Cultura

Lista Cultura

Archivio pubblico

"L'Abisso" di Davide Enia e il dovere di vivere

Lo spettacolo la cui prima durante la festa di RADIO 3 "Materadio" emozionò il pubblico di Piazza San Francesco continua a commuovere
31 gennaio 2019

Foto http://www.teatrodiroma.net

La prima di “Scene dalla frontiera. L’abisso” si è svolta lo scorso 23 settembre in una piazza di Matera, nei giorni di “Materadio”, la festa di Radio 3 di cui è protagonista da alcuni anni la città dei Sassi e che ne ha fortemente sostenuto la candidatura a capitale della cultura 2019.

In quell'occasione, l’interpretazione di Davide Enia, autore tornato sui palchi con questo monologo, è stata straordinaria. Ma l’emozione è stata altrettanto intensa poche settimane dopo per il pubblico del teatro India di Roma.

Non perdetelo. Saranno difficili da dimenticare i ritratti e i corpi dei protagonisti descritti, in fondo, con poche pennellate. Verrebbe da dire che quelle persone - corpi e pensieri di persone salvatrici, salvate o perse in quel gioco della sorte e della volontà - si sintonizzino con il nostro di corpo, dentro il ritmo del racconto e negli stessi suoni e pensieri che avvolgono quei luoghi e quelle anime, il mare di Lampedusa e tutti i luoghi del mondo.  

Le onde nel Mediterraneo sono più impetuose e pericolose perché più corte e incalzanti rispetto a quelle degli oceani. Nel buio quasi totale in cui avvengono alcune operazioni i soccorritori devono conoscerle e governarle con perfezione scientifica. Ma si intuisce che, qualche volta, fanno qualcosa di più di ciò che è prevedibile secondo le leggi della fisica e le tecniche di salvataggio. Perché si ha il diritto e il dovere di vivere.  

-------

Questa sera Davide Enia presenta l'audio-libro "Appunti per un naufragio" al teatro Alcazar di Roma.

Note: http://www.davideenia.org/

MATERADIO 2018
https://www.raiplayradio.it/articoli/2018/07/Radio3-Materadio-2018-Globalelocale-03cee935-abcc-4fc2-b446-fd8cdd831419.html

Articoli correlati

  • Morte e vita dei migranti
    Migranti
    Un oblò sul nostro futuro

    Morte e vita dei migranti

    Rischiamo condizioni irreversibili di ingiustizia e crudeltà. L'unico inattaccabile sul piano umano e della ragione è il comportamento dei volontari, a fronte di scelte dei governi miopi e scellerate
    18 novembre 2021 - Lidia Giannotti
  • Veri lager sotto i nostri occhi
    Migranti
    Discorso a Cipro

    Veri lager sotto i nostri occhi

    Dobbiamo andare contro questo vizio di abituarci alle tragedie, non possiamo abituarci all'indifferenza. Spesso ci domandiamo come sia stato possibile che fossero stati costruiti i lager del secolo scorso, ma sta accadendo oggi.
    6 dicembre 2021 - Papa Francesco
  • Un’immagine al futuro per la solidarietà e la pace
    Pace
    Evento online in occasione del 20 Dicembre, Giornata Internazionale della Solidarietà

    Un’immagine al futuro per la solidarietà e la pace

    Solidarietà e inclusione, diritti e benessere sono condizioni necessarie per un’idea positiva della pace, pace con diritti e con giustizia sociale
    30 novembre 2021 - Laura Tussi
  • Morti 75 migranti
    Migranti
    L’Organizzazione per le migrazioni delle Nazioni unite (Oim) ha dato la terribile notizia

    Morti 75 migranti

    «Questo è il costo dell’inazione», dice Safa Msehli dell’Oim che ricorda come da inizio anno «almeno 1300 uomini, donne, bambini sono annegati nel tentativo di attraversare il Mediterraneo centrale».
    20 novembre 2021 - Fabio Albanese
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)