Cultura

Lista Cultura

Archivio pubblico

Firenze, Festival dei Popoli 2013

"In viaggio con Cecilia" nella Puglia dell'Ilva

Il viaggio di due cineaste in luoghi già filmati negli anni '60 da una di loro (Cecilia Mangini, accanto a De Martino durante le sue ricerche sul Sud), scoprendo le città industriali - o post industriali - di Taranto e Brindisi
1 dicembre 2013

Ad inaugurare il FESTIVAL DEI POPOLI di Firenze, il 30 novembre scorso, il documentario “In viaggio con Cecilia”,  viaggio in Puglia fatto nel 2012 da due cineaste nella terra d'origine, già filmata negli anni ’60 dalla più anziana (Cecilia) durante le ricerche di Ernesto De Martino (l'antropologo che si occupò della Basilicata e del Salento in alcuni dei suoi libri più noti, come "Sud e magia" e "La terra del rimorso"). Luoghi del Sud in cui ora donne e operai si confrontano con l'esperienza industriale di questi decenni, con i cambiamenti e con le ferite. In particolare a Taranto in quell’estate del 2012 , quando a nessuno è più consentito di ignorare o provare a dimenticare l’impatto drammatico dell'Ilva e delle sue regole dentro le fibre di quella comunità.

Le autrici - Cecilia Mangini e Mariangela Barbanente - entrano nei vicoli della città storica, nel vivo delle indagini penali per la gestione senza scrupoli dell'acciaieria, della debolezza e della forza dimostrate dagli operai, di uno strato antico di rassegnazione e di ingiustizia. Lo stesso che avvolge Brindisi, che ha vissuto la sua trasformazione soffocata dal carbone della centrale più grande d’Italia e da industrie come il Petrolchimico Montecatini. Passato e presente, generazioni, padroni, operai e città sono ora gli uni di fronte agli altri.

LA STRAORDINARIA PASSIONE DI CECILIA

Cecilia Mangini ha realizzato i primi documentari negli anni ‘50, alcuni con il suo compagno di vita Lino Del Frà, altri insieme a Pier Paolo Pasolini e alle sue sceneggiature, ambientate nelle grandi periferie urbane e nel Salento.

A proposito delle sue passioni, in un'intervista in cui parla del suo film “Essere donne” (1965), Cecilia ricorda: Se in quegli anni noi documentaristi  avevamo un sogno, era quello di entrare a girare in fabbrica … Ma era un sogno proibito”. E invece dal partito comunista arriva la proposta di girare un documentario sulla situazione della donna in Italia. Entra in molte fabbriche, nel Nord e nel Sud, ritrovandosi a descrivere una parte di Puglia dimenticata. Continua a occuparsi di sociale  fino a “Comizi d’amore”, un lungo reportage realizzato con Del Frà e Pasolini attraverso l’Italia del 1980, e persino di eutanasia. E da quello che trasmettono le sue interviste, si capisce bene che prima di questo ultimo documentario ha continuato a interessarsi di realtà e di sentimenti con la curiosità e la libertà di giudizio di sempre. Taranto nelle riprese di "In viaggio con Cecilia", di Cecilia Mangini e Mariangela Barbanente

Mariangela Barbanente nel 2012 ha firmato la sceneggiatura di un cortometraggio notevole come “L’intervallo”, pluripremiato a Venezia. Questa storia claustrofobica di giovani napoletani finisce per regalare, accanto alla tristezza, la sensazione inaspettata di aver potuto approfondire il respiro e la possibilità di capire.   

Note: Presentazione del film
http://www.apuliafilmcommission.it/news/in-viaggio-con-cecilia-evento-speciale-di-apertura-del-festival-dei-popoli

Il documentario del 1965 dedicato alle donne in fabbrica (video-intervista)
http://www.youtube.com/watch?v=awxFiu5eRxg

Altri documentari di Cecilia Mangini (2011 Molfetta) http://www.cooperativacameraasud.it/cecilia-mangini

"L'intervallo" (2012) di Mariangela Barbanente
http://trovacinema.repubblica.it/film/lintervallo/419901

Programma del Festival dei Popoli 2013 (Firenze 30 novembre - 7 dicembre)
http://www.festivaldeipopoli.org/

Articoli correlati

  • La sentenza del TAR per lo stop degli impianti è stata trasmessa al Consiglio Europa
    Taranto Sociale
    ArcelorMittal

    La sentenza del TAR per lo stop degli impianti è stata trasmessa al Consiglio Europa

    Legamjonici contro l’inquinamento, una delle associazioni ambientaliste di Taranto, ha trasmesso al comitato dei ministri del Consiglio d’Europa la sentenza dello scorso 13 febbraio del Tar di Lecce che ordina ad ArcelorMittal di spegnere gli impianti inquinanti.
    25 febbraio 2021 - AGI (Agenzia Giornalistica Italia)
  • "Mancano le tute nello stabilimento siderurgico di Taranto"
    Taranto Sociale
    Denuncia della Uilm

    "Mancano le tute nello stabilimento siderurgico di Taranto"

    La denuncia, oltre che ad ArcelorMittal, è inviata anche a Spesal, il servizio sicurezza luoghi di lavoro dell’Asl. “I lavoratori da più tempo - afferma la Uilm - da più tempo non riescono ad approvvigionarsi di tute per poter svolgere la propria mansione”.
    23 febbraio 2021 - AGI (Agenzia Giornalistica Italia)
  • ArcelorMittal: Peacelink, dopo sentenza nuova fase per Taranto
    Taranto Sociale
    Dopo la sentenza del TAR di Lecce

    ArcelorMittal: Peacelink, dopo sentenza nuova fase per Taranto

    "Un'intera comunità deve richiedere che il Recovery Plan finanzi la riconversione dei lavoratori Ilva impiegandoli in attività di bonifica, di utilità sociale e di riqualificazione territoriale. Occorre chiudere definitivamente l'area a caldo così come è avvenuto a Genova e a Trieste”.
    13 febbraio 2021 - AGI (Agenzia Giornalistica Italia)
  • Per il Tar di Lecce ILVA impone un tributo inaccettabile "in termini di vite e di salute"
    Editoriale
    Ordinato lo spegnimento dell'area a caldo del siderurgico di Taranto

    Per il Tar di Lecce ILVA impone un tributo inaccettabile "in termini di vite e di salute"

    Chiediamo che il nuovo ministro della Transizione Ecologica, Roberto Cingolani, non faccia ricorso contro questa sentenza ma la accolga come una opportunità. La chiusura dell'area a caldo deve essere l'occasione per riprogettare lo sviluppo e porre fine a decenni di sofferenze.
    13 febbraio 2021 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)