardo nello sviluppo, disordini comportamentali".
    24 gennaio 2021 - Redazione
  • "Diossina dal camino?" Ancora nessuna risposta
    Taranto Sociale
    L'Arpa Puglia scrive nuovamente a Ministero dell'Ambiente e Ispra

    "Diossina dal camino?" Ancora nessuna risposta

    L'Agenzia regionale sollecita la revisione dell'Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA) e coinvolge il sindaco Melucci, già firmatario dell'ordinanza ferma al Consiglio di Stato.
    24 aprile 2021 - Mimmo Mazza
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)