Cultura

Lista Cultura

Archivio pubblico

Grup Yorum: Canto per la Liberta' in Turchia, nonostante la repressione.

Grup Yorum:
Un gruppo musicale turco impegnato da anni a cantare per la liberta',
con il movimento dei lavoratori, con le lotte delle carceri,
con i popoli oppressi, contro il Regime autoritario e militare della Turchia.
8 ottobre 2004

Si puo' ascoltare una piccola "antologia" delle loro canzoni, con la traduzione italiana dei testi,
cliccndo su :

http://www.ranchdeiviandanti.it/GrupYorum/index.html

Con anche il link al Sito del Grup Yorum (in turco) :
http://www.grupyorum.net/
E, anche in inglese, francese e tedesco, al Link :
http://www.grupyorum.net/kampanya/
una cronaca delle repressioni in corso.

Ci sono le canzoni di solidarieta' ai prigionieri politici,
ed a chi ha fatto lo sciopero della fame per loro;
ci sono le canzoni 'classiche' del movimento operaio,
c'e' "Bella Ciao", e "Venceremos",
ci sono le canzoni del popolo kurdo...

Cantare per la liberta' ha attirato (e continua ad attirare)
la repressione del Regime contro il Grup Yorum.
Il caso di Ihsan Cibelik (musicista del gruppo),
incarcerato e torturato, e tuttora in prigione
nonostante affetto dalla sindrome inguaribile
di Wernicke-Korsakoff, ne e' un esempio.
Si puo' leggere l'Appello per Ihsan Cibelik
(in italiano) cliccando su :

Appello per Ihsan Cibelik :
http://www.ranchdeiviandanti.it/GrupYorum/Cibelik.html

La Turchia, mentre si ammanta di apparenze democratiche
per facilitare il proprio ingresso in Europa,
continua in realta' la propria politica autoritaria ed illiberale.
Moltissime sedi del GrupYorum sono state chiuse,
e molti aderenti del gruppo arrestati, nel periodo precedente
la visita di George Bush in Turchia, a fine giugno 2004.
La cronaca delle selvagge cariche poliziesche di quei giorni
(con le foto) e' (in italiano) nel Sito Web :

Per una Turchia Democratica :
http://www.ranchdeiviandanti.it/TurDem.html

Elías Letelier, nel suo editoriale intitolato:
"Poetas Antiimperialistas de América",
ha colto la profonda similitudine
tra l'esperienza del Grup Yorum
e quella dell'arte anti-imperialista latino-americana.
Il nome del Grup Yorim, in effetti, evoca quelli di
Pablo Neruda, Violeta Parra, Victor Jara,
degli Inti Illimani, e di tanti altri.

Elías Letelier ha scritto (riferendosi appunto ad Ihsan Cibelik) :
"La situazione di Ihsan Cibelik non ci e' estranea,
perche' noi conosciamo molto bene le azioni ed i metodi
che si impiegano contro gli artisti che dissentono.
Basta solo ricordare, Victor Jara,
giustiziato nello Stadio Nazionale del Cile...
Ihsan Cibelik non e' solo una voce del popolo turco,
ma anche di tutti gli oppressi della terra.
Basta ricordare che durante i momenti peggiori
della storia del nostro continente,
il canto in difesa dei "desaparecidos"
dei nostri paesi latino-americani,
denunciando quei crimini, e' stato la nostra voce,
quando noi stessi eravamo "desaparecidos"
con gli occhi bendati nelle carceri delle dittature,
quando noi stessi venivamo torturati.
Ed e' cosi' che il popolo turco, grazie al Grup Yorum,
ed a Ihsan Cibelik, l'artista 'condannato a morire',
oggi canta le canzoni della lotta argentina, cilena,
peruviana, boliviana, colombiana, nicaraguense,
di tutte le nazionalta' sconvolte,
che nutrono i medesimi sogni ed aspirazioni
per l'eguaglianza e per la giustizia".

Si puo' comunque aggiungere alle riflessioni di Elías Letelier
una piccola 'postilla':
una delle canzoni principali del repertorio del Grup Yorum
e' la versione in lingua turca di... "Bella Ciao".

Si puo' ascoltarla nella loro interpretazione,
cliccando su :
http://www.ranchdeiviandanti.it/GrupYorum/BellaCiao.html

Articoli correlati

  • 4 novembre 2019: non festa ma lutto. Ogni vittima ha il volto di Abele
    Pace

    4 novembre 2019: non festa ma lutto. Ogni vittima ha il volto di Abele

    Per questo chiediamo una drastica riduzione delle spese militari che gravano sul bilancio dello stato italiano per l'enorme importo di decine e decine di milioni di euro al giorno e che i fondi pubblici siano invece utilizzati in difesa dei diritti umani di tutti gli esseri umani e del mondo vivente.
    26 ottobre 2019 - Movimento Nonviolento, PeaceLink, Centro di ricerca per la pace e i diritti umani di Viterbo
  • NO all'invasione della Siria e al genocidio dei curdi
    Conflitti
    Comunicato stampa della Rete NoWar - Roma

    NO all'invasione della Siria e al genocidio dei curdi

    La Rete NO WAR condanna fermamente l'invasione della Siria ad opera dell'esercito turco come crimine di guerra.
    15 ottobre 2019 - Rete NoWar - Roma
  • Trucidata una attivista per i diritti delle donne
    Conflitti
    Siria, PeaceLink condanna l'attacco militare turco ed esprime sdegno per l'efferato omicidio

    Trucidata una attivista per i diritti delle donne

    Hevrin Khalaf, 35 anni, è stata uccisa a sangue freddo dai miliziani filo-turchi. Paladina dei diritti delle donne, era considerata un simbolo di dialogo, e quindi una persona potenzialmente pericolosa. Tra le vittime di questa guerra c'è proprio chi si è battuto per la pace e il dialogo.
    14 ottobre 2019 - Redazione PeaceLink
  • Sistemi missilistici russi S-400, merce ambita
    Disarmo
    Turchia

    Sistemi missilistici russi S-400, merce ambita

    Quando si vendono e si comprano armamenti, petrolio e gas, il manicheo rituale “buoni/cattivi” e “amici/nemici” viene messo elegantemente da parte
    23 luglio 2019 - Rossana De Simone
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.29 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)