Cultura

Lista Cultura

Archivio pubblico

Naufragio

"Terraferma". Quegli sguardi fissi e tenaci, soprattutto delle donne, rimarranno negli occhi a lungo
12 febbraio 2012

Dal film "Terraferma" (2011): decisioni, a Lampedusa, la vita o la legge ...

                                                 Le tante mani che sorreggono, accarezzano, dissetano, all'improvviso vengono costrette a staccarsi dai corpi degli uomini e delle donne arrivati dal mare su una spiaggia affollata, vivi ma stremati. Quando questo accade, la solitudine dei naufraghi  (la cui esistenza sappiamo essere stata appesa ad un filo, fino a pochi minuti prima), quel momento di solitudine  visivamente inaccettabile, si espande all’infinito.

E’ inevitabile tornare a pensarci, a quelle braccia lungo i corpi accasciati, da cui sembra sia stata risucchiata tutta l’energia che un'intera vita può trasportare con sé. Corpi sospesi e quasi abbandonati per un po’ da chi li abita. Il modo infantile che ha Crialese di osservare il mondo, come ripartendo dall’inizio di tutto, è il modo migliore che ha per mettere in luce i contrasti e le inquietudini, il mistero di ciò che ci è vicino e che non vediamo o non capiamo (il mare sotto di noi … e la storia, che ci trascina via storditi ed eternamente immaturi).

In mezzo a questo mare

Non va descritta troppo ma va vista: è una delle sequenze più belle del film uscito nelle sale lo scorso autunno - unico film italiano candidato all'Oscar - “Terraferma”, del regista Emanuele Crialese 

Nel film ci sono sequenze più dure e anche situazioni che fanno sorridere, come certi curiosi confronti tra giovani e anziani, e quadretti che mostrano la mollezza del presente. Le riprese sono splendide e originali, la tecnica sorprendentemente esperta e ricercata a dispetto di quello sguardo infantile.

Però le carezze su quei volti distrutti, gli sguardi fissi e tenaci - soprattutto delle donne - rimarranno negli occhi a lungo. E' una delle sequenze più belle di un film straordinario e arriva a metà del racconto.

Una nuova Antigone, per noi che siamo qui, affacciati sul Mediterraneo, viene a raccontarci di un mondo in cui la legge degli Stati volta lo sguardo e rifiuta gli uomini, ignorando le leggi che ne governano i sentimenti più profondi. Eccola su un’isola di questo mare (Lampedusa). Viene a difendere un equilibrio naturale. Reagisce, come fa chi lotta contro chi vuole bloccare il corso di un torrente o portare via un cucciolo alla madre. Appare e scompare dentro il dialogo imperfetto tra tre donne di latitudini diverse e la vitalità severa di un bambino. Allibisce, se un uomo in divisa allontana persone che aiutano altre persone, le confortano dopo giorni o anni di cammino e paura tra deserto e mare, violenza e sfruttamento.

Dal film "Terraferma". L'aiuto sulla spiaggia

Allora, di quel mondo descritto prima e dopo il naufragio, mondo di cose consuete, di stranezze, di imposizioni “dell’autorità” e ostinate ribellioni, si vede all’improvviso la sostanza poetica, la ragione accanto alla paura, lo smarrimento degli adolescenti, la determinazione ancora lucida degli anziani. Gli interrogativi di noi tutti, in mezzo a questo mare.

Note: Il trailer del film "Terraferma"
http://www.youtube.com/watch?v=834BqSkTy_c

Il Codice del mare
http://www.youtube.com/watch?v=aZ_vlaGx4aE
http://www.youtube.com/watch?v=PVOE9tCbRuQ

Articoli correlati

  • Giornata internazionale dell'Africa
    Pace
    L'Italia cessi di rifornire di armi chi ogni giorno in Africa commette stragi

    Giornata internazionale dell'Africa

    L'Africa ci parla, ci interroga, ci indica i nostri comuni doveri, e primo fra tutti il dovere di condividere il bene ed i beni fra tutti gli esseri umani, tutti ugualmente appartenenti all'unica umana famiglia, tutti ugualmente abitanti di quest'unico mondo vivente.
    24 maggio 2020 - Peppe Sini
  • Open Data, citizen-science e ambientalismo
    Citizen science

    Open Data, citizen-science e ambientalismo

    L'esempio di PeaceLink a Taranto e possibili campagne in Sicilia
    12 giugno 2019 - Francesco Iannuzzelli
  • Varese: progetto di assistenza sanitaria per immigrati
    Migranti
    L’ambulatorio è nato dall'impegno di un gruppo di volontari

    Varese: progetto di assistenza sanitaria per immigrati

    Sanità di Frontiera (SDF) è frutto di un' iniziativa autonoma di un  gruppo di volontari che, quando nel 2009 fu definito il "reato di clandestinità", immediatamente sorse dal nulla, sull'onda del forte sdegno provocato da questa aberrazione giuridica
    25 febbraio 2020 - Sanità di Frontiera
  • Quante Lilian nelle nostre strade? E quante coscienze sporche rivestite?
    PeaceLink Abruzzo

    Quante Lilian nelle nostre strade? E quante coscienze sporche rivestite?

    Quante sofferenze, dolori, lacrime vengono soffocati dai più schifosi aguzzini della nostra società perbenista e ipocrita, quanti mercanti di morte quotidianamente continuano a lucrare e prosperare?
    16 dicembre 2019 - Alessio Di Florio
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)