Conflitti

Profonda preoccupazione per l'impatto dei combattimenti sui civili congolesi

Il segretario di Stato americano Blinken chiama il presidente ruandese Kagame

Il segretario Blinken ha chiarito che qualsiasi sostegno esterno ai gruppi armati non statali nella RDC deve finire, compresa l'assistenza del Ruanda al gruppo armato M23.
6 dicembre 2022
Ned Price (portavoce del dipartimento di Stato USA )
Tradotto da per PeaceLink

Rwanda, al confine con la Repubblica Democratica del Congo

Il Segretario di Stato Antony J. Blinken ha parlato ieri con il Presidente ruandese Paul Kagame per discutere dell'importanza della pace e della stabilità nell'est della Repubblica Democratica del Congo (RDC).

Il segretario Blinken ha espresso un forte sostegno alla mediazione regionale e al dialogo guidati dall'Angola e dalla Comunità dell'Africa orientale. Ha sottolineato la necessità di progressi concreti e l'attuazione degli impegni assunti durante queste discussioni, compreso il comunicato del Mini-Vertice di Luanda del 23 novembre sulla pace e la sicurezza.

Il segretario Blinken ha chiarito che qualsiasi sostegno esterno ai gruppi armati non statali nella RDC deve finire, compresa l'assistenza del Ruanda all'M23, un gruppo armato che è stato come tale classificato dagli Stati Uniti e dalle Nazioni Unite.

Il Segretario Blinken ha anche condiviso la profonda preoccupazione per l'impatto dei combattimenti sui civili congolesi che sono stati uccisi, feriti e sfollati dalle loro case.

Il segretario Blinken ha condannato la recrudescenza dell'incitamento all'odio e dell'incitamento pubblico contro le comunità ruandesi, ricordando le conseguenze reali e orribili di tale retorica in passato.

Note: "Il Rwanda invade il Congo". E l'Unione Europea? Finanzia l'esercito rwandese. E gli USA? Espandono i loro investimenti nel Rwanda. Per saperne di più clicca su https://lists.peacelink.it/pace/2022/12/msg00006.html

Il sostegno dell'UE all'esercito del Rwanda
https://www.agensir.it/quotidiano/2022/12/1/ue-fondi-per-eserciti-di-bosnia-erzegovina-georgia-libano-mauritania-e-ruanda-attrezzature-servizi-medici-cybersicurezza-lotta-al-terrorismo/

I combattimenti nella provincia orientale del Nord Kivu della Repubblica Democratica del Congo (RDC) sono peggiorati nelle ultime settimane, provocando decine di migliaia di sfollati e portando i ribelli a 20 km dalla capitale provinciale, Goma. Il primo risultato è la nuova crisi diplomatica tra Congo e Rwanda.
Per saperne di più clicca su https://lindro.it/congo-m23-pretesto-per-ripresa-delle-ostilita-tra-congo-e-rwanda/

Il Rapporto Mapping. A distanza di anni dagli efferati crimini sopravvenuti durante le due Guerre del Congo, non è ancora stato istituito un Tribunale penale internazionale per l’imputazione dei responsabili. Il rapporto, offre un quadro complessivo dei crimini più gravi commessi nella RDC tra il 1993 e il 2003. 550 pagine che descrivono violenze, sopraffazioni, stupri di massa, sfruttamento dei bambini, rapimenti, omicidi. Nonostante questa documentazione circostanziata i responsabili – di cui si conoscono i nomi – sono ancora liberi di continuare e perpetrare soprusi contro la popolazione costretta, dalla prosecuzione delle violenze, a ricercare rifugio altrove.
https://www.peacelink.it/calendario/event.php?id=10169

L'ombra del genocidio su Francia, sugli USA e sul presidente rwandese Kagame https://www.osservatoriodiritti.it/2017/09/21/genocidio-rwanda-usa-paul-kagame/
https://www.osservatoriodiritti.it/2017/09/21/genocidio-rwanda-usa-paul-kagame/

Articoli correlati

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)